Cos’è una bomba sporca e ne è mai stata usata una?

Una bomba sporca, detta anche arma radiologica, non è un’arma nucleare.

La Russia sta accusando l’Ucraina di star pianificando l’uso di una cosiddetta bomba sporca, un’accusa respinta da Kiev e dai suoi alleati occidentali come un’operazione false flag che Mosca potrebbe usare come pretesto per intensificare la guerra del Cremlino contro il suo vicino.

Una bomba sporca è un’arma che combina esplosivi convenzionali come la dinamite e materiale radioattivo come l’uranio. Viene spesso definita un’arma per terroristi, non un’arma da guerra, poiché è progettata per diffondere paura e panico più che eliminare obiettivi militari.

Funzionari ucraini hanno ripetutamente negato le accuse di Mosca e il ministro degli Esteri di Kiev ha invitato gli ispettori delle Nazioni Unite a visitare l’Ucraina per dimostrare che “non hanno nulla da nascondere“.

Questo tipo di arma è largamente considerata come inefficace militarmente e molto difficilmente verrebbe utilizzata dalle forze armate. Infatti, l’uso di una tale arma sarebbe inutile per una forza di occupazione, poiché renderebbe inabitabile l’area e rallenterebbe l’avanzata dell’esercito.

Inoltre, analogamente alle armi biologiche, queste armi potrebbero impiegare giorni per iniziare ad agire sulle forze nemiche, e darebbero al nemico il tempo di contrattaccare. Altro discorso, invece, sarebbe l’effetto psicologico (paura) che si ingenererebbe nella popolazione.

L’esplosione di una bomba sporca è generata da esplosivi convenzionali. L’esplosione di un’arma nucleare è generata da una reazione nucleare, come le bombe atomiche sganciate dagli Stati Uniti sul Giappone durante la seconda guerra mondiale.

Una bomba nucleare crea un’esplosione che è da migliaia a milioni di volte più potente di qualsiasi esplosivo convenzionale che potrebbe essere utilizzato in una bomba sporca“, secondo una scheda informativa del Dipartimento per la sicurezza interna (DHS) degli Stati Uniti.

L’esplosione di un’arma nucleare può radere al suolo intere città. Ad esempio, la bomba atomica sganciata su Nagasaki nel 1945 ha cancellato 6,2 chilometri quadrati della città, secondo ICAN, la campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari. Gli esplosivi convenzionali in una bomba sporca possono solo appiattire o danneggiare alcuni edifici.

Il fungo atomico di un’esplosione nucleare, inoltre, potrebbe coprire da decine a centinaia di chilometri quadrati, diffondendo particelle fini di materiale nucleare, la ricaduta radioattiva, su quell’area, afferma il DHS.

La maggior parte del materiale radioattivo di una bomba sporca dovrebbe spargersi su pochi isolati o pochi chilometri quadrati, sempre secondo il DHS.

È mai stata usata una bomba sporca?

No.

Nel 1995, i ribelli ceceni ne hanno misero una in un parco di Mosca ma non riuscirono a farla esplodere, secondo il Council on Foreign Relations. Ci sono state notizie secondo cui organizzazioni terroristiche come al Qaeda o l’ISIS hanno costruito o tentato di costruire una bomba sporca, ma nessuna è mai stata fatta esplodere.

Il materiale nucleare in una bomba sporca è letale?

Il DHS afferma che è improbabile che una bomba sporca possa fornire dosi di radiazioni sufficientemente elevate “da causare effetti immediati sulla salute o decessi in un gran numero di persone“.

Il Texas Department of State Health Services spiega perché.

Per realizzare una bomba sporca in grado di fornire dosi mortali di radiazioni, sarebbero necessarie grandi quantità di schermatura da piombo o acciaio per impedire al materiale di uccidere i suoi produttori durante la costruzione.

Ma l’uso di tale materiale di schermatura renderebbe la bomba ingombrante e difficile da spostare o dispiegare, probabilmente sarebbero necessarie attrezzature pesanti e strumenti di manipolazione remota, e la stessa schermatura limiterebbe la diffusione delle radiazioni.

E l’esposizione alle radiazioni?

La radiazione generata da una bomba sporca potrebbe causare livelli di esposizione simili alla quantità ricevuta durante un’ortopanoramica dentale. “È come rompere un sasso. Se qualcuno dovesse lanciarti un grosso sasso, probabilmente ti farebbe male e potrebbe causare danni fisici“, spiega il dipartimento. “Se prendono la stessa roccia e la rompono in granelli di sabbia e poi ti lanciano la sabbia addosso, le possibilità che ti causi danni reali sono significativamente inferiori“.

La gravità della malattia da radiazioni, come sappiamo, è influenzata dall’esposizione nel tempo. Le misure preventive possono essere semplici, potrebbe bastare allontanarsi dall’epicentro dell’esplosione.

Spostarsi anche a breve distanza dalla scena (dell’esplosione) potrebbe fornire una protezione significativa poiché la dose di radiazioni che si riceve diminuisce drasticamente con la distanza dalla sorgente“, afferma il DHS.

Le persone dovrebbero anche coprirsi il naso e la bocca per evitare di ingerire radiazioni, mettersi in casa per sfuggire a qualsiasi nuvola di polvere, gettare i propri vestiti in un sacchetto di plastica e quindi lavarsi delicatamente la pelle per rimuovere i contaminanti.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Perché le slot semplici saranno sempre popolari su Elabet?

Nonostante ogni mese ci siano decine, o addirittura centinaia...

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

Astranis: 200 milioni per l’innovativo programma Omega

Il 24 luglio 2024, Astranis ha annunciato di aver...

Syntrichia caninervis: il muschio pronto per colonizzare Marte

La Syntrichia caninervis, un muschio del deserto, ha dimostrato...

Blazar S5 1803+78: scoperta affascinante variabilità ottica

I blazar sono tra gli oggetti più enigmatici e...

Olimpiadi di Parigi 2024: caldo record, atleti a rischio

Le Olimpiadi di Parigi 2024 si stanno avvicinando rapidamente,...

Articoli correlati

Popular Categories