Il documentario “Stonehenge: Land Of The Dead” ed i nuovi sospetti su Stonehenge

Nel 2020, gli archeologi hanno scoperto nella pianura di Salisbury vicino a Stonehenge uno schema circolare di enormi pozzi sotterranei

612

Nel 2020, gli archeologi hanno scoperto nella pianura di Salisbury vicino a Stonehenge uno schema circolare di enormi pozzi sotterranei. Ce ne sono nove, ognuno largo una decina di metri e profondo cinque, ognuno ha il fondo piatto.

Il cerchio di fosse circonda parzialmente Durrington Walls, che è un argine di terra a forma di anello con un fossato al suo interno.  L’area all’interno dell’anello a Durrington Walls è nota per essere stata il sito di una grande comunità agricola neolitica.

Il professor Vince Gaffney della Bradford University è l’archeologo il cui gruppo di ricerca ha scoperto le fosse. Sebbene una probabile spiegazione per i pozzi sia che fossero doline naturali, Gaffney e i suoi colleghi sospettavano che fossero stati fatti dall’uomo.

Secondo Gaffney, se le fosse sono state fatte da umani e se risalgono a un periodo vicino al tempo in cui Stonehenge è stata costruita, comprendere il loro scopo potrebbe chiarire i misteri rimanenti su Stonehenge e sulle mura di Durrington.

Utilizzando la tecnologia di telerilevamento, il team di Gaffney ha mappato le dimensioni delle fosse. Hanno scoperto che tutte nove sono quasi identiche, il che suggerisce che non erano casualità della natura, quindi gli archeologi hanno recuperato i materiali dai pavimenti delle fosse.

Correlato: Stonehenge: perché è stata costruita?

Il Dr. Tim Kinnaird dell’Università di St. Andrew ha utilizzato una tecnologia che segnala l’ultima volta che una sostanza è stata esposta alla luce del giorno. Ha scoperto che i pavimenti per ultimi hanno “visto” il sole circa 2.400 aC. Da questo, Gaffney ha dedotto che gli umani hanno modellato le fosse un po’ dopo che i neolitici avevano costruito le mura di Durrington e Stonehenge. Hanno mantenuto le fosse per quello che sembra essere circa 500 anni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il nuovo documentario estende quelli che avrebbero potuto essere 30 minuti di risposte affascinanti in circa un’ora e mezza di entusiasmo esagerato spiegando ripetutamente che la “scoperta senza precedenti” dei pozzi potrebbe essere la “più grande scoperta a Stonehenge da decenni” e la “scoperta di una vita” o anche “la più grande scoperta preistorica del mondo” pur essendo anche la “scoperta preistorica più significativa del mondo”.

Advertisement

A suo merito, tuttavia, “Stonehenge: Land of the Dead” è interessante in diversi modi. Uno è nelle sue dimostrazioni degli strumenti che la squadra di Gaffney ha usato per mettere insieme la storia di Stonehenge, le mura di Durrington e il cerchio delle fosse. Fa anche un ottimo lavoro nel descrivere lo sforzo gigantesco e coordinato richiesto alla comunità neolitica che ha costruito Stonehenge.

Correlato: I misteriosi cadaveri di Stonehenge

Advertisement