Occhi al cielo per il piccolo Mercurio

Occhi al cielo questo fine settimana, perché si potrà vedere Mercurio, il pianeta più piccolo del nostro sistema solare che apparirà in tutto il suo splendore. Inoltre ci sono tantissime sorprese astronomiche per tutto il 2021

0
875
Indice

Mercurio è il pianeta più interno e più piccolo del nostro Sistema Solare e ruota intorno al Sole in soli 88 giorni. E’ anche il più difficile da vedere dalla Terra, perché orbita intorno al Sole molto da vicino ,e per questo motivo, Mercurio è quasi permanentemente nel nostro cielo diurno, ma quasi sempre perso nel suo bagliore. Solo quando appare nel suo punto più estremo ad est e ad ovest del Sole può essere visibile subito prima dell’alba o subito dopo il tramonto.

Sarà possibile vedere Mercurio ad occhio nudo

A breve, sarà possibile vederlo, perché il pianeta raggiungerà quello che gli astronomi chiamano il suo “evening elongation“. Infatti, oltre ad osservare le stelle, guardare la Luna e a godersi il cielo notturno, tra il 23 e il 26 gennaio si potrà ammirare il piccolo pianeta.

Le serate chiave vanno da sabato, 23 gennaio 2021, quando Mercurio raggiungerà il suo massimo allungamento orientale, fino a martedì 26 gennaio 2021, quando il piccolo pianeta apparirà nel punto più alto sopra l’orizzonte occidentale a circa 15º, a seconda della posizione. Le poche notti dopo saranno anche belle notti per osservare il pianeta.

Diventerà visibile da circa 30 minuti dopo il tramonto, e scomparirà circa un’ora dopo, quindi bisognerà essere veloci per catturare la sua immagine. Più ci si troverà a nord più lunga sarà la finestra di opportunità di vederlo, a causa del diverso angolo di inclinazione dell’eclittica rispetto all’orizzonte. Inoltre l’angolo sarà più stretto quindi apparirà più in alto.



Cos’è un “allungamento”?

Un allungamento è la “separazione angolare“, ovvero il divario tra un pianeta e il Sole visto dalla Terra. Solo quando è vicino alla lunghezza massima è possibile vedere facilmente Mercurio. È solo una questione di angolo di visuale poiché il piccolo pianeta sta facendo quello che fa sempre: orbita attorno al Sole ogni 88 giorni.

Esistono due tipi di allungamento, occidentale e orientale, che si alternano ogni due mesi. L’unica differenza tra queste due distanze apparenti più lontane dal Sole è che lo rendono visibile in diversi momenti della giornata dalla Terra.

Il massimo allungamento orientale di Mercurio ci è visibile sulla Terra a ovest dopo il tramonto (la sua cosiddetta “apparizione serale“), mentre il suo massimo allungamento occidentale è visibile a est prima dell’alba (la sua “apparizione mattutina“). Il più grande allungamento orientale di questo fine settimana vedrà Mercurio 18,6º est del Sole a ovest dopo il tramonto.  

Come trovare Mercurio nel cielo notturno

Bisogna mettersi ad osservare il cielo da qualche parte con una vista ragionevolmente bassa dell’orizzonte sud-occidentale. Si devono alzare gli occhi al cielo subito dopo il tramonto e, quando calerà il crepuscolo, Mercurio diventerà improvvisamente visibile come un piccolo punto di luce a circa 15º sopra l’orizzonte. Il Binocolo potrà essere un aiuto per gustarsi meglio il pianeta.

Oltre a Mercurio ci saranno altre cosa da vedere nel cielo notturno questo fine settimana. Guardando a sud-est in qualsiasi momento dopo il tramonto si vedrà una luna gibbosa crescente mentre se si guarderà in alto a sud-est si troverà anche Marte.

Altri 5 eventi astronomici di questo 2021

Il primo evento da vedere è quello di Giove e Mercurio in stretta congiunzione, evento che avverrà poco prima dell’alba di venerdì 5 marzo 2021 vicino all’orizzonte est-sud-est. I due pianeti appariranno a soli 0,3 ° di distanza appena prima dell’alba, il che promette di essere uno spettacolo incantevole. Saturno più fioco sarà appena sopra ea destra della coppia planetaria. 

Il secondo evento è quello di un trio planetario tra Mercurio, Giove e Saturno e di una bellissima e sottile falce di Luna, visibile appena prima dell’alba martedì 9 marzo e mercoledì 10 marzo 2021, vicino all’orizzonte sud-orientale.

Il terzo evento sarà il prossimo allungamento orientale di Mercurio, subito dopo il tramonto da sabato 13 maggio a lunedì 29 maggio 2021, vicino all’orizzonte occidentale. Il prossimo “massimo allungamento orientale” di Mercurio è un’altra buona opportunità per vedere Mercurio con i propri occhi. Durante questo periodo Mercurio salirà in alto nel cielo occidentale e raggiungerà circa 15º sopra l’orizzonte dopo il tramonto. 

Il quarto evento è quello di Venere e Mercurio in stretta congiunzione, lunedì 29 maggio 2021, subito dopo il tramonto, vicino all’orizzonte occidentale. Sebbene i due pianeti interni possano essere difficili da osservare dalla Terra, si incrociano frequentemente. In questo giorno sembreranno essere distanti solo 0,4º mentre 17º dal Sole.

L‘ultimo e quinto evento riguarda ancora Mercurio che potrà essere visibile durante un’eclissi solare totale, subito dopo l’alba, sabato 4 dicembre 2021, in Antartide. Infatti il 4 dicembre 2021 ci sarà un’eclissi solare totale in Antartide. Potranno ammirarla solo quelli in crociera intorno all’Antartide e pochi fortunati inseguitori di eclissi in aereo, ma coloro che osservano la totalità potrebbero essere in grado di vedere Mercurio vicino al Sole.

2