Terremoti di origine vulcanica su Marte

Marte è più agitato di quanto pensassimo. Nuove tecniche hanno rivelato terremoti precedentemente non rilevati sotto la superficie marziana e, affermano gli scienziati, la migliore spiegazione finora è che ci sia attività vulcanica in corso

0
358

Marte è più agitato di quanto pensassimo. Nuove tecniche hanno rivelato terremoti precedentemente non rilevati sotto la superficie marziana e, affermano gli scienziati, la migliore spiegazione finora è che ci sia attività vulcanica in corso.

Sembra sempre più evidente che Marte è tutt’altro che morto, ma ospita, sotto la sua superficie polverosa e sterile, un interno gorgogliante di attività sismica. “Sapere che il mantello marziano è ancora attivo è fondamentale per la nostra comprensione di come Marte si sia evoluto come pianeta“, afferma il geofisico Hrvoje Tkalčić dell’Australian National University in Australia. “Può aiutarci a rispondere a domande fondamentali sul Sistema Solare e sullo stato del nucleo, del mantello di Marte e sull’evoluzione del suo campo magnetico attualmente quasi assente“.

Per molto tempo, gli scienziati hanno creduto che all’interno di Marte non stesse succedendo molto. Il pianeta ha ben poco in termini di campo magnetico. I campi magnetici planetari sono (di solito) generati all’interno di unpianeta da qualcosa chiamato dinamo: un fluido rotante, convettivo ed elettricamente conduttore che converte l’energia cinetica in energia magnetica.

La mancanza di un campo magnetico su Marte suggerisce una mancanza di attività. Questo è un grosso problema; infatti, un campo magnetico può fare la differenza tra la vita e la morte. Qui sulla Terra, il campo magnetico ci protegge dalle radiazioni cosmiche che potrebbero distruggere la vita e ci protegge dal vento solare che potrebbe disperdere l’atmosfera nello spazio. Su Marte, proprio a causa dell’assenza di un campo magnetico vasto ed omogeneo, i livelli di radiazione sono molto più alti.

La vita sulla Terra è possibile grazie al campo magnetico terrestre e alla sua capacità di proteggerci dalle radiazioni cosmiche, quindi senza un campo magnetico la vita come la conosciamo semplicemente non sarebbe possibile“, spiega Tkalčić .

Quando il lander InSight della NASA è atterrato su Marte a novembre 2018 e ha iniziato ad ascoltare il battito cardiaco di Marte, abbiamo appreso qualcosa di veramente straordinario: Marte sta rimbombando. Ad oggi, InSight ha rilevato centinaia di terremoti, sufficienti per fornirci una mappa dettagliata dell’interno di Marte.



Tkalčić e il suo collega, il geofisico Weijia Sun dell’Accademia cinese delle scienze, hanno cercato terremoti che avrebbero potuto passare inosservati nei dati di InSight. Hanno utilizzato due tecniche non convenzionali, applicate solo di recente alla geofisica, per dare la caccia agli eventi sismici nei dati di InSight.

Sulla base di nove modelli di terremoti noti, la coppia ha rilevato 47 nuovi eventi sismici, provenienti da una regione su Marte chiamata Cerberus Fossae, un sistema di fessure creato da faglie che hanno disgregato la crosta.

La maggior parte di questi nuovi eventi sismici assomiglia alle forme d’onda di due notevoli terremoti di Cerberus Fossae che si sono verificati a maggio e luglio del 2019, suggerendo che i terremoti più piccoli sono correlati a quelli più grandi.

Abbiamo scoperto che questi terremoti si sono verificati ripetutamente in ogni momento del giorno marziano, mentre i terremoti rilevati e segnalati dalla NASA in passato sembravano essersi verificati solo nel cuore della notte, quando il pianeta è più tranquillo“, afferma Tkalčić.

Pertanto, possiamo presumere che il movimento della roccia fusa nel mantello marziano sia l’innesco di questi 47 terremoti appena rilevati sotto la regione di Cerberus Fossae“.

Una precedente analisi delle caratteristiche della superficie di Marte su Cerberus Fossae ha scoperto che la regione era stata vulcanicamente attiva in tempi relativamente recenti, negli ultimi 10 milioni di anni circa. L’attività identificata da Sun e Tkalčić, attribuita al movimento ripetitivo del magma nel mantello marziano, suggerisce che Marte sia più vulcanicamente e sismicamente attivo di quanto pensassimo.

Se questo è il caso, i risultati hanno implicazioni per la nostra comprensione della storia di Marte e del suo futuro.

I marsquakes ci aiutano indirettamente a capire se si stanno verificando fenomeni di convezione all’interno del pianeta, e se questa convezione si sta verificando, come sembrano dimostrare le nostre scoperte, allora deve esserci un altro meccanismo in gioco che impedisce a un campo magnetico di svilupparsi su Marte“, dice Tkalčić.

Capire il campo magnetico di Marte, come si è evoluto e in quale fase della storia del pianeta si è fermato è ovviamente importante per le missioni future ed è fondamentale se gli scienziati sperano un giorno di stabilire la vita umana su Marte“.

La ricerca è stata pubblicata su Nature Communications.

2