Scoperta Onda di Radcliffe che si snoda attraverso la via Lattea (video)

L'onda di Radcliffe si estende per circa 9.000 anni luce di lunghezza lungo un braccio a spirale della Via Lattea, a soli 500 anni luce dal Sistema Solare

0
295
Onda di Radcliffe

Gli scienziati hanno scoperto un’enorme struttura, chiamata Onda di Radcliffe, che si estende per circa 9.000 anni luce di lunghezza serpeggiando lungo un braccio a spirale della Via Lattea, a soli 500 anni luce dal Sistema Solare nel suo punto più vicino.

L’onda di Radcliffe viaggia utilizzando il movimento delle piccole stelle nate nelle nubi gassose

L’onda di Radcliffe è una struttura di gas di formazione stellare e di per sé è una scoperta straordinaria, e c’è ancora molto che non sappiamo al riguardo. A questo proposito, un team di scienziati guidato dall’astrofisico Ralf Konietzka dell’Università di Harvard ha appena imparato una cosa: come molti oggetti nella Via Lattea, l’onda Radcliffe è in movimento.

E non solo un movimento orbitale attorno al centro galattico. L’onda Radcliffe oscilla come un’onda periodica che viaggia: “Utilizzando il movimento delle piccole stelle nate nelle nubi gassose lungo l’onda“, ha spiegato Konietzka: “Possiamo tracciare il movimento del loro gas natale per mostrare che questa struttura sta effettivamente ondeggiando“.

Onda di Radcliffe

La nostra comprensione delle proprietà tridimensionali della Via Lattea è migliorata notevolmente negli ultimi anni, in gran parte grazie a un progetto noto come Gaia.



Gaia è una navicella spaziale che condivide l’orbita della Terra attorno al Sole e da diversi anni mappa attentamente la Via Lattea. Utilizza la parallasse per misurare con alta precisione le posizioni delle stelle in tre dimensioni. Ma non è tutto: misura anche proprietà come il movimento proprio e la velocità.

Onda di Radcliffe

Questo significa che ora disponiamo della mappa più accurata della Via Lattea fino ad oggi, inclusa la posizione delle stelle, la loro direzione di viaggio e la velocità con cui si muovono. Gli scienziati hanno utilizzato questi dati per scoprire l’onda Radcliffe nel 2018, pubblicando i loro risultati nel 2020 dopo aver messo insieme una mappa 3D della struttura.

All’epoca non c’erano abbastanza informazioni per comprendere la struttura in maggior dettaglio, ma un successivo rilascio di ulteriori dati Gaia ha fornito informazioni vitali. In questo modo, i ricercatori sono stati in grado di assegnare posizioni e movimenti agli ammassi di baby stelle incorporati nel materiale di formazione stellare che costituisce l’Onda di Radcliffe.

Estrapolando da queste informazioni, i ricercatori hanno scoperto che la struttura è, infatti, ondulata, come un gigantesco serpente cosmico che si snoda attraverso la Via Lattea. I calcoli del team rivelano che questo movimento può essere influenzato dalla gravità prodotta dalla materia normale nella galassia. Non abbiamo bisogno di iniziare a mappare la materia oscura per spiegarla.

Le misurazioni del team suggeriscono addirittura che la supernova che ha virtualmente liberato la bolla di spazio in cui risiede la Via Lattea è nata in un ammasso di stelle all’interno dell’Onda di Radcliffe.

Onda di Radcliffe: un mistero tutto da scoprire

Naturalmente, ci sono molte più domande a cui rispondere. Perchè si è formata l’onda di Radcliffe? E perché si muove in quel modo? E quanti di loro ce ne sono là fuori? La Via Lattea è intrecciata con disposizioni sinusoidali di gas ondulato che devono ancora essere scoperte?

“La domanda è: cosa ha causato lo spostamento che ha dato origine alle onde che vediamo?” Ha detto l’astronoma Alyssa Goodman dell’Università di Harvard: “E succede in tutta la galassia? In tutte le galassie? Succede occasionalmente? Succede sempre?”.

Onda di Radcliffe

Le teorie, dicono i ricercatori, spaziano dalle esplosioni di supernova, alle interazioni gravitazionali con le galassie satellite e agli incontri con altre grandi galassie.

Sappiamo che la Via Lattea si è unita a numerose altre galassie in passato e che sembra che attualmente stia subendo un’altra collisione. La ricerca dello scorso anno ha scoperto che la materia oscura può avere un effetto piuttosto drammatico sulla struttura complessiva della galassia. Ci sono molti fattori che potrebbero essere in gioco.

Le prossime indagini approfondite e ampie di stelle, polvere e gas probabilmente scopriranno più strutture ondulatorie“, hanno concluso i ricercatori: “E le misurazioni dei loro movimenti dovrebbero fornire informazioni sulla storia della formazione stellare e sui potenziali gravitazionali delle galassie“.

2