2.5 C
Rome
martedì, Novembre 29, 2022
HomeEcologia e AmbienteIl cambiamento climatico ha spostato l'asse della Terra

Il cambiamento climatico ha spostato l’asse della Terra

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Lo scioglimento dei ghiacciai dovuto al riscaldamento globale è probabilmente la causa di uno spostamento nel movimento dei poli avvenuto negli anni ’90.

Le posizioni dei poli nord e sud non sono punti statici e immutabili sul nostro pianeta. L’asse attorno a cui ruota la Terra, o più specificamente la superficie da cui emerge la linea invisibile, è sempre in movimento a causa di processi che gli scienziati non comprendono completamente. Il modo in cui l’acqua è distribuita sulla superficie terrestre è uno dei fattori che guidano la deriva.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Lo scioglimento dei ghiacciai ha ridistribuito abbastanza acqua per far sì che la direzione dello spostamento polare sia cambiata e accelerata verso est durante la metà degli anni ’90, secondo un nuovo studio pubblicato su Geophysical Research Letters, la rivista di AGU per rapporti ad alto impatto, di breve formato con implicazioni immediate su tutta la Terra.

Il più rapido scioglimento dei ghiacci causato dal riscaldamento globale è stata la causa più probabile del cambiamento di direzione della deriva polare negli anni ’90“, ha detto Shanshan Deng, ricercatore presso l’Istituto di scienze geografiche e ricerca sulle risorse naturali presso l’Accademia cinese delle scienze e autore del nuovo studio.

La Terra gira attorno al suo asse un po’ come una trottola, spiega Vincent Humphrey, climatologo presso l’Università di Zurigo che non è stato coinvolto in questa ricerca. Se il peso di una trottola viene spostato, la trottola inizierà a inclinarsi e oscillare al variare del suo asse di rotazione. La stessa cosa accade alla Terra quando il peso viene spostato da un’area all’altra.

I ricercatori sono stati in grado di determinare le cause delle derive polari a partire dal 2002 sulla base dei dati del Gravity Recovery and Climate Experiment (GRACE), una missione congiunta della NASA e del Centro aerospaziale tedesco, lanciata con due satelliti nello stesso anno e una missione di follow-up nel 2018. La missione ha raccolto informazioni su come la massa è distribuita intorno al pianeta misurando i cambiamenti irregolari della gravità in diversi punti.

Precedenti studi pubblicati sui dati della missione GRACE hanno rivelato alcune delle ragioni dei successivi cambiamenti di direzione. Ad esempio, la ricerca ha stabilito che i movimenti più recenti del Polo Nord dal Canada e verso la Russia sono causati da fattori come il ferro fuso nel nucleo esterno della Terra

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Altri cambiamenti sono stati causati in parte da quello che viene chiamato il cambio di immagazzinamento dell’acqua terrestre, il processo mediante il quale tutta l’acqua sulla terra, compresa l’acqua congelata nei ghiacciai e le acque sotterranee immagazzinate sotto i nostri continenti, viene persa a causa dello scioglimento e del pompaggio delle acque sotterranee.

Gli autori del nuovo studio ritengono che questa perdita d’acqua dalla terraferma abbia contribuito ai cambiamenti nella deriva polare negli ultimi due decenni, modificando il modo in cui la massa è distribuita nel mondo. 

Nel 1995, la direzione della deriva polare si è spostata da sud a est. Anche la velocità media di deriva dal 1995 al 2020 è aumentata di circa 17 volte rispetto alla velocità media registrata dal 1981 al 1995.

Ora i ricercatori hanno trovato un modo per avvolgere le moderne analisi di tracciamento dei poli indietro nel tempo per capire perché si è verificata questa deriva. La nuova ricerca calcola la perdita totale di acqua terrestre negli anni ’90 prima dell’inizio della missione GRACE.

I risultati offrono un indizio per studiare il moto polare del passato guidato dal clima“, ha detto Suxia Liu, idrologa presso l’Istituto di scienze geografiche e ricerca sulle risorse naturali presso l’Accademia cinese delle scienze, coautore del nuovo studio. “L’obiettivo di questo progetto, finanziato dal Ministero della Scienza e della Tecnologia cinese è esplorare la relazione tra l’acqua e il moto polare“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Perdita d’acqua e deriva polare

Utilizzando i dati sulla perdita dei ghiacciai e le stime del pompaggio delle acque sotterranee, Liu ei suoi colleghi hanno calcolato come è cambiata l’acqua immagazzinata sulla terraferma. Hanno scoperto che i contributi della perdita d’acqua dalle regioni polari è il principale motore della deriva polare. Tutta questa perdita d’acqua spiega il cambiamento verso est della deriva polare.

Penso che questo porti una prova interessante a questa domanda“, ha detto Humphrey. “Ti dice quanto è forte questo cambiamento di massa: è così grande che può spostare l’asse della Terra“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Secondo Humphrey, il cambiamento dell’asse terrestre non è abbastanza grande da influenzare la vita quotidiana. Potrebbe cambiare la durata della giornata che sperimentiamo, ma solo di millisecondi.

Lo scioglimento più veloce del ghiaccio potrebbe non spiegare del tutto il cambiamento, ha detto Deng che ha ipotizzato che il leggero divario potrebbe essere dovuto ad attività che coinvolgono lo stoccaggio dell’acqua terrestre in regioni non polari, come il pompaggio di acque sotterranee per l’agricoltura.

Humphrey ha detto che questa prova rivela quanto l’attività umana diretta possa avere un impatto sui cambiamenti della massa d’acqua sulla terra. La loro analisi ha rivelato grandi cambiamenti nella massa d’acqua in aree come la California, il Texas settentrionale, la regione intorno a Pechino e l’India settentrionale, ad esempio, tutte aree che hanno pompato grandi quantità di acque sotterranee per uso agricolo.

Anche il contributo dell’acqua sotterranea è importante“, ha detto Humphrey. “Qui c’è un problema di gestione dell’acqua locale che viene rilevato da questo tipo di analisi“.

Riferimento: “Polar Drift in the 1990s Explained by Terrestrial Water Storage Changes” di S. Deng, S. Liu, X. Mo, L. Jiang e P. Bauer ‐ Gottwein, 22 marzo 2021.
DOI: 10.1029 / 2020GL092114

Articoli più letti