Il rover cinese Yutu-2 scopre che il lato opposto della luna ha un suolo viscoso

Il rover lunare cinese Yutu-2 fa parte della più lunga missione sulla superficie lunare della storia, è atterrato sul lato opposto della Luna tre anni fa

0
9041

Il rover lunare cinese Yutu-2 fa parte della più lunga missione sulla superficie lunare della storia, il rover è atterrato sul lato opposto della Luna tre anni fa.

Il team della missione ha fornito un aggiornamento sui risultati del rover. Da quando è atterrato, il rover ha viaggiato per 1 chilometro.

Il rover fa parte della missione Chang’e-4, che è stata la prima ad atterrare dall’altra parte della Luna quando ha raggiunto il nostro vicino celeste nel gennaio 2019. Un anno dopo, nel gennaio 2020, la missione ha scattato una grande quantità di immagini. L’obiettivo principale della missione è quello di studiare la composizione delle rocce vulcaniche sul lato opposto della Luna rispetto ai campioni più estesi di quelle sul lato vicino. L’ultimo aggiornamento fornisce un confronto interessante tra la composizione per la precisione, la viscosità del suolo sul lato vicino e su quello più lontano della Luna.

Una delle scoperte che Yutu-2 ha delineato nel loro nuovo articolo è che il terreno sembra essere più “vischioso” sul lato per noi non visibile. Come sottolinea Gizmodo, il team ha fatto questa scoperta quando ha visto che il suolo lunare si stava attaccando alle ruote di Yutu-2 molto più di quanto fosse stato osservato sui rover sull’altro lato della Luna a noi visibile.

Correlato: Il cubo visto da Yutu 2 sulla Luna probabilmente non è di origine aliena

Il team ha scritto che “il terreno fangoso che si attacca alle ruote di Yutu-2 implica una maggiore coesione del suolo lunare rispetto ad altri siti di atterraggio lunare. Ulteriori risultati di identificazione indicano che la regolite assomiglia a sabbia secca e terriccio sabbioso su Terra nelle proprietà portanti, dimostrando una maggiore forza portante rispetto a quella identificata durante le missioni Apollo”.



È interessante notare che il team ha anche sottolineato che le loro nuove scoperte “potrebbero portare a una locomozione con una maggiore efficienza e una portata più ampia”, suggerendo che le future missioni sul lato opposto del nostro satellite naturale potrebbero avere rover appositamente progettati sulla base delle nuove scoperte sulla composizione del terreno.

un'insolita scoperta per yutu-2

Yutu-2 ha anche scoperto 88 crateri, 57 dei quali avevano un diametro inferiore a 10 metri. Solo due di questi erano larghi più di 60 metri. Sulla base delle dimensioni relativamente ridotte della maggior parte di questi crateri, i ricercatori ritengono che possano essere crateri secondari del più grande cratere Zhinyu vicino al luogo di atterraggio del rover.

La missione cinese Chang’e-5 ha recentemente rilevato l’acqua dalla superficie lunare per la prima volta nella storia e l’agenzia spaziale cinese ha anche annunciato di recente che stava costruendo un reattore a fissione per Selene che sarebbe circa 100 volte più potente di quello costruito da Nasa.

La missione cinese Chang’e-4, e la successiva missione Chang’e-5, fanno parte degli ambiziosi piani del paese per mettersi al passo con i risultati degli Stati Uniti e della Russia nello spazio per posizionarsi come una delle superpotenze spaziali del mondo.

2