16.1 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomePaleontologiaScoperto un fossile di Thapunngaka shawi, il più grande rettile volante d'Australia

Scoperto un fossile di Thapunngaka shawi, il più grande rettile volante d’Australia

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

È stato scoperto il più grande rettile volante d’Australia, uno pterosauro con un’apertura alare stimata di sette metri che si librava come un drago sopra l’antico e vasto mare interno che un tempo copriva gran parte dell’entroterra del Queensland.

Il dottorando dell’Università del Queensland, Tim Richards, del Dinosaur Lab della School of Biological Sciences dell’UQ, ha guidato un gruppo di ricerca che ha analizzato un fossile della mascella della creatura, scoperto a Wanamara Country, vicino a Richmond, nel Queensland nord-occidentale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È la cosa più vicina a un drago che abbiamo mai visto“, ha detto Richards.

Il nuovo pterosauro, che abbiamo chiamato Thapunngaka shawi, era una bestia temibile, con una bocca simile a una lancia e un’apertura alare di circa sette metri”.

Essenzialmente era solo un teschio con un lungo collo, imbullonato a un paio di lunghe ali”.

Questa cosa deve essere stata piuttosto pericolosa“.

Avrebbe proiettato una grande ombra su un piccolo dinosauro tremante che non l’avrebbe sentito finché non fosse stato troppo tardi“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Teschio di pterosauro anhanguerian di Tim Richards

Tim Richards con il cranio di uno pterosauro anhanguerian. Credito: Tim Richards

Richards ha detto che il cranio da solo era lungo poco più di un metro, contenendo circa 40 denti, perfettamente adatto per afferrare i molti pesci noti per abitare il mare Eromanga, oggi non più esistente.

Per essere chiari, non assomigliava per niente a un uccello, o addirittura a un pipistrello, gli pterosauri erano un gruppo diversificato di rettili di successo, i primissimi animali con la spina dorsale a provare il volo“.

Apertura alare degli pterosauri australiani

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Contorni ipotetici di pterosauri australiani che mostrano le dimensioni relative dell’apertura alare. 1,8 m umano per scala. Credito: Tim Richards

La nuova specie apparteneva a un gruppo di pterosauri noti come anhagueriani, che abitarono tutti i continenti durante l’ultima parte dell’era dei dinosauri.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Essendo perfettamente adattati al volo, gli pterosauri avevano ossa a pareti sottili e relativamente vuote. A causa di questi adattamenti i loro resti fossili sono rari e spesso mal conservati.

È incredibile che esistano fossili di questi animali“, ha detto Richards. “Per gli standard mondiali, il record di pterosauri australiani è scarso, ma la scoperta di  Thapunngaka contribuisce notevolmente alla nostra comprensione della diversità degli pterosauri australiani“.

È solo la terza specie di pterosauro anhanguerian conosciuto dall’Australia, con tutte e tre le specie provenienti dal Queensland occidentale.

Teschio di Thapunngaka shawi

Ricostruzione del cranio di Thapunngaka shawi (KKF494). Da Richards et al. (2021). Credito: Tim Richards

Il dott. Steve Salisbury, coautore dell’articolo e supervisore del dottorato di ricerca del signor Richard, ha affermato che ciò che è particolarmente sorprendente di questa nuova specie di anhanguerian è la dimensione massiccia della cresta ossea sulla mascella inferiore, che presumibilmente aveva una corrispondenza sulla mascella superiore.

Queste creste hanno probabilmente avuto un ruolo nelle dinamiche di volo di queste creature e si spera che la ricerca futura fornisca risposte più definitive“, ha affermato il dott. Salisbury.

Il fossile è stato trovato in una cava appena a nord-ovest di Richmond nel giugno 2011 da Len Shaw, un ricercatore di fossili locale che da decenni “gratta in giro” nella zona.

Il nome della nuova specie onora i popoli delle Prime Nazioni dell’area di Richmond dove è stato trovato il fossile, incorporando parole della lingua ormai estinta della Nazione Wanamara.

Thapunngaka Shaw Apertura alare

Profilo ipotetico di Thapunngaka shawi con un’apertura alare di 7 m, accanto a un’aquila dalla coda a cuneo (apertura alare di 2,5 m) e un deltaplano (‘apertura alare’ di 10 m). Credito: Tim Richards

Il nome del genere, Thapunngaka, incorpora thapun [ta-boon] e ngaka [nga-ga], le parole Wanamara per ‘lancia’ e ‘bocca’, rispettivamente“, ha detto il dott. Salisbury.

Il nome della specie, shawi, onora lo scopritore del fossile Len Shaw, quindi il nome significa bocca di lancia di Shaw“.

Il fossile di Thapunngaka shawi è in mostra al Kronosaurus Korner a Richmond.

Articoli più letti