Stelle “immortali” al centro della Via Lattea: potrebbero aver trovato una fonte di energia inesauribile

Secondo un nuovo studio, un particolare ammasso di stelle che vortica attorno al centro della Via Lattea potrebbe diventare “immortale” catturando e distruggendo continuamente le particelle di materia oscura nei loro nuclei

Secondo un nuovo studio, un particolare ammasso di stelle che vortica attorno al centro della Via Lattea potrebbe diventare “immortale” catturando e distruggendo continuamente le particelle di materia oscura nei loro nuclei.

Via Lattea, stelle

Come le stelle potrebbero diventare “immortali”

Utilizzando simulazioni al computer dell’evoluzione stellare, i ricercatori hanno scoperto che le particelle di materia oscura catturate dalla gravità di queste stelle possono spesso scontrarsi e “annichilirsi” a vicenda all’interno della stella, trasformandosi in particelle ordinarie e rilasciando una quantità significativa di energia.

Questa ulteriore fonte di energia potrebbe mantenere la stabilità della stella e potenzialmente renderla immortale, anche dopo che la sua regolare fornitura di combustibile nucleare si sarà esaurita, suggeriscono i ricercatori.

Stelle di Popolazione III, LMC 119, Via Lattea

Le stelle bruciano l’idrogeno nella fusione nucleare“, ha detto l’autrice principale dello studio Isabelle John, dottoranda in fisica astroparticellare presso l’Università di Stoccolma: “La pressione verso l’esterno da questo bilancia la pressione verso l’interno delle forze gravitazionali e mantiene le stelle in un equilibrio stabile“.

Lo studio

Molte avvistate vicino al buco nero centrale della Via Lattea sembrano essere molto più giovani di quanto previsto dalle teorie sull’evoluzione stellare. Per indagare su questo mistero, i ricercatori hanno testato se potessero trarre energia dall’abbondante fornitura di materia oscura che si ritiene esista nel centro galattico.

La differenza importante è che le stelle consumano il loro idrogeno, che alla fine le porterà alla morte. D’altra parte, le stelle possono accumulare materia oscura continuamente“.

La fusione nucleare è la reazione che avviene nel cuore delle stelle, in cui due nuclei atomici leggeri si fondono in un unico nucleo più pesante. La fusione produce pochissime scorie nucleari e nessuna emissione di gas serra, il che significa che è stata a lungo pubblicizzata come una potenziale alternativa pulita alle fonti energetiche convenzionali. Ma cosa guida questo processo? E potrebbe mai diventare una valida fonte di energia commerciale?

La fusione avviene quando due atomi leggeri si legano insieme, o si fondono, per formarne uno più pesante. La massa totale del nuovo atomo è inferiore a quella dei due che lo formavano. La massa “mancante” viene emessa sotto forma di energia, come descritto dalla famosa equazione ” E=mc^2 ” di Albert Einstein.

La fusione differisce dalla fissione, che divide gli atomi e produce notevoli quantità di rifiuti radioattivi, che sono pericolosi.

Stelle di Popolazione III, paradosso di Fermi, LMC 119

La fusione è la fonte di energia dominante per le stelle nell’Universo. È anche una potenziale fonte di energia sulla Terra, se gli scienziati riuscissero a capire come ottenere dalla reazione più energia di quella necessaria per avviarla. Quando viene innescata una reazione a catena intenzionalmente incontrollata, la fusione nucleare aziona la bomba all’idrogeno. La fusione viene considerata anche come una possibilità per potenziare le imbarcazioni nello Spazio.

Il telescopio spaziale James Webb e altre indagini galattiche hanno confermato che esiste una “fontana della giovinezza” stellare che fa nascere nuove stelle vicino al buco nero centrale della Via Lattea , dove non dovrebbero essere in grado di esistere.

Gli astronomi osservano giovani stelle vicino al centro galattico, sfidando tutte le loro previsioni. Un particolare ammasso di stelle giovani, noto come IRS13, è stato scoperto oltre 20 anni fa. Combinando i dati di molti telescopi diversi, gli astronomi hanno confermato che le stelle in IRS13 hanno solo circa 100.000 anni, neonati cosmici rispetto al sole terrestre (4,6 miliardi di anni), per non parlare della stessa Via Lattea (13,6 miliardi di anni).

Conclusioni

Le nostre simulazioni mostrano che se le stelle possono raccogliere grandi quantità di materia oscura, che si annichila all’interno della stella, questo può fornire una pressione verso l’esterno simile, rendendo la stella stabile a causa dell’annichilazione della materia oscura piuttosto che della fusione nucleare, quindi le stelle possono usare la materia oscura come un carburante al posto dell’idrogeno,” ha detto John.

Lo studio, pubblicato sul server di prestampa arXiv, non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria.

Articoli più letti

Related articles

2 Comments