10.4 C
Rome
giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeEsoterismo e MagiaLo specchio magico di John Dee ha origine mistica azteca

Lo specchio magico di John Dee ha origine mistica azteca

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Uno specchio magico utilizzato dal consigliere della regina Elisabetta I, John Dee, era in origine un artefatto mesoamericano profetico realizzato nel Messico azteco circa 500 anni fa, secondo una nuova ricerca. Il ritrovamento, pubblicato sulla rivista Antiquity, rafforza l’idea che sia stato utilizzato dall’occultista nei suoi tentativi di comunicare con gli angeli.

Lo specchio magico di John Dee per evocare gli angeli

Dee era un consigliere alla corte della regina del XVI secolo, nonché un abile alchimista, astrologo, cartografo e matematico. Si pensa che possa essere stato il modello per Prospero, il mago della Tempesta di Shakespeare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Dee inizialmente si trovava a cavallo della linea sottile tra la ‘magia’ naturale, che era considerata una scienza, e la magia demoniaca, che era considerata una perversione della religione, e con quella alla fine si è scontrato“, scrivono i ricercatori.

I racconti abbondano sulle imprese occulte di Dee, inclusa la sua pratica di skrying, o evocazione di angeli e spiriti attraverso strumenti chiaroveggenti come cristalli e specchi.

Questo particolare “specchio dello spirito“, attestato nel 1650 come parte della collezione skyring di John Dee, fu infine acquistato nel 1700 dallo scrittore Horace Walpole, che credeva appartenesse all’erudito rinascimentale inglese e fosse usato da lui nei rituali magici.

Lo specchio è stato acquistato dal British Museum alla fine del 1800 ed è attualmente in mostra nella Enlightenment Gallery del museo.

Lo specchio magico attualmente in mostra al British Museum

I ricercatori hanno utilizzato uno scanner portatile a fluorescenza a raggi X per esaminare lo specchio magico di John Dee, così come altri tre oggetti di ossidiana – due specchi circolari quasi identici e una lastra rettangolare lucidata – acquisiti dal British Museum da collezionisti in Messico nel 1800.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Poiché gli elementi chimici brillano in modo diverso sotto i raggi X, lo scanner è stato in grado di determinare una “impronta digitale” geochimica per ogni oggetto di ossidiana in base alle proporzioni di titanio, ferro, stronzio e altre sostanze contenute in ciascuno.

I risultati mostrano che l’ossidiana nello specchio di John Dee e uno degli altri specchi potrebbe provenire solo dalla regione di Pachuca, nel Messico centrale. L’altro specchio e la lastra di ossidiana, probabilmente un altare portatile, provenivano dalla regione dell’Ucareo, circa 150 miglia più a ovest.

Un codice azteco che mostra lo specchio di ossidiana

Gli antichi mesoamericani credevano che tali specchi potessero servire come portali per i mondi spirituali. Entrambe le regioni erano governate dagli Aztechi, che avevano la tradizione di fabbricare specchi di ossidiana per scopi magici, afferma l’archeologo Stuart Campbell dell’Università di Manchester, l’autore principale del nuovo studio.

Gli specchi circolari di ossidiana sono raffigurati nei codici aztechi scritti subito dopo la conquista spagnola all’inizio del XVI secolo e nelle raffigurazioni della divinità Tezcatlipoca (“Specchio fumante”) che aveva poteri di divinazione. Gli Aztechi credevano che potessero mostrare del fumo, che si sarebbe poi diradato per rivelare un tempo o un luogo lontano.

Gli antichi mesoamericani credevano che fossero porte spirituali per mondi alternativi, “proprio come Alice in Attraverso lo specchio“, scrive in una e-mail l’ antropologo Karl Taube dell’Università della California Riverside. “Una volta che guardi in profondità, hai aperto quella connessione.” Taube ha studiato gli specchi aztechi ma non è stato coinvolto nella nuova ricerca.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La scoperta che lo “specchio spirituale” del British Museum sia di origine azteca rafforza la teoria secondo cui Dee lo usò come skryer per evocare angeli e spiriti, dice Campbell. È probabile che Dee, che era molto interessato all’esplorazione del Nuovo Mondo, conoscesse le rinomate proprietà dello specchio magico quando lo acquisì, probabilmente durante i suoi viaggi in Europa alla fine del 1500.

Anche gli europei credevano nei poteri degli specchi

I documenti mostrano che diversi specchi aztechi furono spediti dal Messico all’Europa subito dopo che Hernán Cortés e le sue truppe presero la capitale azteca di Tenochtitlan nel 1521. E come gli aztechi, anche gli europei del periodo credevano nei loro poteri, una credenza che potrebbe aver portato Dee a cercare di comunicare con gli angeli attraverso lo specchio magico.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La reputazione di Dee come proto-scienziato elisabettiano rimane forte nel Regno Unito (è il soggetto di un’opera composta dal frontman dei Blur Damon Albarn, per esempio). E la sua presenza persiste in una varietà di resoconti storici dell’epoca.

Puoi leggere qualcosa in cui non ti aspetti di vederlo, e il nome di John Dee salta fuori all’improvviso”, dice Campbell. “Era coinvolto in così tante aree e nelle prime fasi di così tanti diversi approcci al mondo naturale“.

Articoli più letti