Rinvenuta eruzione del Kikai-Akahoya avvenuta 7.300 anni fa

Un nuovo studio ha dimostrato che l’eruzione del Kikai-Akahoya è la più grande esplosione vulcanica mai registrata nella storia

0
160
Kikai-Akahoya

‏Gli scienziati hanno identificato la più grande eruzione vulcanica mai registrata nella storia: un’esplosione del Kikai-Akahoya avvenuta 7.300 anni fa che ha espulso più del doppio di roccia e cenere rispetto alla precedente eruzione record del Monte Tambora in Indonesia nel 1815.

Kikai-Akahoya

Kikai-Akahoya: l”eruzione più grande dell’attuale epoca geologica

L’eruzione del vulcano sottomarino Kikai-Akahoya, si è verificata a sud dell’isola giapponese di Kyushu, dove la placca tettonica filippina scivola sotto la placca eurasiatica. È noto che il vulcano sottomarino Kikai ha prodotto tre grandi eruzioni negli ultimi 140.000 anni, l’ultima delle quali è stata l’eruzione Kikai-Akahoya, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Volcanology and Geothermal Research. 

Kikai-Akahoya

Mentre gli scienziati conoscevano già l’antica esplosione vulcanica, la nuova ricerca ha rivelato la sua portata record e l’ha individuata come la più grande eruzione dell’attuale epoca geologica: “L’eruzione Kikai-Akahoya è nota da molto tempo, ma questi autori ne stanno aumentando molto la conoscenza“, ha detto a WordsSideKick.com in una e-mail Tim Druitt, professore di vulcanologia all’Università di Clermont Auvergne, in Francia.



In precedenza gli scienziati avevano trovato difficile definire la dimensione dell’eruzione Kikai-Akahoya e cosa l’aveva innescata a causa della difficoltà intrinseca di accedere al vulcano sottomarino.

Ecco cosa dice il nuovo studio sull’eruzione Kikai-Akahoya

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno raccolto dati sismici per creare una mappa dettagliata del fondale marino attorno al vulcano. La mappa ha rivelato vasti depositi sottomarini, che il team ha campionato perforando il fondale marino in diversi punti con un robot telecomandato ed estraendo nuclei di sedimenti.

Il sedimento trasportato in superficie ha rivelato uno strato di 4.500 chilometri quadrati che conteneva vetro vulcanico corrispondente alla composizione e al momento dell’eruzione del Kikai-Akahoya. Il vetro e altri detriti vulcanici ammontavano a circa 17 miglia cubiche (71 chilometri cubi) di materiale espulso in mare dall’eruzione, quasi il doppio delle stime pubblicate in ricerche precedenti.

Kikai-Akahoya

I ricercatori hanno combinato questi risultati con le stime esistenti dei detriti vulcanici dell’eruzione Kikai-Akahoya depositati sulla terra e hanno scoperto che la mega eruzione ha espulso un volume totale compreso tra 80 e 110 miglia cubiche (da 332 a 457 km cubi) di materiale, sufficiente a riempire due volte il lago Tahoe negli Stati Uniti occidentali.

Kikai-Akahoya: la più grande eruzione dell’Olocene

La nuova stima significa che l’eruzione del Kikai-Akahoya è “probabilmente la più grande eruzione dell’Olocene”, hanno scritto i ricercatori nello studio. L’ epoca dell’Olocene è un periodo geologico iniziato tra 12.000 e 11.500 anni fa alla fine dell’ultima era glaciale e nel quale viviamo ancora oggi.

La loro conclusione secondo cui si tratta della più grande eruzione dell’Olocene è valida“, ha detto Druitt: “Anche l’eruzione minoica di Santorini è stata proposta come la più grande eruzione dell’Olocene, ma ora si sa che non lo è”.

I geologi sono a conoscenza che il vulcano di Santorini è emerso dal mare circa 400.000 anni fa, quando successive eruzioni hanno accumulato detriti vulcanici sul fondo del mare.

L’attuale arcipelago di Santorini si è formato durante la tarda età del bronzo, dal 1600 al 1200 a.C., quando l’esplosiva eruzione minoica ha fatto saltare la parte superiore di quella che allora era un’isola. Una camera magmatica sotto le isole Kameni, al centro della caldera di Santorini, alimenta ancora oggi il vulcano.

Kikai-Akahoya

“Sappiamo che il Vulcano di Sartorini ha avuto molte grandi eruzioni esplosive – una sorta di stile Krakatoa“, ha dichiarato l’autore principale dello studio Tim Druitt, Professore di vulcanologia all’Università di Clermont Auvergne in Francia: “Ma i depositi scoperti indicano un’esplosione catastrofica di cui non sapevamo nemmeno l’esistenza“.

L’eruzione Kikai-Akahoya impallidisce ancora in confronto a eruzioni più antiche, come la catastrofica esplosione del supervulcano Toba di Sumatra 74.000 anni fa, che ha pompato fuori circa 1.200 miglia cubiche (5.000 km cubi) di magma.

2