Stromatoliti scoperte in Arabia Saudita

Le stromatoliti costituiscono la prima testimonianza geologica della vita sulla Terra. Queste interrssanti strutture biotiche sono costituite da tappeti di alghe che crescono verso la luce e fanno precipitare i carbonati. Dopo la loro prima apparizione 3,48 miliardi di anni fa, hanno dominato il pianeta come unica fabbrica di carbonato vivente per quasi tre miliardi di anni

Le stromatoliti costituiscono la prima testimonianza geologica della vita sulla Terra. Queste interrssanti strutture biotiche sono costituite da tappeti di alghe che crescono verso la luce e fanno precipitare i carbonati. Dopo la loro prima apparizione 3,48 miliardi di anni fa, hanno dominato il pianeta come unica fabbrica di carbonato vivente per quasi tre miliardi di anni.

stromatoliti

La nuova scoperta sulle stromatoliti

Le stromatoliti sono anche parzialmente responsabili del Grande Evento di Ossigenazione, che ha cambiato drasticamente la composizione della nostra atmosfera introducendo ossigeno. Quell’ossigeno inizialmente ha spazzato via la loro concorrenza, consentendo la loro importanza nell’ambiente Archeano e nel primo Proterozoico

Man mano che sempre più forme di vita hanno adattato il loro metabolismo a un’atmosfera ossigenata, le stromatoliti hanno iniziato a diminuire, comparendo nella documentazione geologica solo dopo estinzioni di massa o in ambienti difficili.

stromatoliti

I batteri sono sempre in giro, ma di solito non hanno la possibilità di produrre stromatoliti“, ha spiegato Volker Vahrenkamp, autore di un nuovo studio: “Sono in gran parte superati dai coralli”.

Lo studio

Nei tempi moderni, le stromatoliti sono relegate in ambienti estremi di nicchia, come ambienti marini ipersalini ,ad esempio, Shark Bay, Australia, e laghi alcalini. Fino a poco tempo fa, l’unico analogo moderno conosciuto degli ambienti marini aperti e poco profondi, biologicamente diversi, dove si è sviluppata la maggior parte della stromatolite proterozoica, erano le isole Exuma alle Bahamas.

Questo finché Vahrenkamp non ha scoperto stromatoliti viventi sull’isola di Sheybarah, sulla piattaforma nord-orientale del Mar Rosso in Arabia Saudita. Vahrenkamp stava studiando le strutture dei tepee, cupole di crosta di sale che possono essere viste dallo Spazio, quando si è imbattuto nel modesto campo di stromatolite. La scoperta è stata sorprendente, ma fortunatamente Vahrenkamp è una delle poche persone ad aver già visto stromatoliti alle Bahamas.

“Quando le ho calpestate, sapevo cosa erano”, ha spiegato Vahrenkamp: “Si tratta di 2000 km di costa con piattaforma carbonatica, quindi in linea di principio è un’area desiderabile per cercare la stromatolite, ma poi è lo stesso alle Bahamas, eppure c’è solo una piccola area in cui si trova“.

stromatoliti

L’isola di Sheybarah è un ambiente subtidale da intertidale a poco profondo, con condizioni di bagnatura e asciugatura che si alternano regolarmente, sbalzi estremi di temperatura tra 8 °C e >48 °C e condizioni oligotrofiche, proprio come le Bahamas.

Poiché condizioni ambientali simili sono diffuse in tutta la piattaforma carbonatica di Al Wajh, potrebbero esserci altri campi di stromatolite nelle vicinanze. Vahrenkamp e il suo team hanno iniziato questo lavoro di esplorazione, ma le stromatoliti sono piccole, circa 15 cm di diametro, e quindi sono difficili da individuare finché non ci si avvicina molto.

Ci sono diverse centinaia di stromatoliti nel campo dell’isola di Sheybarah. Alcuni sono esempi di libri di testo ben sviluppati e perfetti. Altri sono più simili a fogli, con un bassorilievo: “Forse potrebbero essere giovani”, ha ipotizzato Vahrenkamp: “Ma non sappiamo che aspetto abbia una baby stromatolite”.

Conclusioni

Parte del problema è che non sappiamo quanto velocemente crescono le stromatoliti. Datarle è molto difficile, perché contengono due diversi componenti carbonatici che sono praticamente impossibili da separare: quello appena precipitato dai microbi, che è interessante, e la sabbia carbonatica presente nell’ambiente, che è fuorviante.

Attualmente, la squadra di Vahrenkamp monitora il campo mensilmente per registrare eventuali cambiamenti visivi. Presto potrebbe esserci un tentativo di trasferire alcune stromatoliti dell’isola di Sheybarah in un acquario e di farle crescere lì: un’entusiasmante prospettiva sperimentale.

La scoperta di Vahrenkamp ci offre l’opportunità di comprendere meglio la formazione e la crescita delle stromatoliti. Questo fornirà informazioni sui primi anni della vita e sull’evoluzione degli oceani sulla Terra e potrebbe persino aiutarci nella ricerca della vita su altri pianeti come Marte.

stromatoliti

Come sarebbe la vita su Marte e come la riconosceremmo? Osservare le stromatoliti, che sono state le prime forme di vita sulla Terra, prima ancora che il nostro pianeta avesse un’atmosfera ossigenata, è una strada molto promettente.

Lo studio è stato pubblicato su Geology.

 

 

Articoli più letti

Related articles

2 Comments