8.4 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeCuriositàSe cadesse sulla tua casa della spazzatura spaziale, ci sono leggi per...

Se cadesse sulla tua casa della spazzatura spaziale, ci sono leggi per proteggerti?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

L’8 maggio 2021, un pezzo di spazzatura spaziale di un razzo cinese è caduto incontrollato sulla Terra ed è atterrato nell’Oceano Indiano vicino alle Maldive .

Un anno fa, nel maggio 2020, un altro razzo cinese ha incontrato la stessa sorte quando è precipitato senza controllo nelle acque al largo della costa dell’Africa occidentale. Nessuno sapeva quando o dove uno di questi pezzi di spazzatura spaziale avrebbe colpito, quindi è stato un sollievo quando nessuno dei due si è schiantato a terra o ferito qualcuno.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Si sarebbe potuto evitare questo? Cosa sarebbe successo se ci fossero stati danni? E come verranno regolamentate le nuove società commerciali con l’aumento esponenziale delle attività e dei lanci spaziali?
Perché la legge spaziale sia efficace, deve fare tre cose.
In primo luogo, la regolamentazione deve impedire che si verifichino quante più situazioni pericolose possibile. In secondo luogo, deve esserci un modo per monitorare e applicare la conformità. Infine, le leggi devono stabilire un quadro di responsabilità se le cose vanno male.
Allora, cosa dispongono le leggi e i trattati attuali sullo spazio? Ci sono alcune buone idee, ma è interessante notare che guardare alle leggi ambientali può dare alcune idee su come migliorare l’attuale regime legale per quanto riguarda i detriti spaziali.

E se un razzo atterrasse sulla tua casa?

Immagina che, invece di atterrare nell’oceano, il recente razzo cinese si sia schiantato contro la tua casa mentre eri al lavoro. Cosa ti permetterebbe di fare la legge attuale?

Secondo il Trattato sullo spazio extra-atmosferico del 1967 e la Convenzione sulla responsabilità del 1972 – entrambi adottati dalle Nazioni Unite – questa sarebbe una questione da governo a governo. I trattati dichiarano che gli stati sono internazionalmente responsabili per qualsiasi danno causato da un veicolo spaziale, anche se il danno è stato causato da una società privata di quello stato.

Secondo queste leggi, il tuo paese non avrebbe nemmeno bisogno di dimostrare che qualcuno ha fatto qualcosa di sbagliato se un oggetto spaziale o le sue parti componenti hanno causato danni sulla superficie della Terra o ai normali aerei in volo.

Fondamentalmente, se un pezzo di spazzatura spaziale proveniente dalla Cina fosse atterrato sulla tua casa, il governo del tuo paese dovrebbe fare una richiesta di risarcimento attraverso i canali diplomatici e poi ti pagherebbe, se decidesse di fare il reclamo.

Anche se le probabilità che un satellite rotto atterri sulla tua casa sono quasi nulle, è capitato che detriti spaziali si siano schiantati sulla terraferma. Nel 1978, il satellite sovietico Cosmos 954 cadde in una regione arida dei territori del nord-ovest del Canada.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quando si è schiantato, ha diffuso detriti radioattivi dal suo reattore nucleare su un’ampia fascia di terra. Un team congiunto canadese-americano ha iniziato uno sforzo di bonifica che è costato oltre 14 milioni di dollari canadesi (11,5 milioni di dollari americani). I canadesi chiesero 6 milioni di dollari canadesi dall’Unione Sovietica, ma i sovietici pagarono solo 3 milioni di dollari canadesi nell’accordo finale.

Questa è stata la prima e unica volta che la Convenzione sulla responsabilità è stata utilizzata quando un veicolo spaziale di un paese si è schiantato su un altro. Quando la Convenzione sulla responsabilità è stata applicata in questo contesto, sono emerse quattro norme di governo.

I paesi hanno il dovere di: mettere in guardia gli altri governi sui detriti; fornire tutte le informazioni che potrebbero su un incidente imminente; ripulire eventuali danni causati; e risarcire il tuo governo per eventuali lesioni che potrebbero essere risultate.

Tuttavia, se possedessi un piccolo satellite in orbita che è stato colpito da un pezzo di spazzatura spaziale, tu e il tuo governo dovreste dimostrare chi era il colpevole. Attualmente, tuttavia, non esiste un sistema di gestione del traffico spaziale coordinato a livello globale.

Con decine di migliaia di frammenti tracciati in orbita e moltitudini di pezzi più piccoli e non tracciabili, capire cosa ha distrutto il tuo satellite sarebbe una cosa molto difficile da fare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’inquinamento spaziale è il problema più grande

L’attuale legge spaziale ha funzionato finora perché le questioni sono state poche e lontane tra loro e sono state trattate diplomaticamente. Man mano che sempre più veicoli spaziali vengono lanciati, i rischi per la proprietà o la vita aumenteranno inevitabilmente e la Convenzione sulla responsabilità potrebbe essere più utilizzata.

detriti spaziali in orbitaOgni punto in questa immagine rappresenta un pezzo noto di detriti spaziali. (Programma detriti orbitali della NASA / Wikimedia Commons)

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma i rischi per la vita e la proprietà non sono le uniche preoccupazioni. Mentre i fornitori di servizi di lancio, gli operatori satellitari e le compagnie di assicurazione si preoccupano del problema dei detriti spaziali per il suo effetto sulle operazioni spaziali, i sostenitori della sostenibilità spaziale sostengono che l’ambiente dello spazio ha un valore in sé e deve affrontare un rischio di danni molto maggiore rispetto agli individui sulla Terra.

L’opinione prevalente è che il degrado dell’ambiente sulla Terra attraverso l’inquinamento o la cattiva gestione sia negativo a causa del suo impatto sull’ambiente o sugli esseri viventi. Lo stesso vale per lo spazio, anche se non vi è una chiara vittima diretta o danno fisico.

Quando cadde il Cosmos 954, i canadesi sostennero che, dal momento che il satellite sovietico aveva depositato detriti radioattivi pericolosi nel territorio canadese, ciò costituiva “danni materiali” ai sensi della Convenzione CLC.

Ma, poiché l’articolo 2 del Trattato sullo spazio esterno dichiara che nessuno stato può possedere lo spazio esterno o corpi celesti, non è chiaro se questa interpretazione si applicherebbe in caso di danni agli oggetti nello spazio. Lo spazio si preannuncia come una nuova frontiera su cui può svolgersi la tragedia dei beni comuni.

Rimuovere dall’orbita oggetti di grandi dimensioni esistenti che potrebbero entrare in collisione tra loro sarebbe un ottimo punto di partenza per i governi. Ma se le Nazioni Unite o i governi concordassero leggi che definiscono le conseguenze legali per la creazione di detriti spaziali in primo luogo e la punizione per non seguire le migliori pratiche, ciò potrebbe aiutare a mitigare il futuro inquinamento dell’ambiente spaziale.

Tali leggi non avrebbero bisogno di essere inventate da zero. Le linee guida 2007 delle Nazioni Unite per la mitigazione dei detriti spaziali affrontano già la questione della prevenzione dei detriti.

Sebbene alcuni paesi abbiano trasferito queste linee guida nelle normative nazionali, l’implementazione a livello mondiale è ancora in sospeso e non ci sono conseguenze legali per la non conformità.

Le possibilità che una persona venga uccisa da un satellite in caduta sono vicine allo zero. Nella remota possibilità che accada, l’attuale legge spaziale fornisce un quadro abbastanza buono per affrontare un evento del genere.

Ma proprio come all’inizio del XX secolo sulla Terra, le leggi attuali si concentrano sull’individuo e ignorano il quadro più ampio dell’ambiente, anche se freddo, oscuro e sconosciuto.

Adattare e applicare la legge spaziale in modo che prevenga e dissuada gli attori dall’inquinamento dell’ambiente spaziale – e li ritenga responsabili se infrangono queste leggi – potrebbe aiutare a evitare un cielo pieno di spazzatura.La conversazione

Timiebi Aganaba, assistente professore di spazio e società, Arizona State University.

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.

Articoli più letti