Sfruttare le risorse del sistema solare sarebbe meglio che costruire nuovi missili ICBM

Usare il denaro destinato a nuovi armamenti per realizzare, invece, una miniera d'acqua polare lunare e lanciare spedizioni minerarie verso gli asteroidi sarebbe il modo migliore per garantire sicurezza a lungo termine, strategica o meno, e rendere meno probabile una guerra di qualsiasi tipo

824

Gli Stati Uniti sono sul punto di commettere un profondo errore strategico. La nazione si sta preparando a spendere $ 85 miliardi per sostituire i missili balistici intercontinentali Minuteman con armi nucleari funzionanti con un nuovo “deterrente strategico a terra“. Come i vecchi missili, il nuovo arsenale sarà costituito da missili a silos con testate nucleari.

Questa enorme spesa renderà il deterrente strategico della nazione travolgente esattamente come lo è oggi. Avrà zero utilità in qualsiasi guerra che gli Stati Uniti potrebbero combattere e sopravvivere. Aumenterà il debito nazionale senza un corrispondente aumento della produttività economica per ripagare tale debito.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La stima di $ 85 miliardi non considera costi imprevisti o problemi tecnologici o logistici lungo la strada e la storia dimostra che non sarà sufficiente, soprattutto da quando Boeing ha rifiutato di partecipare alla gara, lasciando il programma a Northrop Grumman.

Spendere questa quantità di denaro dovrebbe servire a cambiare lo status quo, non semplicemente a mantenerlo.

Nessun attore statale (cioè uno stato nazionale) è in grado di attaccare direttamente gli Stati Uniti con armi nucleari oggi o nel prossimo futuro. Ciò comporterebbe la loro certa distruzione da parte delle forze di ritorsione statunitensi. Non è richiesta la massima affidabilità per distruggere efficacemente qualsiasi aggressore.

Gli attori non statali – in generale “terroristi” – potrebbero tentare un attacco nucleare, sebbene le sfide tecnologiche e logistiche sarebbero immense. È improbabile che i terroristi siano scoraggiati dalla minaccia di distruzione da parte delle ICBM, e questo rende i missili con testate nucleari inefficaci nel dissuaderli.

Nel frattempo, i missili balistici lanciati da sottomarini rimangono nascosti fino a 240 metri sotto gli oceani e sono molto più recenti. 18 sottomarini di classe USS Ohio alimentati da un reattore nucleare, che furono commissionati a partire dal 1981, ognuno armato con 24 missili capaci di portare 8 testate nucleari ognuno, sono in servizio attivo, sebbene i quattro più vecchi siano stati distaccati in operazioni speciali e attacchi di terra convenzionali.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questi sottomarini sono attualmente in fase di ristrutturazione e rifornimento di carburante a rotazione. La forza missilistica balistica lanciata dai sottomarini rimane un deterrente sicuro e relativamente moderno.

Secondo un rapporto del Congressional Research Service pubblicato a novembre, gli Stati Uniti si stanno preparando a costruire 12 nuovi sottomarini di classe Columbia per sostituire la classe Ohio per un costo stimato per la Marina di $ 109 miliardi. Allo stesso modo, gli Stati Uniti stanno costruendo il nuovo bombardiere B-21 per altri $ 50 miliardi, tutti in grado di consegnare armi nucleari ai loro obiettivi.

È improbabile che le nuove armi ipersoniche in fase di sviluppo da parte di Cina, Russia e Stati Uniti cambino questo quadro in termini pratici nel prossimo futuro. Se le superpotenze sono in grado di distruggere completamente 5 volte la Terra, gli equilibri non cambieranno se una di loro diventasse capace di distruggerla altre due volte. IN effetti la Terra potrà essere distrutta una volta sola.

RISORSE, NON RAPPRESENTANZA

Invece di prepararsi a”combattere l’ultima guerra” garantendo che possiamo distruggere il mondo in modo più affidabile, 85 miliardi di dollari potrebbero comprare agli Stati Uniti un potere molto più strategico, tattico e commerciale se usato in modo costruttivo. Il potere politico e militare deriva tanto dal controllo delle risorse e dall’accesso sicuro a esse, quanto dalla sola capacità militare puramente distruttiva.

Gli Stati Uniti dovrebbero usare questi soldi per raggiungere le risorse del sistema solare interno. La maggior parte delle guerre non religiose tra attori statali è economica e sovrasta il controllo delle risorse.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Oggi sono particolarmente importanti i metalli pesanti e i minerali di terre rare utilizzati nell’elettronica moderna, alcuni dei quali hanno fonti di approvvigionamento molto limitate in concentrazioni sfruttabili. Sono essenziali per i militari, così come per il commercio civile, ma spesso si trovano in paesi instabili o controllati dalla Cina.

Molte di queste risorse critiche sono largamente disponibili nello spazio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Poiché questi elementi sono stati creati nelle esplosioni di supernovae delle prime generazioni di stelle giganti e sparse in tutta la galassia, sono stati incorporati letteralmente in tutto ciò che è andato a formare il sistema solare. Risiedono ancora negli asteroidi e, probabilmente, in forma accessibile.

Inoltre, alcuni asteroidi sono in effetti i nuclei metallici di pianeti minori che non riuscirono a formarsi. Quando corpi relativamente grandi si formarono nel primo sistema solare, il calore generato dalla loro formazione, e successivamente dal decadimento degli elementi radioattivi incorporati, li fece sciogliere. Corpi molto piccoli parzialmente sciolti e rapidamente solidificati e mondi più grandi che si sciolsero completamente e rimasero parzialmente sciolti per miliardi di anni, facendo migrare i loro componenti più pesanti nel nucleo.

Elementi pesanti come piombo, nichel, platino ed elementi radioattivi e di terre rare affondarono verso i centri dei corpi fusi di nuova formazione. Le rocce più leggere salirono in superficie formando croste. La Terra è così grande che, a più di 4 miliardi di anni dalla sua formazione, è ancora per lo più fluida, con una crosta refrattaria sottile e fratturata che galleggia sopra un mantello circolante. Anche Venere, Marte e Mercurio avranno interni fluidi. Perfino la luna della Terra sembra avere un nucleo liquido residuo.

Ad un certo punto della lunga storia del sistema solare, alcuni dei primi proto-pianeti furono distrutti in collisioni con altri pianeti minori. Frammenti dei loro nuclei metallici Sono stati rimasti esposti e ora sono asteroidi metallici.

Uno di questi asteroidi, 16 Psiche, fu scoperto nel 1852 e risiede in un’orbita di cinque anni nella cintura degli asteroidi. Il suo diametro medio è di 226 chilometri, anche se probabilmente ha la forma di una patata. Si ritiene che la sua composizione sia molto simile a quella del nucleo terrestre: principalmente ferro e nichel, con quantità minori di molti altri metalli pesanti. Fondamentalmente, questo metallo non ha bisogno di essere ampiamente raffinato – è già separato da elementi refrattari.

Guidata dalla School of Earth and Space Exploration dell’Arizona State University, gestita dal Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California, e assemblata da Maxar Technologies vicino a San Francisco, la sonda spaziale Psyche della NASA sarà la prima missione a visitare un asteroide metallico. Il lancio è previsto nell’agosto 2022 e il veicolo utilizzerà i propulsori elettrici SPT-140 per avvicinarsi a Marte nel 2023, dove regolerà la sua orbita per raggiungere 16 Psiche nel 2026.

Il veicolo spaziale è progettato per orbitare l’asteroide per almeno 21 mesi, studiandolo con una fotocamera multispettrale, spettrometri a raggi gamma e neutroni e un magnetometro. Il suo collegamento radio mapperà il campo di gravità del corpo e quindi la sua struttura interna.

La missione fungerà anche da cercatore, determinando quali risorse potrebbero essere disponibili sugli asteroidi metallici.

Invece di costruire missili che non possono essere utilizzati senza distruggere la civiltà umana, 85 miliardi di dollari comprerebbero molte ricerche. Se spesi per l’acquisto di servizi di lancio semi-commerciali relativamente economici da società private come SpaceX e Blue Origin, 85 miliardi di dollari potrebbero costruire e distribuire gran parte dell’infrastruttura necessaria per accedere a queste risorse.

Le risorse vanno ben oltre i metalli. Il carbonio è disponibile su alcuni asteroidi. L’acqua, accessibile sulla Luna della Terra e su alcuni asteroidi, è vitale per quasi tutto.

Più ovviamente, gli esseri umani e altri organismi hanno bisogno di acqua per bere. Una volta che l’ossigeno viene separato dall’idrogeno, può essere respirato in atmosfere artificiali e utilizzato come ossidante per i motori a razzo e altre reazioni chimiche ad alta energia. L’idrogeno è un combustibile ideale per i razzi nello spazio profondo. L’ossigeno e l’idrogeno possono essere ricombinati nelle celle a combustibile per liberare parte dell’energia utilizzata per dividere le molecole d’acqua, creando batterie di accumulo efficienti e di lunga durata. Ci sono poche sostanze migliori dell’acqua per bloccare le radiazioni galattiche e solari, se l’acqua venisse inserita in apposite intercapedini intorno agli habitat umani.

Tuttavia, l’acqua è molto pesante. Se trovata nello spazio cislunare, non avrebbe bisogno di essere sollevato dal pozzo gravitazionale della Terra. Quindi, la prima fonte d’acqua sarà extraterrestre sarà costituita dai probabili depositi di ghiaccio nei crateri polari perennemente in ombra della Luna terrestre. Anche se l’acqua non esistesse in forma accessibile ai poli lunari, alcune rocce lunari e asteroidi sono fortemente ossidate e il vento solare ha depositato idrogeno nelle loro regoliti e l’acqua di essere prodotta nello spazio.

Misurata dal suo valore utile, l’acqua è il petrolio del sistema solare. Nel secolo scorso, chi controllava il petrolio controllava il mondo. Nel secolo a venire, coloro che hanno accesso all’acqua nello spazio cislunare controlleranno l’accesso ai dati, alle comunicazioni e alle risorse sempre più importanti disponibili nello e dallo spazio.

Qualsiasi nazione che voglia dire qualcosa in futuro non dovrebbe sprecare $ 85 miliardi in denaro preso in prestito per mantenere lo status quo con strumenti che tutti speriamo rimarranno nei silos, per sempre inutilizzati.

Usare quegli 85 miliardi di dollari per costruire una miniera d’acqua polare lunare e lanciare spedizioni minerarie verso gli asteroidi sarebbe il modo migliore per garantire sicurezza a lungo termine, strategica o meno, e rendere meno probabile una guerra di qualsiasi tipo.


Donald F. Robertson (@donaldfr su Twitter) è uno scrittore di San Francisco che segue l’industria spaziale. L’analista Tim Kyger ha fornito le informazioni utilizzate in questo articolo.

Questo articolo è apparso originariamente nel numero dell’11 dicembre 2019 della rivista SpaceNews.