Scoperto un esopianeta con due soli

Gli astronomi dell'Università di Birmingham hanno scoperto un secondo esopianeta, denominato Bebop-1c, nel raro sistema circumbinario multiplanetario BEBOP-1 o TOI-1338. L'esopianeta BEBOP-1c, ha quindi due soli, come il pianeta Tatooine dell'universo cinematografico di Star Wars

0
199
Scoperto un esopianeta simile a Tatooine di Star Wars
Scoperto un esopianeta simile a Tatooine di Star Wars

Gli astronomi dell’Università di Birmingham hanno scoperto un secondo esopianeta, denominato Bebop-1c, nel raro sistema circumbinario multiplanetario BEBOP-1 o TOI-1338. L’esopianeta BEBOP-1c, ha quindi due soli, come il pianeta Tatooine dell’universo cinematografico di Star Wars.

La scoperta in questione è stata realizzata con il metodo Doppler ed è importante per ampliare le nostre conoscenze sui casi della creazione di pianeti attorno a due stelle. Corpi celesti che ruotano attorno a due soli contemporaneamente si trovano all’interno dei sistemi circumbinari.

I ricercatori hanno pubblicato un articolo riguardante la scoperta sulla rivista Nature Astronomy. L’esopianeta, da poco scoperto, si chiama BEBOP-1C e prende il nome del progetto che ha raccolto i dati. BEBOP è l’acronimo di Binaries Escort By Orbiting Planets. Il sistema BEBOP-1 è anche noto come TOI-1338.

L’esopianeta simile a Tatooine

Nel 2020, un esopianeta circumbinario, chiamato TOI-1338b, è stato scoperto nello stesso sistema utilizzando i dati del telescopio spaziale TESS della NASA, a cui ha contribuito anche il team di Birmingham. Il pianeta è stato notato perché è passato più volte davanti alla più luminosa delle due stelle.

Il dottor Matthew Standing, autore principale dell’articolo, ha affermato tramite alcune dichiarazioni riportate da SciTechDaily: “Il metodo del transito ci ha permesso di misurare le dimensioni di TOI-1338b, ma non la sua massa, che è il parametro fondamentale del pianeta”. Standing ha completato il suo dottorato di ricerca presso l’Università di Birmingham ed è ora ricercatore presso l’Open University.



Il lavoro del team BEBOP

Il team BEBOP stava già monitorando questo sistema utilizzando un altro metodo di rilevamento all’epoca, chiamato metodo Doppler. Questo metodo, chiamato anche  metodo dell’oscillazione, o metodo della velocità radiale, si basa sulla misurazione accurata della velocità delle stelle. Questo è lo stesso metodo che ha portato al primo rilevamento di esopianeti, per il quale Mayor e Queloz hanno ricevuto il premio Nobel nel 2019″ disse l’allora supervisore di Matthew, Amaury Triaud, professore all’Università di Birmingham.

Utilizzando strumenti all’avanguardia installati su due telescopi situati nel deserto di Atacama in Cile, il team ha tentato di misurare la massa del pianeta notato da TESS. Nonostante i loro migliori sforzi e anni di lavoro, il team non è riuscito a raggiungere questo obiettivo, ma invece ha scoperto un secondo pianeta, BEBOP-1c e ne ha misurato la massa.

Quanti sistemi circumbinari nell’universo?

“Finora sono noti solo 12 sistemi circumbinari, e questo è solo il secondo che ospita più di un pianeta”, ha affermato David Martin, astronomo e Sagan Fellow presso la Ohio State University. “BEBOP-1c ha un periodo orbitale di 215 giorni e una massa 65 volte più grande della Terra, che è circa cinque volte inferiore alla massa di Giove”, ha continuato il Dr. Standing.

“Questo era un sistema difficile da confermare e le nostre osservazioni sono state interrotte dalla pandemia di COVID quando i telescopi in Cile hanno chiuso per sei mesi durante una parte critica dell’orbita del pianeta. Questa parte dell’orbita è diventata di nuovo osservabile solo l’anno scorso, quando abbiamo finalizzato il rilevamento”.

2