SpaceX lancerà i satelliti di OneWeb

OneWeb ha già attivato i suoi servizi satellitari in orbita bassa (LEO) sopra il 50° parallelo e oltre il globo, il che significa che la sua copertura potrebbe sovrapporsi alle offerte Starlink di SpaceX. Ma sulla scia dell'invasione russa dell'Ucraina, anche la rivalità di mercato non è sufficiente per impedire alle due aziende di unire le forze

0
447

Nel 21° secolo spostare gli interessi commerciali nello spazio significa infrastruttura digitale, significa Oneweb. Dopotutto, nessun business moderno andrà lontano senza una connessione continua al mercato globale.

Questo è il motivo per cui OneWeb, con 2,7 miliardi di dollari di investimenti dopo essere stata acquisita dal governo del Regno Unito e da Bharti Global nel 2020, sta seguendo l’esempio di SpaceX inviando una costellazione di satelliti per comunicazioni nello spazio.

Finora, più di 420 satelliti OneWeb sono entrati con successo in orbita, tutti a bordo di razzi Soyuz di fabbricazione russa, e operavano tramite la compagnia francese Arianespace. Sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, l’agenzia spaziale russa Roscosmos ha chiesto che i satelliti di OneWeb non fossero usati per scopi militari. OneWeb ha rifiutato, quindi la Russia ha annullato il lancio dei 36 satelliti previsto il 4 marzo 2022. Ma ora OneWeb ha trovato un altro mezzo per inviare il suo ultimo lotto nello spazio.

SpaceX di Elon Musk ha stipulato un accordo con OneWeb

Ciò potrebbe sembrare bizzarro considerando i precedenti disaccordi tra SpaceX e OneWeb, ma sembra che i satelliti Starlink e OneWeb saranno entrambi inseriti nell’orbita terrestre bassa dai razzi Falcon 9 di SpaceX. La flotta di satelliti di OneWeb raggiungerà la piena implementazione: “Il primo lancio con SpaceX è previsto nel 2022 e si aggiungerà alla costellazione totale in orbita di OneWeb che attualmente conta 428 satelliti, ovvero il 66% della flotta”, si legge nel comunicato stampa di OneWeb, che descrive anche la prossima rete dell’azienda come un sistema ad alta velocità e bassa latenza. “Ringraziamo SpaceX per il loro supporto, che riflette la nostra visione condivisa del potenziale illimitato dello spazio”, afferma Neil Masterson, CEO di OneWeb, nel comunicato. “Con questi piani di lancio in atto, siamo sulla buona strada per completare la costruzione della nostra flotta completa di satelliti e fornire una connettività robusta, veloce e sicura in tutto il mondo”.

I satelliti Starlink di SpaceX stanno bombardando l'astronomia moderna
I satelliti Starlink di SpaceX stanno bombardando l’astronomia moderna

OneWeb ha già attivato i suoi servizi satellitari in orbita bassa (LEO) sopra il 50° parallelo e oltre il globo, il che significa che la sua copertura potrebbe sovrapporsi alle offerte Starlink di SpaceX. Ma sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, anche la rivalità di mercato non è sufficiente per impedire alle due aziende di unire le forze.

Ashlee Vance, autrice di una biografia su Elon Musk, intitolata: Elon Musk: Tesla, SpaceX, and the Quest for a Fantastic Future, ha commentato questo sviluppo in un tweet. “Putin sta cancellando il programma spaziale russo mentre invia tonnellate di nuovi affari a SpaceX”.



Il commento di Vance è appropriato: poche ore dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato ai suoi militari di entrare in Ucraina all’inizio di questo mese, il capo del direttore generale di Roscosmos, Dmitry Rogozin, ha dichiarato che la Russia potrebbe separarsi dalla Stazione Spaziale Internazionale. “Se blocchi la cooperazione con noi, chi salverà la Stazione Spaziale Internazionale da un deorbitamento incontrollato che la farà cadere sugli Stati Uniti o in Europa?” ha twittato Rogozin.

Il tweet di Rogozin, preso alla lettera, potrebbe significare che la Russia potrebbe separare il suo veicolo Progress, che fornisce la principale fonte di spinta per la ISS, dalla stazione. Mentre sono in corso i piani per trovare una fonte alternativa di spinta, se Progress si staccasse e nessuno facesse nulla, sarebbe solo questione di tempo prima che la ISS precipitasse nell’atmosfera terrestre, con pericolosi detriti che potrebbero cadere sulla superficie della Terra. Ma, fortunatamente, potrebbe essere proprio SpaceX a supportare la ISS.

La richiesta della Russia danneggerà la sua industria spaziale

Nell’aprile del 2021, i funzionari di OneWeb hanno affermato di essere stati costretti a spostare uno dei loro satelliti per impedire una passaggio ravvicinato con un satellite SpaceX Starlink. Quello specifico satellite OneWeb si chiamava OneWeb-0178 ed era uno dei soli 36 nello spazio all’epoca dell’azienda. Lanciato in cima a uno dei razzi russi Soyuz dal cosmodromo di Vostochny, inizialmente doveva arrivare entro 280 miglia dal satellite Starlink di SpaceX.

Questo è stato successivamente aggiornato dal 18th Space Control Squadron (SPCS) della US Space Force, che ha suggerito che i due satelliti si sarebbero trovati entro 600 metri l’uno dall’altro, creando una probabilità di collisione dell’1,3%, il 3 aprile. Al secondo passaggio, meno di due ore dopo, OneWeb ha incaricato il suo satellite di eseguire una manovra evasiva, tanto per sicurezza. SpaceX ha collaborato e non sono state registrate collisioni.

Egoismo razionale – Ma ora, con SpaceX e OneWeb che utilizzano lo stesso sistema di lancio, potrebbero esserci maggiori possibilità di evitare anche il rischio di incontri ravvicinati, poiché il compito di inserire fisicamente i satelliti per le comunicazioni di entrambe le aziende cadrà sotto la sorveglianza di SpaceX.

Per quanto riguarda la Russia, giusta o sbagliata, è nell’interesse personale della nazione rifiutarsi di lanciare satelliti che potrebbero essere usati da forze armate straniere contro di essa. Gli Stati Uniti non lancerebbero mai un satellite destinato ad aiutare i suoi nemici a resistere all’invasione o all’occupazione. Ma resta il fatto: la mossa è l’ultimo colpo inferto al programma spaziale di livello mondiale della Russia.

2