Santuario di 4.500 anni rinvenuto nei Paesi Bassi

Gli archeologi hanno scoperto un santuario di 4.500 anni nei Paesi Bassi che segna i solstizi e gli equinozi, ed è stato utilizzato anche come luogo di sepoltura

0
624
Santuario di 4.500 anni rinvenuto nei Paesi Bassi
Santuario di 4.500 anni rinvenuto nei Paesi Bassi

[tta_listen_btn]

Gli archeologi hanno scoperto un santuario di 4.500 anni nei Paesi Bassi che segna i solstizi e gli equinozi, ed è stato utilizzato anche come luogo di sepoltura.

Gli archeologi nei Paesi Bassi hanno portato alla luce un santuario di 4.500 anni i cui tumuli di terra si allineano con il Sole nei solstizi e negli equinozi. E, proprio come Stonehenge, anche il santuario veniva utilizzato per sepolture e rituali.

Nel santuario sono anche state sepolte persone per un periodo di 800 anni, secondo una dichiarazione tradotta dal Comune di Tiel, dove sono stati scoperti i resti di tumuli, fossati, un campo di sepoltura pianeggiante e una fattoria.

Il più grande dei tre tumuli contiene i resti di uomini, donne e molti bambini che morirono tra il 2500 a.C. circa e il 1200 a.C., secondo i ricercatori. Gli scavi hanno anche portato alla luce antiche sepolture che circondano il santuario, rendendo l’intero sito di circa 9,4 acri (3,8 ettari), più grande di sette campi da football americano. Nel sito sono stati rinvenuti più di 80 individui; alcuni furono sepolti e altri furono cremati, secondo la dichiarazione, che osservava che “questi defunti dovevano aver svolto un ruolo importante nei rituali”.

Scavi presso l'antico santuario di Tiel.(Credito immagine: Comune di Tiel)
Scavi presso l’antico santuario di Tiel.(Credito immagine: Comune di Tiel)

Sebbene il santuario non abbia massi di pietra come Stonehenge, sembra che il più grande tumulo funerario servisse da calendario che aiutava le persone a segnare i movimenti del Sole, hanno dichiarato i ricercatori in una nota. Ad esempio, preziosi manufatti, come una punta di lancia in bronzo, furono sepolti dove i raggi del Sole colpivano il suolo attraverso un’apertura nel santuario.



Tracciare i solstizi e gli equinozi era “importante per le feste religiose, ad esempio, ma anche per calcolare quali erano i tempi di semina e raccolta”, secondo la dichiarazione. È probabile che questi speciali giorni solari siano stati celebrati e una fattoria nel sito potrebbe essere servita come luogo per riunioni festive, hanno aggiunto gli archeologi.

Il team ha anche scoperto pozzi e resti di pali e secchi. Sembra che queste fosse contenessero acqua, suggerendo che fossero coinvolte in rituali di purificazione.

I ricercatori hanno scoperto il sito in una zona industriale nota come Medel business park alla fine del 2016 e hanno trascorso l’anno successivo a scavarlo. Durante quel periodo, hanno scoperto più di 1 milione di reperti dell’età della pietra, dell’età del bronzo, dell’età del ferro, dell’Impero Romano e del Medioevo, ha affermato il team. Ci sono voluti sei anni per analizzare e mettere insieme i reperti, che includevano manufatti di ceramica, ossa, terriccio (terra e argilla), pietra, selce e legno.

“Raramente gli archeologi hanno la possibilità di scavare così tanto terreno attorno ai tumuli funerari”, hanno dichiarato i ricercatori. “Ora è chiaro quanto sia unico questo ritrovamento e questo santuario”.

Nella sezione più antica del campo funerario, gli archeologi che hanno scavato la sepoltura di una donna hanno trovato una perla di vetro proveniente dalla Mesopotamia (l’odierno Iraq). Questa perla, che è la più antica perla di vetro conosciuta nei Paesi Bassi, rivela che le persone nella regione 4.000 anni fa avevano contatti con culture a circa 5.000 chilometri di distanza.

Una perla di vetro della Mesopotamia che gli archeologi hanno trovato nella sepoltura di una donna nel sito.(Credito immagine: Comune di Tiel)
Una perla di vetro della Mesopotamia che gli archeologi hanno trovato nella sepoltura di una donna nel sito.(Credito immagine: Comune di Tiel)

Sebbene il sito non sia aperto al pubblico, gli archeologi hanno allestito due mostre che mostrano manufatti del santuario. Al Flipje and Regional Museum, una selezione di reperti tombali dell’età del bronzo sarà esposta fino a ottobre 2023, mentre il Museo Nazionale delle Antichità di Leida mostra i reperti di una tomba di gruppo situata a circa 200 metri a sud dei tumuli funerari.

Fonte: Tiel

2