Satelliti: molti bruceranno in atmosfera con gravi conseguenze per tutti

Un flusso infinito di satelliti brucia nel cosmo, creando sostanze tossiche che potrebbero compromettere il già equilibrio precario della Terra e dei suoi abitanti

0
217
Il raggio traente presto potrebbe diventare realtà, satelliti

SpaceX di Elon Musk ha annunciato che eliminerà  nei prossimi sei mesi, dopo aver scoperto un difetto di progettazione che potrebbe causarne il fallimento. Piuttosto che rischiare di rappresentare una minaccia per altri veicoli spaziali, SpaceX “deorbita” questi satelliti per bruciarli nell’atmosfera.

Il raggio traente presto potrebbe diventare realtà, satelliti

Gli esperti sono preoccupati per i satelliti che producono metalli dannosi

Gli scienziati atmosferici sono sempre più preoccupati che questa sorta di apparente ribaltamento da parte del settore spaziale possa causare ulteriori cambiamenti climatici sulla Terra.

Sanzionato Dish Network per il mancato smaltimento di detriti spaziali in orbita

Un team ha recentemente, e inaspettatamente, scoperto metalli potenzialmente dannosi per l’ozono provenienti da veicoli spaziali nella stratosfera, lo strato atmosferico in cui si forma lo strato di ozono.



La relativa “orbita terrestre bassa” in cui si trovano i satelliti che monitorano gli ecosistemi terrestri è sempre più congestionata: la sola Starlink ha più di 5.000 veicoli spaziali in orbita.

La rimozione dei satelliti dovrebbe essere una priorità

La rimozione dei detriti è quindi una priorità per il settore spaziale. Anche i veicoli spaziali appena lanciati devono essere rimossi dall’orbita entro 25 anni. Gli Stati Uniti hanno recentemente implementato una regola quinquennale più rigorosa, spostandosi verso l’alto verso una cosiddetta “orbita del cimitero” o verso il basso nell’atmosfera terrestre.

I satelliti in orbita inferiore sono generalmente progettati per utilizzare il carburante rimanente e l’attrazione della gravità terrestre per rientrare nell’atmosfera. In un rientro controllato, la navicella spaziale entra nell’atmosfera ad un orario prestabilito per atterrare nella parte più remota dell’Oceano Pacifico a Point Nemo (noto anche come cimitero dei veicoli spaziali). In un rientro incontrollato, i veicoli spaziali vengono lasciati a seguire una “morte naturale” e bruciare nell’atmosfera.

La Nasa e l’Agenzia spaziale europea hanno promosso questa forma di smaltimento come parte di una filosofia progettuale chiamata “design for demise”. Costruire, lanciare e far funzionare un satellite sufficientemente robusto da funzionare nell’ostilità dello spazio, ma anche in grado di rompersi e bruciarsi facilmente al rientro per evitare che detriti pericolosi raggiungano la superficie terrestre, rappresenta una sfida ambientale. È ancora un lavoro in corso.

Rilevato ossigeno pesante nell'alta atmosfera terrestre, satelliti

Gli operatori satellitari devono dimostrare che la loro progettazione e i piani di rientro hanno un basso tasso di “human-hit” prima di ottenere una licenza. Ma c’è una preoccupazione limitata per quanto riguarda l’impatto sull’atmosfera superiore della Terra durante la fase di rientro.

Inizialmente, né il settore spaziale né la comunità astrofisica consideravano la combustione dei satelliti al rientro una seria minaccia ambientale, almeno per l’atmosfera.

Dopotutto, il numero di particelle rilasciate dai veicoli spaziali è piccolo se paragonato alle 440 tonnellate di meteoroidi che entrano quotidianamente nell’atmosfera, insieme alla cenere vulcanica e all’inquinamento provocato dall’uomo derivante dai processi industriali sulla Terra.

I satelliti e lo strato di Ozono

Gli scienziati del clima atmosferico stanno reagendo in modo eccessivo alla presenza di particelle di veicoli spaziali nell’atmosfera? Le loro preoccupazioni si basano su 40 anni di ricerca sulla causa dei buchi dell’ozono sopra i poli sud e nord, che sono stati osservati per la prima volta ampiamente negli anni ’80.

Oggi sanno che la perdita di ozono è causata dai gas industriali prodotti dall’uomo, che si combinano con le nubi stratosferiche polari naturali e ad altissima quota o con le nubi di madreperla. Le superfici di queste nuvole eteree agiscono come catalizzatori, trasformando sostanze chimiche benigne in forme più attive che possono distruggere rapidamente l’ozono.

Dan Cziczo è uno scienziato atmosferico della Purdue University negli Stati Uniti e coautore del recente studio che ha rilevato sostanze che riducono lo strato di ozono nella stratosfera e spiega che la questione è se le nuove particelle provenienti dai veicoli spaziali aiuteranno la formazione di queste nubi e porteranno alla perdita di ozono in un momento in cui l’atmosfera terrestre sta appena iniziando a riprendersi.

Ciò che più preoccupa gli scienziati atmosferici come Cziczo è che solo poche nuove particelle potrebbero creare più di questi tipi di nubi polari – non solo nell’atmosfera superiore, ma anche in quella inferiore, dove si formano i cirri.

I cirri sono sottili e sottili nuvole di ghiaccio che potresti avvistare in alto nel cielo, a più di sei chilometri di distanza. Tendono a lasciare passare il calore del sole ma poi lo intrappolano mentre esce, quindi in teoria più cirri potrebbero aggiungere ulteriore riscaldamento globale oltre a quello che stiamo già vedendo dai gas serra. Ma questo è incerto e ancora in fase di studio .

Cziczo spiega anche che da prove aneddotiche sappiamo che le nuvole ad alta quota sopra i poli stanno cambiando, ma non sappiamo ancora cosa stia causando questo cambiamento. Si tratta di particelle naturali come meteoroidi o detriti vulcanici, o particelle innaturali provenienti dai satelliti? Questo è ciò che dobbiamo sapere.

L'atmosfera ricca di ossigeno della Terra durerà un miliardo di anni, satelliti

Alcuni astrofisici sostengono che le particelle di allumina (ossido di alluminio) provenienti dai satelliti causeranno reazioni chimiche nell’atmosfera che probabilmente innescheranno la distruzione dell’ozono.

Gli scienziati atmosferici che studiano il problema dei satelliti in dettaglio non hanno certezze perché non ci sono prove scientifiche sufficienti. Sappiamo che le particelle dei veicoli spaziali si trovano nella stratosfera, ma cosa questo significhi per lo strato di ozono o per il clima è ancora sconosciuto.

C’è la tentazione di sopravvalutare i risultati della ricerca sui satelliti per ottenere più sostegno, ma questa è la strada verso l’inferno della ricerca e i negazionisti utilizzeranno i risultati scarsi in un secondo momento per screditarla.

2