Home Paleontologia

Scoperto un nuovo dinosauro gigante: il Volgatitan

Il dinosauro ha ricevuto un nome scientifico: Volgatitan simbirskiensis. Proviene dal fiume Volga e dalla città di Simbirsk (attualmente Ulyanovsk)

2212

I paleontologi russi hanno descritto un nuovo dinosauro, il Volgatitan.

Sette delle sue vertebre fossilizzate, sepolte nel terreno per circa 130 milioni di anni, sono state trovate sulle rive del Volga, non lontano dal villaggio di Slantsevy Rudnik, a cinque chilometri da Ulyanovsk. Lo studio è stato pubblicato nell’ultimo numero di Biological Communications.

Il Volgatitan appartiene al gruppo dei sauropodi, dinosauri erbivori giganti con collo e coda lunghi, vissuti da 200 a 65 milioni di anni fa. Con un peso di circa 17 tonnellate, l’antico rettile delle rive del Volga non era il più grande tra i suoi parenti.

Le ossa rinvenute appartenevano a un dinosauro adulto caratterizzato da archi neurali, ovvero (parti delle vertebre che proteggono i nervi e i vasi sanguigni), che si fondevano completamente con i corpi delle vertebre.

I resti del dinosauro sono stati scoperti vicino al villaggio di Slantsevy Rudnik. Qui è dove, nel 1982, Vladimir Efimov scoprì tre grandi vertebre che erano cadute da un’alta scogliera. Successivamente, nel 1984-1987, caddero tre noduli di calcare, che contenevano le restanti vertebre.

Nelle sue opere, il capo del Museo di Paleontologia Undorovsky ha definito gli insoliti reperti “vertebre giganti di affiliazione tassonomica sconosciuta“.

Alexander Averianov ha dichiarato: “Nei primi anni ’90, Vladimir Efimov ha mostrato le fotografie delle ossa a Lev Nesov, un noto paleontologo di Leningrado. Lev Nesov pensava che le vertebre appartenessero a sauropodi, giganteschi dinosauri erbivori. Nel 1997, Vladimir Efimov ha pubblicato una preliminare nota su questo ritrovamento nel Paleontological Journal. Si riferiva alle vertebre come a un sauropode della famiglia dei Brachiosauridae”.

“Lo scorso luglio, sono finalmente riuscito a visitarlo a Undory e a studiare le sue ossa, e sono riuscito anche a determinare che appartenevano al nuovo taxon dei titanosauri.”

Il dinosauro ha ricevuto un nome scientifico: Volgatitan simbirskiensis. Proviene dal fiume Volga e dalla città di Simbirsk (attualmente Ulyanovsk). I titani sono antichi dei greci noti per le loro grandi dimensioni.

Pertanto, secondo una tradizione paleontologica, questa parola è usata in molti nomi scientifici di sauropodi del gruppo dei titanosauri. Fa anche parte del nome del gruppo.

Oggi, insieme al Volgatitan dalla Russia, sono stati descritti 12 validi taxa di dinosauri. Tra questi ci sono solo tre sauropodi: Tengrisaurus starkovi, Sibirotitan astrosacralis e Volgatitan simbirskiensis.

I primi due sono i primi sauropodi in Russia, studiati anche dagli scienziati dell’Università di San Pietroburgo nel 2017.

Secondo Aleksandr Averianov, la descrizione dei taxa di dinosauri negli ultimi anni è diventata possibile grazie ai progressi nella comprensione dell’anatomia e della filogenesi dei dinosauri. Inoltre, il sauropode russo ha permesso agli scienziati di saperne di più su come erano vissute e sviluppate queste specie di antichi rettili.

“In precedenza, si credeva che l’evoluzione dei titanosauri avvenisse principalmente in Sud America, con alcuni taxa che si spostavano in Nord America, Europa e Asia solo nel tardo Cretaceo”, ha spiegato il professore dell’Università di San Pietroburgo. In Asia, i rappresentanti di un gruppo più ampio di titanosauriformi, come il titanio siberiano recentemente descritto, dominavano nel primo Cretaceo.

Tuttavia, la recente descrizione del Tengrisaurus del primo Cretaceo della regione del Transbaikal e il ritrovamento del Volgatitan indicano che i titanosauri nel primo Cretaceo erano distribuiti molto più ampiamente, e forse, importanti fasi della loro evoluzione hanno avuto luogo nell’Europa orientale e in Asia.