Scoperto TOI 700 e, un nuovo pianeta delle dimensioni della Terra potenzialmente abitabile

Il telescopio spaziale TESS della NASA ha individuato un esopianeta delle dimensioni della Terra in orbita attorno a una piccola stella a circa 100 anni luce di distanza.

Il pianeta, chiamato TOI 700 e, è probabilmente roccioso ed grande poco meno della Terra, ha il 95% delle dimensioni del nostro mondo. Il corpo celeste è il quarto pianeta ad essere rilevato in orbita attorno alla piccola e fredda stella nana M TOI 700. Tutti gli esopianeti sono stati trovati dal Transiting Exoplanet Survey Satellite della NASA, il telescopio spaziale TESS.

Un altro pianeta del sistema, scoperto nel 2020 e chiamato TOI 700 d, ha anch’esso le dimensioni della Terra. Entrambi questi esopianeti orbitano nella zona abitabile della loro stella, cioè alla giusta distanza dalla stella che, potenzialmente, permettere all’acqua di esistere allo stato liquido sulle loro superfici. Il potenziale per l’acqua liquida suggerisce che i pianeti stessi potrebbero essere, o potrebbero essere stati una volta, abitabili per la vita.

La scoperta del quarto pianeta è stata annunciata ieri, al 241° incontro dell’American Astronomical Society a Seattle, e uno studio sull’esopianeta è stato accettato per la pubblicazione da The Astrophysical Journal Letters.

“Questo è uno dei pochi sistemi con pianeti multipli, piccoli e abitabili che conosciamo”, ha dichiarato l’autrice principale dello studio Emily Gilbert, borsista post-dottorato presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, in una dichiarazione.

“Ciò rende il sistema TOI 700 una prospettiva entusiasmante per un ulteriore follow-up. Il pianeta e è circa il 10% più piccolo del pianeta d, quindi il sistema mostra anche come ulteriori osservazioni TESS ci aiutino a trovare mondi sempre più piccoli».

Piccole e fredde stelle nane M come TOI 700 sono comuni nell’universo e negli ultimi anni è stato scoperto che molti ospitano esopianeti, come il sistema TRAPPIST-1 e i suoi sette esopianeti che il James Webb Space Telescope osserverà.

Il più vicino alla stella è TOI 700 b, che è il 90% delle dimensioni della Terra e completa un’orbita rapida attorno alla stella ogni 10 giorni terrestri. Poi c’è TOI 700 c, che è 2,5 volte più grande del nostro pianeta e completa un’orbita attorno alla stella ogni 16 giorni. Questi pianeti, data la vicinanza alla stella, sono probabilmente entrambi bloccati in modo mareale, il che significa che mostrano sempre lo stesso lato della stella, proprio come la Luna presenta sempre la stessa faccia alla Terra.

I due esopianeti nella zona abitabile della stella, i pianeti d ed e, hanno orbite più lunghe di 37 giorni e 28 giorni, rispettivamente, perché sono un po’ più distanti dalla stella. Il pianeta e recentemente annunciato si trova in realtà tra i pianeti c e d.

La missione TESS, lanciata nel 2018, monitora ampie porzioni del cielo notturno per 27 giorni alla volta, fissando le stelle più luminose e monitorando i loro cambiamenti di luminosità. Questi cali di luminosità indicano i pianeti in orbita mentre passano davanti alle loro stelle, cioè mentre effettuano un transito. La missione ha iniziato a osservare il cielo australe nel 2018, poi si è rivolta al cielo settentrionale. Nel 2020, la missione si è nuovamente focalizzata sul cielo australe per ulteriori osservazioni, rivelando il quarto pianeta nel sistema TOI 700.

Se la stella fosse un po’ più vicina o il pianeta un po’ più grande, avremmo potuto individuare TOI 700 e nel primo anno di dati TESS“, ha detto il coautore dello studio Ben Hord, uno studente di dottorato presso l’Università del Maryland, College Park, e un ricercatore laureato presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, in una dichiarazione. “Ma il segnale era così debole che abbiamo avuto bisogno dell’anno aggiuntivo di osservazioni di transito per identificarlo“.

Mentre i ricercatori utilizzano altri osservatori spaziali e terrestri per condurre osservazioni di follow-up dell’intrigante sistema planetario, stanno arrivando altri dati TESS.

TESS ha appena completato il suo secondo anno di osservazioni del cielo settentrionale“, ha dichiarato Allison Youngblood, astrofisico ricercatore e vice scienziato del progetto TESS presso Goddard. “Non vediamo l’ora di scoprire le altre entusiasmanti scoperte nascoste nel tesoro di dati della missione“.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Industria 4.0, il futuro è già qui

Ebbene sì, siamo in piena IV rivoluzione industriale, ovvero...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Offerte Amazon di oggi: mouse gaming super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ha pensato di...

Simulatori quantistici: centri di spin aprono nuove frontiere

I ricercatori della UC Riverside hanno sviluppato simulatori quantistici...

Starliner: gli astronauti non sono in pericolo

I due astronauti della NASA che a giugno 2024...

Articoli correlati

Popular Categories