Cosa sono gli Homo sapiens?

Gli esseri umani moderni, o Homo sapiens, sono le uniche specie viventi di Homo. Ma non siamo sempre stati soli

1466

L’Homo sapiens è una specie di primate altamente intelligente che include tutti gli esseri umani viventi, che sono spesso indicati come H. sapiens sapiens. Una volta c’erano molte specie nel genere Homo, ma tutte le specie e sottospecie oltre agli umani moderni sono ora estinte.

Nel 1758, lo scienziato svedese Carl Linnaeus fu la prima persona a dare agli esseri umani il nome H. sapiens. Secondo l’Enciclopedia Britannica, il termine “homo sapiens” deriva dal latino e significa “uomo saggio“.

L’EVOLUZIONE DELL’UOMO MODERNO

Circa 6 milioni di anni fa, una specie antenata di umani, scimpanzé e bonobo viveva nel continente africano. In quel periodo, un gruppo di quelle scimmie ancestrali iniziò a differenziarsi e separarsi dalle altre, diventando ominini, come spiega Herman Pontzer, un antropologo evoluzionista alla Duke University nel suo articolo per il Nature Education Knowledge Project.

Questo ramo dell’albero evolutivo degli ominidi include gli esseri umani moderni, le specie umane estinte e tutti i nostri antenati immediati, inclusi i membri dei generi HomoAustralopithecusParanthropus e Ardipithecus, secondo l’Australian Museum.

Alcune caratteristiche che hanno distinto gli ominidi dagli altri primati, viventi ed estinti, sono la loro postura eretta, la locomozione bipede, il cervello più grande e le caratteristiche comportamentali come l’uso di strumenti specializzati e, in alcuni casi, la comunicazione attraverso il linguaggio“, ha scritto Pontzer.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È importante sottolineare che questi tratti sono una miscela di caratteristiche fisiche e comportamentali, che sono i due principali modi in cui i ricercatori differenziano l’Homo sapiens da tutte le altre specie.

Dopo che gli ominidi si sono separati dalle altre grandi scimmie, sono trascorsi ancora alcuni milioni di anni prima che una specie Homo iniziasse ad emergere. “Le prime popolazioni del lignaggio Homo sono emerse da una specie ancestrale ancora sconosciuta in Africa a un certo punto tra circa 3 e circa 2 milioni di anni fa“, hanno scritto William H. Kimbel e Brian Villmoare in un documento del 2016 pubblicato su Philosophical Transactions of la Royal Society B.

Le origini del genere Homo rimangono oscure. Il più antico fossile di Homo trovato finora, riportato sulla rivista Science nel 2015, può essere datato a circa 2,8 milioni di anni fa, anche se gli scienziati non sono sicuri a quale specie appartenesse. Il fossile più antico, analizzato dai ricercatori apparteneva a un individuo che visse circa 2,3 milioni di anni fa e potrebbe essere stato H. habilis. Quel fossile aveva strumenti di pietra associati ad esso, suggerendo che l’individuo potrebbe aver saputo come usarli.

QUALI SONO LE DIVERSE SPECIE DI HOMO?

Negli ultimi 15 anni il numero di specie di Homo conosciute è più che raddoppiato da quattro a nove, secondo l’esperto di evoluzione umana Chris Stringer del British Natural History Museum. Ora, il genere include H. neanderthalensis (Neanderthal) e l’antica specie H.erectus. Gli scienziati hanno descritto l’aggiunta più recente, H.luzonensis, in un documento pubblicato su Nature nel 2019.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

C’è un fossile di H. sapiens dall’Etiopia che ha circa 195.000 anni e ha le caratteristiche di base degli esseri umani moderni“, ha spiegato Stringer a WordsSideKick.com.

Da 195.000 anni fa in poi, troviamo fossili che possiamo chiamare H. sapiens in modo ragionevolmente accurato“.

Ma c’è forse un esempio ancora più antico di H. sapiens: come descritto in un articolo del 2017 su Nature, i resti fossili trovati insieme a strumenti di pietra in una grotta in Marocco suggeriscono che gli esseri umani “moderni” potrebbero essere apparsi già 315.000 anni fa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Non c’è una linea di demarcazione chiara tra gli esseri umani ed i nostri parenti stretti, e i ricercatori usano l’anatomia o il comportamento per distinguere i vari resti di umani. Gli anatomisti sostengono che l’Homo sapiens possa essere identificato dallo scheletri, mentre alcuni archeologi affermano che il comportamento è ciò che definisce gli esseri umani moderni.

LA DEFINIZIONE ANATOMICA DI UN ESSERE UMANO

Gli scienziati non sono d’accordo su una definizione esatta di ciò che costituisce il genere Homo, secondo una recensione del 2015 pubblicata su Science. Detto questo, la maggior parte delle specie Homo ha “una scatola cranica lunga e bassa e una forte cresta sopraccigliare continua“, come descritto in una recensione del 2019 pubblicata sul Journal of Quaternary Science.

Tuttavia, H. sapiens ha caratteristiche fisiche “moderne” distintive: una grande scatola cranica arrotondata, mancanza di un sopracciglio, un mento (anche nell’infanzia) e un bacino stretto rispetto ad altre specie del genere Homo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma i primi H. sapiens potrebbero non avere avuto tutte le caratteristiche dei moderni H. sapiens, ha detto Stringer. “Agli umani piace classificare e mantenere le cose semplici, ma la natura non riconosce le nostre definizioni“, ha detto.

LA DEFINIZIONE ARCHEOLOGICA DI UN ESSERE UMANO

Alcuni studiosi ritengono che il comportamento sia ciò che distingue l’Homo sapiens dalle altre specie di Homo e da tutte le altre specie del mondo, se è per questo.

Esistono numerosi comportamenti classificati come “umani”.

In una recensione del 2003 pubblicata sulla rivista Current Anthropology, i ricercatori hanno elencato i tratti che sono stati storicamente utilizzati per identificare H. sapiens. Questi includono prove di comportamenti come la sepoltura dei morti, arte rituale, decorazioni, ossa lavorate e strumenti di corno, tecnologia delle lame e pesca, tra gli altri.

Tuttavia, gli stessi autori di quella recensione hanno anche sottolineato che molti di questi comportamenti sono eurocentrici e potrebbero non essere applicabili a H. sapiens trovati in altre parti del mondo.

C’è stato un lungo dibattito su cosa chiamare un essere umano moderno, e il dibattito è ancora in corso“, ha detto Bentsen.

Piuttosto che una lista di controllo dei tratti, gli archeologi stanno piuttosto esaminando ciò che alcuni tratti implicano sulla cognizione. Ad esempio, incisioni o simboli raffiguranti stagioni o migrazioni di animali suggeriscono che i primi esseri umani erano abbastanza intelligenti da comprendere quei concetti. “Mostra la pianificazione e la cognizione avanzata“, ha spiegato Bentsen. “È un pacchetto comportamentale complicato“.

Tuttavia, il metodo comportamentale per distinguere gli esseri umani moderni è complicato dalle prove che altre specie di Homo, come i Neanderthal, hanno dimostrato di esibire abilità simili.

Questi robusti abitanti delle caverne usavano strumenti, seppellivano i loro morti e controllavano il fuoco, attività un tempo considerate distintamente umane. In effetti, Stringer rifiuta il comportamento come un modo per differenziare le specie. “Il comportamento non è un modo valido per definire una specie”, ha detto. “Il comportamento è condiviso molto più facilmente dell’anatomia“.

Le prime prove di esseri umani nella penisola arabica

L’umanità ha avuto origine nel continente africano almeno 300.000 anni fa. Sappiamo dalle prove fossili trovate nella Grecia meridionale e nel Levante (l’odierna Israele) che alcuni dei primi membri della nostra specie si espansero oltre l’Africa circa 200.000 anni fa, e di nuovo tra 120.000 e 90.000 anni fa.
Probabilmente si spostarono attraverso la penisola del Sinai, che formava l’unico ponte di terra che collegava il continente africano al resto del mondo, prima di spostarsi a nord in un paesaggio con un clima mediterraneo. Ma non si sapeva in che punto gli umani si fossero diretti a sud dopo aver attraversato la penisola del Sinai, raggiungendo l’odierna Arabia Saudita.
Si presume anche spesso che abbiano preso una rotta costiera, evitando l’interno del deserto. I precedenti ritrovamenti di fossili mostrano che non fu così, con gli esseri umani che si sono spinti nel cuore dell’Arabia almeno 85,000 anni fa.
Ora, una nuova ricerca spinge questa data ancora più indietro. Sono state scoperte impronte umane e di altri animali incastonate sulla superficie di un antico lago nel deserto del Nefud in Arabia Saudita che hanno circa 120.000 anni.
Questi ritrovamenti rappresentano le prime prove della presenza dell’Homo sapiens nella penisola arabica e dimostrano l’importanza dell’Arabia per la comprensione della preistoria umana.
Il deserto del Nefud nell’odierna Arabia Saudita si trova a circa 500 km a sud-est della penisola del Sinai. Oggi, i deserti arabi sono alcuni degli ambienti più inospitali del mondo. Formerebbero una barriera invalicabile per gli esseri umani preistorici o per i grandi mammiferi.
Immagina di trovarti ai piedi di un deserto iper-arido dotato di strumenti di pietra e poco altro. Potresti attraversarlo? Probabilmente no.

GLI ESSERI UMANI SONO UNA SPECIE DISTINTA?

Una definizione di una specie è: “Gruppi di popolazioni naturali incrociate che sono riproduttivamente isolate da altri gruppi simili“, secondo l’ Enciclopedia Britannica. Tuttavia, tale definizione potrebbe non essere applicabile alle specie Homo, poiché una recente ricerca descrive prove di incroci tra Neanderthal, H. sapiens e H. denisovans (una specie di ominidi scoperta nella grotta di Denisova in Russia).

Ad esempio, un articolo del 2018 pubblicato sulla rivista Nature ha riportato prove di più episodi di incrocio tra Neanderthal e H. sapiens. Un altro documento del 2018, pubblicato sempre su Nature, ha descritto le prove di un antico ibrido umano, che aveva sia DNA di Neanderthal che Denisovan.

Ciò ha portato alcuni studiosi a sostenere che molte specie di Homo, compresa la nostra, dovrebbero essere raggruppate insieme, ha detto Stringer. In questo paradigma, gli esseri umani moderni sono H. sapiens sapiens, mentre i Neanderthal sono H. sapiens neanderthalensis ed i Denisovani sono H. sapiens denisovans.