Rinconada: l’insediamento umano più alto della Terra

Immersa nelle Ande peruviane è una città soprannominata "Il Paradiso del Diavolo". Ufficialmente chiamata La Rinconada, i suoi 50.000 abitanti vivono tra i 5.000 m e i 5.300 m sopra il livello del mare, rendendolo l'insediamento permanente più alto della Terra

Immersa nelle Ande peruviane è una città soprannominata “Il Paradiso del Diavolo“. Ufficialmente chiamata La Rinconada, i suoi 50.000 abitanti vivono tra i 5.000 m e i 5.300 m sopra il livello del mare, rendendolo l’insediamento permanente più alto della Terra.

Rinconada
Rinconada: l’insediamento umano più alto della Terra

Rinconada: “Il Paradiso del Diavolo”

La vita a La Rinconada è estremamente difficile. Non c’è acqua corrente, sistema fognario o smaltimento dei rifiuti. Il cibo viene importato dalle regioni a bassa altitudine e l’elettricità è stata installata in città solo negli anni 2000.

La città è nota per l’estrazione dell’oro, essendo nata più di 60 anni fa come insediamento minerario temporaneo. Il prezzo dell’oro è che gli abitanti devono vivere in condizioni estreme con una pressione di ossigeno pari alla metà di quella esistente al livello del mare.

Rinconada
Rinconada: l’insediamento umano più alto della Terra

Per chi non è nato ad alta quota e non si è avventurato ad altitudini come quella di La Rinconada, uno dei primi cambiamenti che sicuramente noterebbe è l’ aumento della frequenza respiratoria e della frequenza cardiaca. Questo perché nell’aria è disponibile meno ossigeno, quindi i polmoni e il cuore devono lavorare di più per nutrire i tessuti.

Attenzione al mal di montagna

Quando sei a circa 4.500 metri di altitudine, la stessa boccata d’aria che prendi al livello del mare contiene circa il 60% delle molecole di ossigeno, quindi è un grosso stress”, ha spiegato Cynthia Beall, Professoressa emerita di antropologia alla Case Western Reserve University in Ohio.

In un primo momento, anche la percentuale di emoglobina, la proteina all’interno dei globuli rossi che trasporta l’ossigeno, nel sangue precipiterebbe. Più alta è l’altitudine, più forti saranno tutte queste risposte.

Alcune persone possono sviluppare una condizione chiamata mal di montagna acuto (AMS) poiché il corpo cerca di adattarsi a livelli di ossigeno più bassi. Questo può causare sintomi come mal di testa, affaticamento, nausea e perdita di appetito.

Di solito dopo circa una settimana o due in alta quota, la frequenza cardiaca e la respirazione di una persona si calmano leggermente mentre il corpo inizia a produrre più globuli rossi ed emoglobina per compensare i bassi livelli di ossigeno nell’aria.

Gli abitanti degli altipiani, come quelli che vivono a La Rinconada, sembrano essersi adattati in molti modi agli ambienti poveri di ossigeno.

“Ci sono prove abbastanza evidenti in tutto il mondo che ci sono aumenti lievi o molto grandi del volume polmonare per le persone esposte all’alta quota, in particolare prima dell’adolescenza“, ha aggiunto Beall.

Gli abitanti degli altipiani andini, ad esempio, hanno generalmente un’alta concentrazione di emoglobina nel sangue, che rende il sangue più denso. Sebbene ciò consenta agli andini di trasportare più ossigeno nel sangue, significa anche che sono vulnerabili allo sviluppo di una condizione chiamata mal di montagna cronico (CMS). Ciò si verifica quando il corpo produce una quantità eccessiva di globuli rossi.

La CMS può colpire persone che vivono ad altitudini superiori a 3.050 m per molti mesi o anni e causa sintomi come affaticamento, mancanza di respiro e dolori. Si stima che circa una persona su quattro a La Rinconada soffra di CMS.

Rinconada

Il miglior trattamento per la CMS è andare a un’altitudine inferiore, ha detto Tatum Simonson, Professore associato di medicina presso l’Università della California, a San Diego. Tuttavia, questa non è sempre una soluzione praticabile se qualcuno vive interamente in una regione particolare.

I salassi regolari e l’assunzione di un farmaco chiamato acetazolamide, che riduce la produzione di globuli rossi, possono fornire un certo sollievo ai pazienti affetti da CMS, sebbene la sicurezza e l’efficacia di questi trattamenti a lungo termine siano ancora sconosciute.

Gli abitanti degli altipiani tibetani, invece, pur vivendo anche loro ad alta quota, non hanno concentrazioni elevate di emoglobina e sono quindi a basso rischio di sviluppare la CMS. Si ritiene invece che si siano adattati ad ambienti a basso contenuto di ossigeno avendo un flusso sanguigno più elevato attraverso il loro corpo, ha detto Beall.

Conclusioni

In tutto il mondo, più di 80 milioni di persone vivono ad almeno 2.500 metri sopra il livello del mare, principalmente in Sud America, Asia centrale e Africa orientale.

Alcuni degli insediamenti permanenti più alti includono Wenquan nella provincia cinese del Qinghai, a un’incredibile altezza di 4.870 m (15.980 piedi) sul livello del mare, e Korzok in India, a circa 4.572 m sul livello del mare.

Rinconada

Nello specifico, i tibetani portano una mutazione in un gene chiamato EPAS1 che abbassa la quantità di emoglobina nel sangue. Si ritiene che questa mutazione sia stata ereditata dai nostri cugini umani estinti, i Denisoviani. Recentemente sono state trovate mutazioni in EPAS1 anche in un gruppo di abitanti degli altipiani andini, che gli scienziati stanno ora cercando di indagare ulteriormente.

Articoli più letti

Related articles

2 Comments