12.8 C
Rome
mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeAttualitàGli Stati Uniti vietano le importazioni di energia dalla Russia

Gli Stati Uniti vietano le importazioni di energia dalla Russia

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Nel tentativo di esercitare pressioni sul presidente russo Vladimir Putin affinché si ritirasse dall’invasione dell’Ucraina, il governo degli Stati Uniti ha annunciato un divieto totale del petrolio russo, del gas naturale liquefatto e del carbone, ha affermato la Casa Bianca in un comunicato stampa. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato un ordine esecutivo (EO) in tal senso dopo essersi consultato con i suoi alleati.

La mossa degli Stati Uniti sull’energia arriva dopo che ha imposto sanzioni economiche alle banche russe e ha anche preso di mira la produzione industriale in Russia. Il presidente Putin non ha mostrato segni di arresto di quella che definisce una “operazione militare speciale” e introducendo sanzioni legate all’energia, gli Stati Uniti stanno segnalando che possono colpire la Russia dove fa più male poiché le esportazioni di energia sono il pilastro dell’economia russa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’EO vieta l’importazione di petrolio, gas naturale liquefatto e carbone dalla Russia e prevede un periodo di risoluzione di 45 giorni per i contratti esistenti. Impedisce inoltre agli americani e alle società con sede negli Stati Uniti di investire, abilitare o finanziare altre società disposte a investire nel settore energetico russo.

Quanto petrolio russo importano gli Stati Uniti?

Secondo la dichiarazione della Casa Bianca, l’anno scorso gli Stati Uniti hanno importato 700.000 barili di petrolio al giorno dalla Russia. Anche se questo può sembrare molto, è meno del 10 percento delle importazioni di petrolio degli Stati Uniti.

Secondo un rapporto del New York Times, gli Stati Uniti erano in realtà il più grande produttore di petrolio nel 2020, mentre la produzione della Russia al terzo posto era circa la metà di quella degli Stati Uniti. Quindi, gli Stati Uniti non dipendono tanto dal petrolio russo e dalla maggior parte delle sue importazioni sono piuttosto opportunisti e hanno lo scopo di mantenere le sue raffinerie in funzione senza intoppi, ha riferito il Financial Times.

Alleato degli Stati Uniti, il Regno Unito fa molto più affidamento sulle importazioni russe, ma in precedenza aveva anche annunciato che si svezzerà dalle importazioni russe entro la fine dell’anno. Tuttavia, i paesi europei, che non hanno enormi capacità di produzione di petrolio e dipendono fortemente dalle esportazioni russe, non hanno ancora annunciato tali sanzioni.

L’impatto del divieto del petrolio russo sull’economia

Dall’inizio del conflitto in Ucraina, i prezzi del greggio sono aumentati in modo significativo. Dopo la dichiarazione della Casa Bianca, sono aumentati di un altro 6% per raggiungere quasi $ 130 al barile prima di stabilizzarsi un po’ più tardi nel corso della giornata.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tuttavia, la Russia ha risposto affermando che i prezzi del greggio potrebbero raggiungere i 300 dollari al barile alla luce di queste sanzioni e ha persino minacciato di tagliare l’approvvigionamento di gas in Europa, ha riferito Reuters.

L’aumento dei prezzi del greggio ha già influenzato i prezzi delle stazioni di servizio con i prezzi medi che superano i 4 $ negli Stati Uniti, un record a sé stante. L’impatto di questi prezzi più alti sarà visibile poiché l’inflazione negli Stati Uniti dovrebbe superare l’8% questo mese, ha affermato il New York Times nel suo rapporto.

Nel recente passato, gli Stati Uniti hanno attinto alle proprie riserve strategiche di petrolio e la Casa Bianca ha confermato che 60 milioni di barili saranno nuovamente rilasciati nei mercati globali da queste riserve per garantire un approvvigionamento energetico stabile e impedire un’ulteriore escalation dei prezzi del gas.

È probabile che nel breve termine la produzione di petrolio degli Stati Uniti sarà ulteriormente spinta in azione per soddisfare la domanda globale, ma il presidente Biden ha ribadito la transizione verso combustibili più puliti per ridurre la dipendenza dal petrolio e dal gas naturale e diventare indipendente dal punto di vista energetico.

Articoli più letti