Ritorno a casa per la navicella spaziale Orion

L'ammaraggio di Orion è stato pianificato per l'11 dicembre prossimo.

0
691
Ritorno a casa per la navicella spaziale Orion
Twitter

Per la navicella spaziale Orion è tempo di tornare a casa. L’ammaraggio è fissato per oggi, intorno alle 18.00.

Come previsto, i controllori di volo hanno attivato il riscaldatore del sistema di controllo della reazione del modulo dell’equipaggio e hanno condotto un test a fuoco caldo per ciascun propulsore. I cinque impulsi per ciascun propulsore sono durati 75 millisecondi ciascuno e sono stati condotti in coppie opposte per ridurre al minimo i cambiamenti di assetto durante il test.

La spinta per il sistema di propulsione del modulo dell’equipaggio è generata da 12 motori monopropellenti MR-104G. Questi motori sono una variante dei propulsori MR-104, che sono stati utilizzati in altri veicoli spaziali della NASA, inclusi i Voyager interplanetari 1 e 2. Finora sono state utilizzate circa 12.100 libbre di propellente, ovvero circa 240 libbre in meno rispetto a quanto stimato prima del lancio. Ciò lascia un margine di 2.230 sterline su quanto previsto per l’uso, 324 sterline in più rispetto alle aspettative pre-lancio.

Orion: ritorno a casa tra le fasce di Van Allen

Come informa Scitechdaily, sulla via del ritorno sulla Terra, Orion attraverserà un periodo di intense radiazioni mentre viaggia attraverso le fasce di Van Allen che contengono radiazioni spaziali intrappolate intorno alla Terra dalla magnetosfera del pianeta. Al di fuori della protezione del campo magnetico terrestre, l’ambiente di radiazione dello spazio profondo include particelle energetiche prodotte dal Sole durante i brillamenti solari e particelle provenienti dai raggi cosmici che provengono dall’esterno della galassia.

Orion è stato progettato fin dall’inizio per garantire l’affidabilità dei sistemi essenziali del veicolo spaziale durante i potenziali eventi di radiazione e può diventare un rifugio antitempesta improvvisato quando i membri dell’equipaggio utilizzano materiali schermanti per formare una barriera contro le particelle energetiche solari.

Cosa trasporta la navicella?

Per la missione Artemis I senza equipaggio, Orion sta trasportando diversi strumenti ed esperimenti per comprendere meglio l’ambiente che i futuri equipaggi sperimenteranno e fornire informazioni preziose agli ingegneri che sviluppano ulteriori misure protettive. Esistono sensori attivi collegati all’alimentazione che possono inviare letture alla Terra durante il volo, nonché rilevatori passivi che non richiedono alcuna fonte di alimentazione per raccogliere informazioni sulla dose di radiazioni che verranno analizzate dopo il volo.



Un comandante manichino!

Il comandante Moonikin Campos è il nome dato al manichino lanciato con Artemis I. Esso è dotato di due sensori di radiazione, oltre a un sensore sotto il poggiatesta e un altro dietro il sedile per registrare l’accelerazione e le vibrazioni durante la missione. Il sedile è posizionato in posizione sdraiata, o rilassata, con i piedi rialzati, che contribuiranno a mantenere il flusso sanguigno alla testa per i membri dell’equipaggio nelle future missioni durante la salita e l’ingresso.

La posizione riduce anche la possibilità di lesioni consentendo alla testa e ai piedi di essere tenuti saldamente durante il decollo e l’atterraggio e distribuendo le forze su tutto il busto durante i periodi di accelerazione e decelerazione elevata, come lo splashdown. Si prevede che un equipaggio sperimenti due volte e mezzo la forza di gravità durante la risalita e quattro volte la forza di gravità in due punti diversi durante il profilo di rientro pianificato. Gli ingegneri confronteranno i dati di volo di Artemis I con i precedenti test di vibrazione a terra con lo stesso manichino e soggetti umani, per correlare le prestazioni prima di Artemis II.

L’equipaggiamento di Campos

Oltre ai sensori sul manichino e sul sedile, Campos indossa una tuta pressurizzata Orion Crew Survival System di prima generazione, una tuta spaziale che gli astronauti indosseranno durante il lancio, l’ingresso e altre fasi dinamiche delle loro missioni.

Anche se è progettata principalmente per il lancio e il rientro, la tuta Orion può mantenere in vita gli astronauti se Orion dovesse perdere pressione nella cabina durante il viaggio verso la Luna, durante la regolazione delle orbite nel Gateway o sulla via del ritorno a casa.

Gli astronauti potrebbero sopravvivere all’interno della tuta fino a sei giorni mentre tornano sulla Terra. Lo strato di copertura esterno è arancione per rendere i membri dell’equipaggio facilmente visibili nell’oceano qualora dovessero mai aver bisogno di uscire da Orion senza l’assistenza del personale di recupero, e la tuta è dotata di diverse caratteristiche per vestibilità e funzionalità.

Per seguire l’atterraggio, dalle 17.00 ora italiana, basta entrare nel canale della NASA di You Tube, qui sotto.

2