SpaceX alternativa a se stessa nel programma Artemis della NASA per il ritorno sulla Luna

Non è difficile immagina che, una volta che la prima Starship sarà partita dalla Terra, sarà scesa sulla Luna supportando le operazioni degli astronauti, e tornerà senza problemi sulla Terra, molte persone (alla NASA, e certamente al Congresso) inizieranno a chiedersi se spendere miliardi in più per costruire un Lunar Gateway valga la pena

2108

Il premio da un miliardo di dollari in contratti che la NASA ha assegnato a Blue Origin, Dynetics e SpaceX per costruire un lander per riportare gli astronauti sulla Luna ha fatto scalpore in tempo di crisi economica da coronavirus ma impallidisce rispetto ad un altro contratto della NASA che SpaceX ha vinto poco più di un mese fa.
Tale contratto, che impegna l’azienda di Elon Musk a fornire servizi logistici alla stazione spaziale Lunar Gateway che dovrebbe essere costruita in orbita attorno alla luna nei prossimi anni, potrebbe valere fino a 7 miliardi miliardi di dollari, e SpaceX potrebbe non doverlo condividere con nessuno.

Sette miliardi di dollari per SpaceX

L’ampio contratto assegnato a marzo, impegna SpaceX a “consegnare carichi critici pressurizzati e non pressurizzati, esperimenti scientifici e forniture al Gateway“. Una volta consegnati, questi rifornimenti saranno immagazzinati nella stazione spaziale per rifornire gli astronauti impegnati nell’esplorazione della superficie lunare. Avvicinando un deposito di approvvigionamento al luogo di lavoro degli astronauti, il Gateway dovrebbe essere in grado di supportare l’esplorazione della Luna a lungo termine, consentendo agli astronauti che visitano il nostro satellite terrestre di rimanervi più a lungo.
Le serie di forniture di SpaceX includeranno “missioni di fornitura multiple” per un periodo compreso tra 12 e 15 anni. Altre società potrebbero ricevere contratti simili e, secondo la NASA, il “valore totale massimo … per tutti i contratti”, insomma potrebbe aggiungere fino a $ 7 miliardi per l’intero periodo di performance. Ma attualmente SpaceX è l’unico appaltatore incaricato di eseguire il servizio e, considerando che al momento la compagnia di Elon Musk è l’unica a disporre già di lanciatori efficaci e testati (Falcon 9 e Falcon Heavy), sembra esserci una reale possibilità che SpaceX da sola possa finire per raccogliere l’intero ammontare di 7 miliardi previsto per questa operazione.
O no…

…oppure 0 dollari per SpaceX

In effetti, c’è un problema con questo contratto che la NASA ha assegnato a SpaceX il 27 marzo. È incentrato su ciò che la NASA Associate Administrator per Human Exploration and Operations aveva detto a proposito della missione lunare due settimane prima dell’aggiudicazione del contratto.
In particolare, nelle discussioni con il comitato scientifico del Consiglio consultivo della NASA del 13 marzo, Loverro sembrava essere meno che entusiasta dell’idea di utilizzare un Lunar Gateway. Evidenziando la difficoltà di incontrare il mandato del vicepresidente Pence di far sbarcare gli astronauti sulla luna entro il 2024, Loverro ha affermato che il modo migliore per far sì che ciò accada è “rimuovere tutte le cose che potrebbero causare ritardi nel programma lungo la strada”. Una di queste “cose” è lo stesso Lunar Gateway.
Esiste “un’alta possibilità“, ha spiegato Loverro, che la NASA non sarà in grado di completare la costruzione della stazione spaziale in tempo utile affinché gli astronauti possano usarla come base da cui scendere sulla luna nel 2024. Inoltre, “dal punto di vista della fisica“, ha dichiarato Loverro, “posso garantirvi che non ne abbiamo bisogno per questo lancio“.
In parole povere, è più semplice e quindi meno rischioso inviare astronauti direttamente dalla Terra alla Luna e viceversa piuttosto che farli fermare in una stazione spaziale in orbita lungo il percorso. In effetti, l’astronave “Starship” che SpaceX sta costruendo in Texas è espressamente progettata per rendere possibili i voli diretti e non necessita di passaggi intermedi come il Gateway.
Perversamente, questo significa che se l’astronave di SpaceX fosse scelta per trasportare e riportare gli astronauti sulla luna, potrebbe rendere inutili i contratti di “servizi logistici” del Lunar Gateway – e un valore di $ 7 miliardi per fornire il Lunar Gateway.
Ma se ciò dovesse accadere, cioè se il Lunar Gateway venisse ritenuto superfluo e mai costruito – potrebbe anche non essere una cattiva notizia per SpaceX. Ma per gli altri appaltatori spaziali, compresi quelli assunti dai partner internazionali della NASA e anche la propria Maxar Technologies e Northrop Grumman, entrambi aggiudicati contratti per costruire elementi del Lunar Gateway, potrebbero perderci.

Argomenti a favore e contro

Ancora una volta, con molte aziende oltre a SpaceX che hanno acquisito interessi (e contratti preziosi) nel Lunar Gateway, la NASA potrebbe finire comunque per costruire il Lunar Gateway. Forse non in tempo per facilitare l’effettivo ritorno degli astronauti sulla Luna, ma più tardi, perché dopo la prima missione, gli argomenti a favore della creazione di un deposito di rifornimento orbitale lunare potrebbero avere ancora valore.
A tale proposito, Loverro ha osservato di ritenere che il gateway contribuirebbe a rendere “sostenibili” le missioni di esplorazione lunare, e quindi ritiene che alla fine “sarà costruito al 100% ” se ciò può essere fatto a un costo ragionevole. Ma anche così, ciò lascia aperta la possibilità che una NASA attenta al budget possa decidere che il costo non è ragionevole… Specialmente se SpaceX riuscirà a costruire un’astronave che rende irrilevanti le stazioni spaziali.
Non è difficile immagina che, una volta che la prima Starship sarà partita dalla Terra, sarà scesa sulla Luna supportando le operazioni degli astronauti, e tornerà senza problemi sulla Terra, molte persone (alla NASA, e certamente al Congresso) inizieranno a chiedersi se spendere miliardi in più per costruire un Lunar Gateway valga la pena, tanto più se la Starship confermerà l’enorme capacità di carico prevista nelle specifiche che potrebbe permettere di costruire un avamposto scientifico ed esplorativo direttamente sulla superficie lunare.
A quel punto, suonerà la campana a morto per il Lunar Gateway, e tutti i contratti ad esso collegati – scompariranno per sempre.
SpaceX ora gode di una posizione privilegiata: il 27 di questo mese effettuerà la missione DE.MO.2 in cui, per la prima volta dall’accantonamento del programma Space Shuttle, due astronauti saranno lanciati verso la Stazione Spaziale Internazionale dal suolo americano; L’essere presente in due contratti essenziali, anche se potenzialmente alternativi tra loro, fondamentali per il programma Artemis la mette in una botte di ferro
A patto di riuscire a realizzare e rendere operativa la Starship entro i tempi previsti.