Le armi anticarro occidentali fornite all’Ucraina

Da quando l'invasione russa è iniziata il 24 febbraio, all'Ucraina è stata promessa una pletora di armi anticarro di fanteria. Più di una mezza dozzina di nazioni occidentali si sono impegnate a inviare armi anticarro in particolare, mentre altre hanno promesso altri aiuti letali e non letali

1254

Da quando l’invasione russa è iniziata il 24 febbraio, all’Ucraina è stata promessa una pletora di armi anticarro di fanteria. Più di una mezza dozzina di nazioni occidentali si sono impegnate a inviare armi anticarro in particolare, mentre altre hanno promesso altri aiuti letali e non letali.

Il trasferimento di armi anti-corazzate occidentali è iniziato prima ancora che iniziasse la guerra. Gli Stati Uniti hanno effettuato spedizioni significative di missili guidati anticarro Javelin e munizioni M131 SMAW-D Bunker Defeat munitions mentre il Regno Unito ha inviato circa 2.000 armi anticarro leggere di nuova generazione (NLAW). Il 20 gennaio, Lituania, Lettonia ed Estonia hanno annunciato che prevedevano di consegnare missili terra-aria portatili Stinger e missili guidati anticarro Javelin all’Ucraina.

Una volta che i carri armati di Putin hanno oltrepassato il confine ucraino e il conflitto si è intensificato, le porte si sono aperte e le nazioni occidentali tra cui Finlandia, Svezia, Italia, Spagna, Lussemburgo e persino la Germania hanno promesso armi anticarro.

NLAW con l’81a Brigata Aeromobile Separata

Le armi promesse andavano dal venerabile 66mm M72 LAW al moderno Javelin. Quando sono state fatte promesse di aiuto, le armi già sul terreno hanno iniziato a trovare il loro segno. Il primo giorno di guerra il Ministero della Difesa ucraino ha annunciato che gli NLAW avevano messo fuori uso “3 carri armati nemici” e numerosi video e fotografie di carri armati e veicoli da combattimento corazzati che si dice siano stati messi fuori combattimento dai missili Javelin sono emersi – anche se questi sono difficili da verificare.

In un rapporto del 3 marzo, tuttavia, un funzionario delle operazioni speciali statunitensi che monitorava il conflitto ha affermato che 280 veicoli corazzati russi erano stati messi fuori combattimento dal Javelin, su un totale di 300 missili sparati. Non abbiamo ancora visto alcun filmato di Javelin usato in Ucraina, questo potrebbe essere dovuto a buoni protocolli di sicurezza operativi ucraini.

Il trasferimento di armi dalle nazioni europee è stato facilitato dalla storica mossa dell’Unione europea di finanziare e organizzare il trasferimento delle armi a una nazione in guerra, per la prima volta nei suoi 65 anni di storia. I trasferimenti all’Ucraina saranno facilitati attraverso lo Strumento europeo per la pace (EPF) dell’UE, un bilancio di 5 miliardi di euro (5,6 miliardi di dollari) (in corso dal 2021 al 2027) progettato per assistere gli Stati vacillanti o falliti nelle regioni limitrofe dell’Europa. Dal bilancio EPF 450 milioni di euro finanzieranno i trasferimenti di armi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Cosa vengono inviate le armi?

Forse l’annuncio più notevole, il 26 febbraio, dall’Europa è stato l’annuncio della Germania che 1.000 armi anticarro Panzerfaust 3 (non è chiaro se questo si riferisca alle unità di tiro riutilizzabili o ai proiettili) e 500 missili terra-aria Stinger sarebbero stati inviati in Ucraina. Il Panzerfaust 3 è un’arma lanciata a spalla con un’unità di controllo del fuoco / lanciatore che può essere riutilizzata. Non è noto quali proiettili siano stati inviati con l’unità di lancio. Alcune prove suggeriscono che i Panzerfaust 3 sono arrivati. Ci sono state anche segnalazioni che la Germania sta cercando di inviare 2.000 ex 9K32 Strela-2 MANPADS della Germania dell’Est, anche se si dice che le condizioni di questi siano scarse.

Vadim Ganshi, dell’esercito tedesco, attende l’ordine di sparare un Panzerfaust 3. Vaziani, Repubblica di Georgia, 5 agosto 2017 (foto dell’esercito americano di Spc. Hayley Gardner).

L’inversione a U della Germania sul sostegno militare all’Ucraina ha anche permesso ai paesi che desideravano inviare armi di fabbricazione tedesca in Ucraina. Questi includevano 50 lanciatori Panzerfaust 3 e 400 proiettili che i Paesi Bassi hanno inviato insieme a 200 Stinger MANPADS. Alimenta anche gli obici D-30 dell’era sovietica, costruiti dalla Germania dell’Est, che la Finlandia conta di inviare al più presto.

La Danimarca si è impegnata a donare 2.700 armi anticarro lanciate a spalla. È stato confermato il 27 febbraio che le armi anticarro “proverrebbero dallo stock operativo delle forze armate” e che “il capo della Difesa ha valutato che è giustificabile che la difesa danese faccia a meno di queste armi nell’attuale situazione“. Le armi sono state confermate come monouso, a spalla, 66mm M72 ECLAW (Enhanced Capability Light Antitank Weapon). Il Ministero degli Affari Esteri danese ha condiviso un video il 2 marzo annunciando la spedizione delle armi per l’Ucraina.

Il 27 febbraio, anche la Svezia ha annunciato il trasferimento di circa 5.000 armi anti-armatura, con il primo ministro svedese Magdelena Andersson e il ministro della Difesa Peter Hultqvist che hanno confermato che gli aiuti svedesi includeranno anche circa 5.000 kit di armature per il corpo, 5.000 elmetti e 135.000 razioni sul campo. Si ritiene che i 5.000 sistemi da inviare saranno armi anticarro AT4 monouso, a spalla da 84 mm (ritenute non essere le AT4-CS, adatte all’uso in spazi ristretti). Lo stesso giorno il Ministero della Difesa norvegese ha annunciato l’intenzione di inviare anche 2.000 armi anti-corazzate M72 LAW.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Un soldato ucraino con un AT-4, uno dei primi visti nel paese a partire dal 5 marzo (via UAWeaponTracker)

Lo stesso giorno il Belgio ha promesso 200 armi anticarro, ma il primo ministro Alexander De Croo non ha specificato quale tipo sarebbe stato inviato. Le forze armate belghe attualmente dispongono di M72 LAWs e RGW 90s. Tuttavia, dato che l’RGW 90 è previsto per sostituire l’M27 LAW, è possibile che vengano inviate le LAW più vecchie.

Il 28 febbraio, ha visto un nuovo giro di promesse di armi. Il Ministero della Difesa finlandese (Puolustusministeriö) ha confermato che fornirà 2.500 fucili d’assalto, 150.000 munizioni per i fucili, 1.500 armi anticarro monouso e 70.000 pacchetti di razioni da combattimento all’Ucraina. È probabile che i fucili siano MPi-KM/KMS di costruzione della Germania dell’Est o Type 56 cinesi, entrambi sono fucili modello AKM. Anche se non confermato, le armi anticarro potrebbero essere il francese RAC 112 APILAS (che si sta avvicinando alla fine della loro vita di servizio) o l’M72A2 / A5 – entrambi attualmente in servizio con le forze di difesa finlandesi. Entrambe sono armi monouso a spalla.

AT-4 ancora nei loro involucri di plastica, condivisi dal battaglione Azov l’8 marzo (via War_Noir)

Il Lussemburgo, una delle nazioni più piccole d’Europa, ha annunciato l’intenzione di fornire aiuti militari all’Ucraina con il trasferimento di 100 sistemi d’arma anticarro non specificati (secondo quanto riferito NLAW, come principale arma anticarro di fanteria del Lussemburgo), 20.000 colpi di munizioni per armi leggere, alcune jeep e tende.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha annunciato che l’Australia invierà 70 milioni di dollari in aiuti militari e umanitari all’Ucraina. “Stiamo parlando di missili, stiamo parlando di munizioni, stiamo parlando di sostenere la loro difesa della propria patria … Non entrerò nello specifico di questo perché non ho intenzione di dare ai russi un avvertimento su ciò che sta arrivando sulla loro strada. Ma posso assicurarli che sta arrivando“. L’esercito australiano attualmente schiera fucili M72 LAW, Carl Gustav 84mm senza rinculo e JAVElin ATGM – è probabile che il tipo di “missile” inviato sarà uno di questi.

Il primo ministro Justin Trudeau ha annunciato il 28 febbraio, durante un discorso, che il Canada fornirà all’Ucraina “sistemi d’arma anticarro e munizioni aggiornate“. Il ministro della Difesa nazionale Anita Anand ha offerto ulteriori dettagli affermando che il Canada invierà “100 sistemi d’arma anticarro Carl Gustav e 2.000 razzi … che lavoreremo per consegnare il più rapidamente possibile“. Il fucile carl Gustav 84mm senza rinculo prodotto da Saab Bofors Dynamics non è un lanciarazzi ma un fucile senza rinculo in grado di sparare una varietà di munizioni. È un’arma più robusta, in grado di essere utilizzata ripetutamente, ma di conseguenza è più pesante di alcuni dei più piccoli sistemi monouso a spalla. La variante inviata dal Canada è la vecchia M2.

Un Carl Gustav da 84 mm (esercito canadese)

Con una mossa inaspettata, il ministro della Difesa spagnolo, Margarita Robles, ha annunciato il 2 marzo che due spedizioni di aiuti letali sono state consegnate all’Ucraina il 4 marzo. Le spedizioni includono 1.370 “lanciagranate”, un numero imprecisato di mitragliatrici leggere e 700.000 colpi di munizioni per armi leggere. Si ritiene che i “lanciatori” siano armi anticarro di fanteria prodotte da Instalaza, sia il C-90 spagnolo (paragonabile all’AT4) che l’Alcotán-100 (paragonabile all’NLAW). Entrambe le armi sono sistemi monouso a spalla. I C-90 sono stati visivamente confermati per aver raggiunto le truppe in prima linea.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Di recente, il 2 marzo, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha annunciato un contratto con la joint venture Raytheon – Lockheed Martin che produce il missile guidato anticarro Javelin per $ 19.541.045 per fornire servizi di supporto agli appaltatori del ciclo di vita per le vendite militari statunitensi e militari estere Destinatari di Javelin tra cui Estonia, Georgia, Lettonia, Lituania, Polonia e Ucraina. Lo stesso giorno il Ministero della Difesa estone ha dichiarato che un secondo lotto di sistemi Javelin donati dall’Estonia aveva raggiunto l’Ucraina.

Il 3 marzo, il Comando Operativo “Nord” dell’Ucraina ha condiviso le foto delle truppe che vengono addestrate nell’uso delle armi anticarro NLAW e Javelin. Altre immagini di questo tipo sono state condivise da allora dal battaglione della Guardia Nazionale Azov. Lo stesso giorno il Ministero della Difesa Nazionale del Canada ha annunciato un pacchetto aggiuntivo per l’Ucraina che include “fino a 4.500 lanciarazzi M72 e fino a 7.500 bombe a mano”, nonché fondi per immagini satellitari ad alta risoluzione. Il Canada attualmente schiera la variante M72A5-C1 dell’M72.

Truppe ucraine che familiarizzano con Javelin ATGM (Ministero della Difesa ucraino)

Il monitoraggio dei tracker di volo suggerisce che numerosi voli di aiuti occidentali hanno iniziato ad arrivare in Polonia all’aeroporto di Rzeszow-Jasionka nel sud-est della Polonia. Si ritiene che Rzeszow-Jasionka diventerà il punto di sosta per gli aiuti diretti in Ucraina nei prossimi giorni. Domenica 27 febbraio, il presidente Biden ha autorizzato un pacchetto da 350 milioni di dollari che includeva un numero grande, ma non specificato, di Javelin. Il tempo di consegna tipico per questo tipo di trasferimento di armi di solito richiede mesi, in questo caso è bastata meno di una settimana. Il 70% del pacchetto da 350 milioni di dollari è già in Ucraina. Gran parte degli ordigni proviene da titoli pre-posizionati a termine situati in Germania. Gli sforzi logistici sono guidati dal Comando europeo degli Stati Uniti, con una squadra che coordina gli aiuti di oltre una dozzina di paesi.

Una volta che le armi raggiungono l’Ucraina, vengono spedite in tutto il paese con un camion e ci sono alcune prove che suggeriscono che vengono consegnate a singole unità in città come Kiev in furgoni commerciali.

Fortunatamente la maggior parte dei sistemi impostati sono semplici sistemi usa e getta con manuali di bracci che sono relativamente facili da imparare rapidamente. Molti dei lanciatori a tubo esteso come LAW, C-90 e C-100 funzionano allo stesso modo di base. Abbiamo già visto le immagini dei sistemi più complessi come nlaw e Javelin essere spiegate in briefing ad hoc alle truppe nei depositi.

Quanto sono efficaci queste armi?

Tutte le armi trasferite sono in grado di mettere fuori uso i mezzi corazzati russi, i veicoli da combattimento della fanteria e i veicoli da combattimento corazzati. Sono tutte classificate per penetrare almeno 300 mm di armatura omogenea arrotolata – più che sufficiente per impegnare la maggior parte dei veicoli corazzati russi visti in Ucraina. Le armi di calibro più grande e più capaci tra cui Javelin, NLAW, APILAS, Panzerfaust 3 e C-100 sono in grado di mettere fuori combattimento i principali carri armati. Alcuni dei sistemi più piccoli possono mettere fuori uso o almeno danneggiare l’armatura pesante russa – dipende dall’area di impatto, dal raggio di ingaggio e dal tipo di testata utilizzata dall’arma.

Soldati ucraini che sparano un RPG-26 (via UAWeaponsTracker)

Javelin e NLAW sono già entrati nella più ampia coscienza popolare e sono già profondamente associati al conflitto. E mentre abbiamo visto prove della loro presenza, e in alcuni casi dell’uso, sul terreno non possiamo ancora essere sicuri di quanto sia diffuso il loro uso o quale impatto stiano avendo.

È anche importante ricordare che, mentre queste armi anticarro fornite dall’Occidente proliferano in Ucraina, le forze armate ucraine hanno grandi scorte di armi anticarro di progettazione russa e indigene, tra cui il venerabile RPG-7, l’RPG-22, l’RPG-26 e l’RPV-16. Questi sono stati visti in azione in numerosi video. Hanno anche una gamma di missili guidati anticarro medi tra cui il Corsar (105 mm) e lo Stugna-P (130 mm). Ciò che è chiaro è che l’Ucraina ora ha il più vario stock di armi anticarro di fanteria di qualsiasi nazione in Europa.