Tess scopre un sistema stellare con 6 soli

Tre diverse coppie stellari che ruotano attorno a tre diversi centri di massa, ma con il trio che rimane legato gravitazionalmente l'uno all'altro e orbita attorno al centro galattico come un unico sistema stellare

454

Il sistema esiste contro ogni probabilità“, ha detto Brian Powell, dell’High Energy Astrophysics Science Archive Research Center della NASA, presentando l’esistenza di un sistema stellare con 6 soli.

Ad attirare l’attenzione sull’insolito sistema stellare con 6 soli il fatto che la luce che ci arriva da lì si illumina ed oscura misteriosamente; il sistema si trova a circa 1.900 anni luce di distanza. 

La sorgente, denominata TIC 168789840, è un sistema composto da tre coppie di stelle binarie.

Tre diverse coppie stellari che ruotano attorno a tre diversi centri di massa, ma con il trio che rimane legato gravitazionalmente l’uno all’altro e orbita attorno al centro galattico formando un unico sistema stellare con 6 soli.

Solo il fatto che esista mi lascia a bocca aperta“, ha detto Powell, primo autore dello studio. “Mi piacerebbe avere un’astronave, parcheggiare vicino a questa cosa e vederla di persona“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Già, un sistema stellare con 6 soli è una cosa insolita perfino per chi è abituato a stupirsi per le sorprese che ci riserva l’universo, e Powell non smette di meravigliarsi.

Eclissi nelle curve di luce

L’ampiezza dell’osservazione di TESS abbraccia quasi tutto il cielo, consentendo l’identificazione di molti potenziali sistemi stellari multipli attraverso l’analisi delle eclissi nelle curve di luce. 

Una collaborazione tra il Goddard Space Flight Center della NASA e il MIT Kavli Institute, in collaborazione con esperti topografi visivi, ha individuato ben oltre 100 possibili sistemi stellari tripli e quadrupli.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La maggior parte dei sistemi sono quadrupli

La grande maggioranza dei sistemi stellari scoperti da TESS sono quadrupli, ci sono poi numerosi sistemi tripli e molti binari.

Ma la fonte di luce stellare che si stava misteriosamente illuminando e oscurando a circa 1.900 anni luce di distanza, riferisce Robin George Andrews per il New York Times, “potrebbe superare tutte le altre scoperte per grandiosità“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un sistema stellare con 6 soli

Sebbene siano stati scoperti altri sistemi a sei stelle, riferisce Andrews sulla scoperta effettuata dal telescopio spaziale del TESS della NASA, questo è l’unico in cui le stelle all’interno di ciascuna di queste tre coppie passano una davanti e dietro l’altra, eclissando l’altro membro del suo balletto stellare, almeno dal punto di vista del telescopio spaziale TESS.

Un sistema stellare con 6 soli

Questi sono i tipi di segnali con cui gli algoritmi lottano davvero“, ha detto l’autore principale Veselin Kostov, un ricercatore postdottorato della NASA del Goddard Space Flight Center. 

Per fortuna, l’occhio umano è estremamente bravo a trovare schemi nei dati, in particolare schemi non periodici come quelli che vediamo nei transiti di questi sistemi“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sebbene gli esopianeti all’interno del sistema stellare a 6 soli debbano ancora essere confermati, solo una delle coppie potrebbe avere pianeti. Due dei binari del sistema orbitano molto vicini l’uno all’altro, formando il proprio sottosistema quadruplo. 

Qualsiasi pianeta lì verrebbe probabilmente espulso o inghiottito da una delle quattro stelle. Il terzo binario è più lontano, orbita intorno agli altri due una volta ogni 2000 anni circa, rendendolo un possibile rifugio esoplanetario.

La sua origine è un mistero

L’origine di questo vorticoso sistema a sei stelle rimarrà un enigma fino a quando non ne troveremo altri simili“, conclude Andrews.

Nel 2019, TESS ha scoperto TOI 1338, il suo primo pianeta circumbinario, un mondo in orbita attorno a due stelle, a 1.300 anni luce di distanza nella costellazione di Pictor. Le due stelle orbitano l’una intorno all’altra ogni 15 giorni. 

Una è circa il 10% più massiccio del nostro Sole, mentre l’altra è più fredda, più debole e solo un terzo della massa del Sole. 

TOI 1338 b, l’unico pianeta conosciuto nel sistema, è circa 6,9 volte più grande della Terra, tra le dimensioni di Nettuno e Saturno. Il pianeta orbita quasi esattamente sullo stesso piano delle stelle, quindi sperimenta eclissi stellari regolari.

Ora attendiamo la prossima sorpresa che ci presenterà questo universo meraviglioso dopo questo sistema solare con sei soli.