Civiltà swahili: l’analisi del DNA antico ripristina l’eredità e sfata i miti

Un nuovo studio porta la pace e ripristina l'orgoglio di milioni di persone che si identificano come swahili ribaltando le false narrazioni e fornendo chiarezza all'eredità della civiltà swahili

0
1595
Civiltà swahili: la scoperta del DNA antico ripristina l'eredità e sfata i miti
Civiltà swahili: la scoperta del DNA antico ripristina l'eredità e sfata i miti

Un nuovo studio porta la pace e ripristina l’orgoglio di milioni di persone che si identificano come swahili ribaltando le false narrazioni e fornendo chiarezza all’eredità della civiltà swahili.

Un antropologo della University of South Florida (USF) ha scoperto il primo DNA antico della civiltà swahili, prosperi stati commerciali lungo la costa dell’Africa orientale risalenti al VII secolo.

Dal Kenya al Mozambico, Chapurukha Kusimba, professore di antropologia dell’USF, ha dedicato 40 anni allo studio degli antenati di coloro che hanno costruito le civiltà, un dibattito che molti swahili sentono derubato della loro eredità da secoli.

“Questa ricerca è stata il lavoro della mia vita, recuperare il passato degli swahili e restituirli alla legittima cittadinanza”, ha dichiarato Kusimba. “Questi risultati mettono in risalto i contributi africani e, in effetti, l’africanità dello swahili, senza marginalizzare la connessione persiana e indiana”.

Lo studio ha esaminato il DNA di 80 individui risalenti a ben 800 anni fa, praticamente il DNA più antico mai analizzato della civiltà swahili.

Come parte della sua ricerca decennale, Kusimba, originario del Kenya, ha trascorso del tempo con il popolo swahili per ottenere la loro fiducia prima di ricevere la loro approvazione per completare gli scavi del cimitero. Per rispettare i resti dei defunti, Kusimba ha terminato il processo di campionamento e seppellimento in una sola stagione.

DNA africano e asiatico

Insieme ad un team di genetisti di Harvard David Reich ed Esther Brielle e degli autori corrispondenti, Jeff Fleisher della Rice University e Stephanie Wynne-Jones dell’Università di York, Kusimba ha scoperto che l’ascendenza delle persone analizzate era sia africana che asiatica. Il DNA ha rivelato uno schema: la stragrande maggioranza degli antenati di linea maschile proveniva dall’Asia, mentre gli antenati di linea femminile provenivano dall’Africa.



Nonostante i loro matrimoni misti, i discendenti parlavano una lingua africana e non asiatica. Ciò ha portato i ricercatori a concludere che le donne africane avessero avuto una grande influenza sulla formazione della cultura. Tanto che i villaggi sono stati istituiti prima del colonialismo dall’Asia, rendendo le donne le principali detentrici del potere economico e sociale.

I risultati sfidano narrazioni secolari – costruite da altri nativi africani – che suggeriscono che gli swahili più ricchi non avevano reali legami ancestrali con l’Asia e affermavano solo di averli per minimizzare la loro eredità africana per ottenere uno status sociale più elevato e affinità culturali. Nonostante il ruolo vitale svolto dagli swahili nel commercio tra l’Africa e il resto del mondo dell’Oceano Indiano per oltre 2.500 anni, il precedente lavoro di Kusimba degli anni ’90 documentava il cattivo trattamento dei discendenti swahili a seguito delle narrazioni.

I risultati dello studio dimostrano che gli antenati asiatici e africani iniziarono a sposarsi almeno 1.000 anni fa, molto tempo dopo che gli africani avevano stabilito i villaggi.

“I nostri risultati non forniscono una semplice convalida per le narrazioni precedentemente avanzate nei circoli archeologici, storici o politici”, ha affermato Kusimba. “Invece, contraddicono e complicano quelle narrazioni”.

Sfidando e ribaltando le narrazioni imposte dall’esterno per fini politici ed economici, ha dichiarato Kusimba, la ricerca porta la pace e ripristina l’orgoglio per i milioni di persone che oggi si identificano come swahili. Fino ad ora, è stato difficile determinare in che modo le persone che ora si identificano come swahili si relazionino con le persone della prima cultura swahili moderna.

Kusimba ha in programma di continuare la sua ricerca per raccogliere più DNA e creare un campione più ampio in modo da poter analizzare meglio una popolazione più ampia e più diversificata dal punto di vista socioeconomico. I metodi di successo e la collaborazione tra antropologi e genetisti, durante questo progetto, suggeriscono una possibile risoluzione a questioni di vecchia data sull’eredità di altri gruppi di persone che hanno fondato antiche città e civiltà, compreso il disaccordo in corso tra gli studiosi sul fatto che l’antica civiltà egizia sia di origine africana.

“C’è sempre tensione tra antropologia e genetica”, ha detto Kusimba. “Ma lavorare con i miei colleghi di Harvard, della Rice University e dell’Università di York per garantire che la spiegazione antropologica si adattasse all’analisi dei dati genetici senza essere semplicistica è stato molto gratificante”.

Fonte: Nature

2