Presentata dalla Casa Bianca la richiesta di finanziamenti per il programma Lunare della NASA Artemis

I documenti della NASA indicano che finanziare il programma sulla luna Artemis costerà circa $ 35 miliardi per mandare un uomo e una donna sulla superficie lunare nel 2024

527

L’amministrazione Trump ha richiesto $ 25,2 miliardi per la NASA per l’anno fiscale 2021, un aumento del 12% rispetto l’anno precedente che include $ 3,3 miliardi per avviare lo sviluppo di un lander lunare in grado di trasportare esseri umani per il programma lunare Artemis. Quasi la metà della richiesta di bilancio, $ 12,3 miliardi, è dedicata a progetti nuovi e in corso incentrati sul ritorno alla Luna e su eventuali voli verso Marte.
Questo è un budget del 21° secolo degno dell’esplorazione dello spazio del 21° secolo e uno dei budget più forti nella storia della NASA“, ha dichiarato l’amministratore dell’agenzia Jim Bridenstine. “Se il supporto del presidente alla NASA non era chiaro prima, ora dovrebbe essere ovvio“.
I documenti della NASA indicano che finanziare il programma sulla luna Artemis costerà circa $ 35 miliardi per mandare un uomo e una donna sulla superficie lunare nel 2024. Per far ciò, la richiesta di bilancio afferma che la NASA avrà bisogno di $ 25,2 miliardi nel 2021, $ 27,2 miliardi nel 2022, $ 28,6 miliardi nel 2023, $ 28,1 miliardi nel 2024 e $ 26,3 miliardi nel 2025.
Resta da vedere se il sostegno del congresso andrà di pari passo con quel livello di spesa in un’era di conflitto bipartisan e resta da vedere la richiesta dell’amministrazione di ridurre in modo sostanziale una varietà di altri programmi.
L’America sta guidando il mondo in una nuova era di esplorazione dello spazio che invierà la prima donna e il prossimo uomo sulla luna nel 2024 e costruirà una presenza sostenibile sulla superficie lunare“, ha affermato la Casa Bianca in un sommario di bilancio.
Imparando a vivere e lavorare sulla luna, gli Stati Uniti e i nostri partner internazionali e commerciali svilupperanno l’esperienza, la tecnologia e i sistemi di cui avremo bisogno per inviare infine esseri umani su Marte. Questi sforzi consolideranno la posizione dell’America come leader mondiale nell’esplorazione dello spazio“.
La proposta di bilancio riflette un aumento significativo rispetto ai $ 22,6 miliardi approvati dal Congresso per il 2020 e “fornisce finanziamenti solidi e sostenuti dall’esercizio 2021 all’esercizio 2025 per l’esplorazione fino alla data del prossimo sbarco lunare e oltre“, secondo il riassunto della Casa Bianca.
Il budget del presidente investe oltre 25 miliardi di dollari nella NASA per rafforzare il nostro innovativo programma di esplorazione umana dello spazio, pur mantenendo un forte supporto per l’intera gamma di attività scientifiche, aeronautiche e tecnologiche della nostra agenzia“, ​​ha dichiarato Bridenstine.
Il supporto del presidente arriva in un momento critico mentre gettiamo le basi per l’atterraggio della prima donna e del prossimo uomo sul polo sud della luna entro il 2024. Questo budget ci mantiene fermamente su quella strada”.
L’amministrazione Trump ha ordinato alla NASA di tornare sulla luna con una direttiva firmata nel dicembre 2017 e l’anno scorso, il vicepresidente Mike Pence, presidente del National Space Council, ha fissato il 2024 come obiettivo di sbarco. La NASA aveva programmato un ritorno sulla luna nel 2028.
L’agenzia afferma che la richiesta di finanziamento del 2021 dell’amministrazione Trump supporta l’obiettivo del 2024, sebbene i dettagli sull’architettura Artemis siano aperti alla discussione, incluso se i voli iniziali richiederanno l’uso di una piccola stazione spaziale lunare nota come Gateway.
Questo budget ci tiene sulla strada per far sbarcare la prima donna e il prossimo uomo sulla luna entro il 2024 e, con il supporto del Gateway, ci aiuta a prepararci all’esplorazione di Marte e oltre“, ha dichiarato la NASA in una nota interna. “Il presidente ha indirizzato oltre $ 3 miliardi di dollari allo sviluppo di un sistema di sbarco lunare umano, la prima volta che abbiamo ricevuto finanziamenti diretti per un lander umano dall’era Apollo“.
Il budget prevede $ 4 miliardi per finanziare l’esplorazione dello spazio profondo, inclusi $ 2,26 miliardi per lo sviluppo in corso del sistema di lancio spaziale gestito da Boeing – SLS – missile per trasporto pesante; $ 1,4 miliardi per la capsula della Lockheed-Martin Orion che trasporterà gli astronauti da e verso la luna; e $ 385 milioni per i sistemi di terra necessari per supportare l’architettura lunare.
Il gigantesco primo stadio del primo razzo SLS è attualmente allo Stennis Space Center nel Mississippi e viene preparato per un test di durata totale dei suoi quattro motori principali. Se tutto andrà bene, una SLS e una capsula Orion verranno lanciate per un volo di prova non programmato intorno alla luna l’anno prossimo.
Se quella missione – Artemis 1 – andrà bene, la NASA prevede di lanciare un volo di prova pilotato SLS-Orion, Artemis 2, entro il 2023, seguito dal primo atterraggio umano del programma Artemis nel 2024.
L’obiettivo a lungo termine, o “orizzonte”, del programma spaziale umano della NASA rimane puntato sui voli pilotati su Marte. La NASA afferma che il programma Artemis “accelererà” la pianificazione di eventuali voli in orbita o di atterraggio su Marte negli anni ’30 “sviluppando tecnologie e strategie che possono essere perfezionate sulla Luna prima di andare su Marte“.
La richiesta di budget include anche $ 529 milioni per l’esplorazione robotica di Marte, inclusa una missione pianificata riportare campioni di roccia sulla Terra per analisi di laboratorio.
Oltre Artemis, la richiesta di bilancio per il 2021 include $ 1,4 miliardi per la Stazione Spaziale Internazionale. che la NASA prevede di mantenere operativa “almeno” fino al 2024 e $ 1,88 miliardi per il trasporto di astronauti attraverso compagnie private ed i programmi cargo.
Le scienze spaziali riceverebbero $ 6,3 miliardi, di cui $ 2,66 miliardi per la scienza planetaria, $ 831 milioni per l’astrofisica, $ 1,77 miliardi per la scienza della Terra e $ 414,7 milioni per il lavoro finale per preparare il James Webb Space Telescope per il lancio nel marzo 2021.