New England, scoperti bizzarri virus giganti a forma di stella

Presenza di strani virus giganti nella foresta del New England, dotati di peculiarità mai osservate in altri virus di peso simile: tra questi gusci esterni simili a stelle e bizzarre appendici tubolari; lo studio, di prestampa, è stato pubblicato su bioRxiv. Matthias Fischer è virologo del Max Planck Institute for Medical Research in Germania.

L’esperto ha spiegato a WordsSideKick.com: “Quello che abbiamo scoperto è una varietà completamente nuova di forme che non avevamo mai visto prima. Scommetto che molti di questi, se non la maggioranza, sono completamente nuovi e primi avvistamenti di virus che non abbiamo mai visto prima”.

Dimensioni notevoli

Come riporta Live Science, i virus giganti di solito hanno dimensioni comprese tra 0,2 e 1,5 micrometri e hanno genomi complessi che possono trasportare fino a 2,5 milioni di paia di basi di DNA, secondo lo studio. È molto più grande della maggior parte dei virus, come i virus dell’influenza, che vanno da 0,08 a 0,12 micrometri di diametro.

Finora, è stato scoperto che i virus giganti infettano principalmente organismi unicellulari, come le amebe, piuttosto che animali o esseri umani. Questa categoria di virus è stata trovata negli ecosistemi di tutto il mondo, compresi gli oceani, i laghi dell’Artico e persino lo scioglimento del permafrost.

La scoperta degli scienziati

Nel 2018, un team separato di scienziati ha scoperto virus giganti nel suolo della foresta di Harvard, nel Massachusetts centrale, utilizzando un’analisi metagenomica, in cui hanno confrontato il materiale genetico trovato nel suolo con sequenze già presenti nei database genetici globali.

Per il nuovo studio, i ricercatori hanno invece analizzato campioni di suolo di questa stessa foresta utilizzando un microscopio elettronico a trasmissione, che ha comportato l’esplosione del suolo con fasci di elettroni per vedere i virus incorporati con dettagli sbalorditivi. “Un genoma può dirti solo fino a un certo punto su un organismo, quindi non sai che aspetto ha”, ha detto Fischer in riferimento allo studio del 2018. “I virus giganti non sono solo diversi in base ai loro genomi, ma anche in base alle particelle e alle strutture che creano, e questa è stata una scoperta completamente nuova”.

Detto questo, poiché Fischer e i suoi colleghi non hanno eseguito le proprie analisi genomiche, non possono chiamare definitivamente le nuove particelle “virus”, ha spiegato, e invece le hanno chiamate “simili a virus” nel loro rapporto. Ma con ogni probabilità, in realtà sono virus, ha detto.

L’imaging dei ricercatori ha rivelato una particella simile a un virus con un guscio a doppio strato che aveva una caratteristica forma a stella, che hanno chiamato il “morfotipo della stella di Natale”. Con il termine morfotipo ci si riferisce a  variazioni nell’aspetto fisico, nella struttura o nella forma di un organismo o di una parte di esso.

In genere, il morfotipo fa riferimento a un gruppo di individui che condividono tratti fisici simili, spesso legati a una specifica funzione o adattamento. Il team ha anche identificato virus con fibre di diverse lunghezze, spessori e densità che sporgono dalle superfici delle particelle.

Virus giganti e dove trovarli

Sebbene Fischer e il suo team non siano ancora sicuri sul ruolo che hanno queste bizzarre caratteristiche, ha ipotizzato che alcune delle caratteristiche dei virus possano aiutarli ad attaccarsi meglio alle loro cellule ospiti. I ricercatori ritengono inoltre che simili virus giganti potrebbero essere trovati nei terreni di altre foreste di latifoglie in tutto il mondo.

“Questa affascinante finestra sul complesso mondo dei virus del suolo lascia pochi dubbi sul fatto che l’elevata diversità genetica dei virus giganti sia accompagnata da strutture di particelle diverse e precedentemente inimmaginabili”, hanno scritto i ricercatori nella prestampa del 30 giugno, che deve ancora essere pubblicata in un rivista peer-reviewed. Fischer ha sottolineato a WordsSideKick.com che questi tipi di virus giganti probabilmente non rappresentano una minaccia per l’uomo, ma sono piuttosto “giocatori molto importanti dell’ecosistema”.

I virus del suolo sono fondamentali per il ciclo del carbonio ( ci riferiamo più precisamente al processo mediante cui il carbonio si sposta tra organismi, minerali e atmosfera) perché aiutano a controllare l’abbondanza di microbi, come i batteri, che influenzano direttamente il flusso di carbonio nel terreno, come mostra la ricerca.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: ventilatori a piantana super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Farmaci nello spazio: la scadenza di 3 anni un unico grande problema

L’esplorazione spaziale ha sempre rappresentato una delle frontiere più...

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Scoperta connessione tra buchi neri supermassicci e materia oscura

Un team di ricercatori ha scoperto un collegamento tra...

Le prove dell’allunaggio

A dispetto della propaganda russa, improvvisamente interessata, dopo 50 anni, a sostenere che l'allunaggio sia stato una montatura, e delle competenti parole di campioni dello sport, notoriamente preparati in ingegneria, fisica e astrofisica, siamo stati sulla Luna e abbiamo a disposizione le prove dell'allunaggio, basta avere voglia di esaminarle

Draghi di Komodo: 5 curiosità sul loro morso

I draghi di Komodo, noti scientificamente come Varanus komodoensis,...

Articoli correlati

Popular Categories