17.3 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeTecnologiaC1 "Ariete", il carro armato in dotazione all'esercito italiano

C1 “Ariete”, il carro armato in dotazione all’esercito italiano

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il C1 Ariete  è il principale carro armato dell’Esercito Italiano, sviluppato dal Consorzio Iveco Oto Melara. Il telaio e il motore sono stati prodotti da Iveco, mentre la torretta e il controllo del fuoco sono stati forniti da OTO Melara. Il veicolo è dotato dei più recenti sistemi di imaging ottico e digitale e di controllo del fuoco, che gli consentono di combattere giorno e notte e di sparare in movimento.

Il serbatoio ha una disposizione convenzionale simile ad altri MBT occidentali: un conducente situato nella parte anteriore dello scafo, il vano di combattimento, verso il centro, e il vano motore nella parte posteriore dello scafo.

Nel 1988 furono sviluppati sei prototipi, che l’anno successivo furono sottoposti a test intensivi durante i quali i veicoli percorsero un totale di 16.000 km. Le consegne, inizialmente previste per il 1993, iniziarono solo nel 1995. La consegna finale è avvenuta 7 anni dopo, nell’agosto 2002.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Armi

L’armamento principale dell’Ariete è un cannone a canna liscia da 120 mm, progettato da OTO Breda, è simile al Rheinmetall L/44. È adattato per sparare la maggior parte dei proiettili standard NATO dello stesso calibro. Trasporta 42 colpi, 15 colpi pronti sono immagazzinati verticalmente sul lato sinistro della culatta del cannone principale. Gli altri 27 sono stivati ​​in una rastrelliera dello scafo a sinistra della postazione di guida. La canna del cannone ha un manicotto termoisolante e un aspiratore fumi; è completamente stabilizzato sia in azimut che in elevazione da un sistema ad azionamento elettroidraulico.

L’armamento secondario è costituito da una mitragliatrice coassiale MG 42/59 da 7,62 mm azionata dal cannoniere o dal comandante del carro armato e da un’arma aggiuntiva MG 42/59 da 7,62 mm configurata come arma antiaerea azionata dal caricatore del cannone principale dal suo portello.

Controllo del fuoco e acquisizione del bersaglio

L’avanzato sistema di controllo del fuoco del carro armato, prodotto da Galileo Avionica, è designato OG14L3 TURMS e include capacità panoramiche diurne e notturne per il mirino primario SP-T-694 del comandante (sviluppato in collaborazione da SFIM/Galileo), una piattaforma stabilizzata che include un mirino e un telemetro laser per aumentare la precisione e accelerare il rilevamento e il puntamento del bersaglio e un computer digitale per il controllo del fuoco, in grado di misurare la velocità del vento, l’umidità e le condizioni meteorologiche esterne, combinandole con l’angolo di elevazione della torretta, atteggiamento e usura fisica della canna per aumentare la precisione. Questo computer è anche un componente del sistema di navigazione del carro armato e consente lo scambio di informazioni tattiche tra i veicoli collegati in rete.

L’Ariete ha una capacità di “cacciatore-assassino” in cui il comandante individua e designa bersagli per l’artigliere in un campo visivo di 360° attorno al veicolo senza cambiare la sua posizione o dover aprire il portello della torretta per l’identificazione visiva dei bersagli. La vista del comandante ha anche una traslazione verticale da -10° a +60° dall’orizzontale, che consente al carro armato di ingaggiare minacce aeree a bassa quota, principalmente elicotteri. Durante i combattimenti notturni, il comandante e l’artigliere condividono il mirino termico che è in grado di risolvere un bersaglio di 2,3 × x 2,3 m da una distanza di 1.500 m.

Protezione dell’equipaggio e del carro armato

Su entrambi i lati della torretta in posizione anteriore sono montati dei lanciatori di granate fumogene azionati elettricamente. Il carro è dotato del sistema RALM, prodotto dalla Selex Communications (ex Marconi Italiana S.p.A.), che rileva i raggi laser dei sistemi di puntamento avversari; il sensore RALM è montato nella parte anteriore della torretta e copre un arco di 360 gradi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’Ariete, come tutti i carri armati occidentali di ultima generazione, ha una torretta protetta in materiali compositi, con un frontale assai inclinato, ma come nel caso del Leopard 2 i lati sono verticali. Le gonne laterali sono fatte in materiali compositi, prodotti dalla Lasar. Il carro ha una protezione maggiorata sull’arco frontale e vi è l’opzione di rinforzare i fianchi mediante corazzature aggiuntive laterali. Il peso limitato del mezzo fa però supporre una protezione minore (almeno nella versione senza corazze aggiuntive) rispetto ai carri occidentali coevi, ma i dati certi sono segreto militare.

Il carro è inoltre protetto da minacce nucleari, batteriologiche e chimiche (NBC) da un sistema sviluppato dalla Sekur S.p.A. di Roma.

Motopropulsore e trasmissione

L’Ariete è spinto da un motore diesel Fiat-Iveco MTCA 12 cilindri turbo da 25,8 litri in configurazione Vee da 937 kilowatt (1.250 CV) a 2.300 giri/min, con una coppia massima di 4.615 N·m a 1.600 giri /min con cambio automatico ZF LSG3000, dotato di quattro marce avanti e due retromarce, che consente una velocità massima di crociera di 65 km/h e un’accelerazione da 0 a 32 km/h in 6 secondi. La trasmissione controllata da computer gli consente di salire dislivelli fino al 60% e può guadare al volo corsi d’acqua fino a 1,25 m. L’intero gruppo motore e trasmissione può essere sostituito in meno di 1 ora.

Il sistema di sospensione indipendente dell’Ariete è composto da 14 barre di torsione con bracci di sospensione, 10 ammortizzatori idraulici (installati sulle ruote numero 1, 2, 3, 6 e 7) e 14 ammortizzatori a frizione.

Durante i primi anni di adozione, l’Ariete MBT ha mostrato alcune carenze riguardanti il ​​propulsore. Mentre l’originale V12 1.250 hp FIAT-Iveco MTCA (Modular Turbo-Charged Aftercooler) era un accoppiamento di due dei motori V6 utilizzati da diversi veicoli dell’Esercito Italiano come il cacciacarri Centauro e il Dardo IFV, produceva meno potenza rispetto alla maggior parte dei contemporanei occidentali avanzati. Il motore dell’Ariete doveva funzionare a regimi elevati per funzionare bene, riducendo così il tempo di funzionamento tra i guasti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Inoltre, per mantenere un buon rapporto peso/potenza, il peso totale del serbatoio doveva essere mantenuto al di sotto delle 60 tonnellate. Il peso relativamente leggero dell’Ariete ha contribuito a ridurre i consumi e ha facilitato il trasporto e la mobilità dell’MBT (soprattutto sui ponti). Ciò è stato ottenuto in parte a scapito dello spessore della corazza che, solo in parte compensato dalla buona conformazione balistica del veicolo, ha sollevato qualche dubbio sulla sua capacità di sopravvivere negli ambienti più ostili.

Come miglioramento, Iveco ha sviluppato una nuova versione del motore MTCA. La corsa è stata allungata, portando la cilindrata a 30 litri, con un nuovo sistema di iniezione diretta del carburante common rail insieme a un nuovo doppio turbocompressore, aumentando la potenza a 1.200 kW (1.600 CV) a 1.800 giri/min (con una coppia ridotta elettronicamente di 5.500 N·m , mantenuta da 1.100 a 1.800 giri/min per ridurre i danni alla trasmissione) e riducendo ulteriormente i consumi. Il nuovo motore doveva essere adottato durante la prima revisione generale dei veicoli esistenti, ma sembra essere stato bloccato da problemi tecnici ed economici. Per quanto riguarda l’armatura, Oto Melara ha sviluppato due diversi set (con diversi livelli di spessore, dipende dalla natura della missione) di armature aggiuntive, mostrate per la prima volta all’Eurosatory 2002.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

C2 Ariete / Ariete Mk 2 / Ariete PSO

All’inizio degli anni 2000, l’esercito italiano era interessato a sviluppare una nuova versione di Ariete (si consideravano le designazioni C2 Ariete o Ariete Mk. 2) che sarebbe entrata in servizio negli anni successivi con l’acquisizione pianificata di 300 unità. I limiti di budget hanno ridotto drasticamente il numero di Ariete migliorati (ordine ridotto a 200) e alla fine hanno causato la successiva cancellazione del programma. I miglioramenti pianificati dovevano quindi essere applicati al C1 Ariete durante le future grandi revisioni.

L’Ariete PSO, è una variante dell’Ariete per 125 unità, che aveva un pacchetto di armature che lo rendeva più utile in combattimento.

I miglioramenti consistevano in:

  • Sono stati forniti due kit di armature composite aggiuntive: il pacchetto di armature laterali Peace Support Operation (PSO) (utilizzato dal C1 Ariete durante l’operazione Antica Babilonia in Iraq) e il pacchetto di armature aggiuntive WAR (parte anteriore della torretta e il terzo frontale di gli sponsor dello scafo). Quest’ultimo è stato montato su un Ariete C1 esposto a Eurosatory 2002.
  • Upgrade motore : acquisizione di un nuovo motore IVECO da 1600 CV.
  • Nuovo ricevitore di avviso laser migliorato.
  • Azionamento a torretta elettrica (più sicuro dell’azionamento a torretta idraulica).
  • CPU migliorata per il Marconi COSMO MP501.
  • Integrazione del sistema di gestione del campo di battaglia SICCONA.

Operatori

Ogni battaglione di carri armati schiera quattro compagnie di carri armati con tredici Ariete ciascuna e due Ariete per il comandante del battaglione e il vice comandante.

  • Esercito Italiano – 200 
    • Brigata Bersaglieri “Garibaldi”
      • 4° Reggimento Carri (31° Battaglione Carri “MO Andreani”), a Persano
    • Brigata Corazzata “Ariete”
      • 32° Reggimento Carri (3° Battaglione Carri “MO Galas”), a Tauriano
      • 132° Reggimento Carri (8° Battaglione Carri “MO Secchiaroli”), a Cordenons
    • Scuola di Cavalleria dell’Esercito Italiano
    • Scuola di trasporto e materiale dell’esercito italiano

Il 27 gennaio di quest’anno sono iniziati i test del primo di 3 prototipi contrattualmente previsti del carro armato ARIETE AMV (Aggiornamento di Mezza Vita) – previsti dal contratto stipulato tra il CIO (Consorzio Iveco OTO Melara) e la Direzione Armamenti Terrestri (DAT, Segredifesa). I test si sono svolti sulla pista del Centro Polifunzionale di Sperimentazione Mobile (CEPOLISPE) dell’Esercito di Montelibretti. Il veicolo era equipaggiato con il motore V-12 MTCA potenziato a 1,500 CV e dotato di iniezione common rail, e con tutte le modifiche di scafo previste dal programma.

La nuova torre, invece, equipaggiata con sistema di puntamento di nuova generazione e asservimenti elettrici, e attualmente in corso di integrazione nel sito di Spezia della Divisione Elettronica di Leonardo, verrà installata sul carro a giugno. I primi 2 prototipi di ARIETE AMV verranno consegnati entro l’anno ed il terzo a gennaio 2023. Approfondimenti e dettagli nei prossimi numeri di RID.

Articoli più letti