Rilevati nuovi segni di molecole organiche su Marte

I materiali trovati nelle rocce del cratere Jezero di Marte suggeriscono che su tutto il pianeta rosso potrebbe essere diffusa materia organica

0
286
Rilevati nuovi segni di molecole organiche su Marte
Rilevati nuovi segni di molecole organiche su Marte

[tta_listen_btn]

I materiali trovati nelle rocce del cratere Jezero di Marte suggeriscono che su tutto il pianeta rosso potrebbe essere diffusa materia organica.

L’analisi spettroscopica degli strumenti a bordo del rover Perseverance ha rivelato prove di molecole di idrocarburi in più formazioni rocciose. Inoltre, i rilevamenti mostrano diverse abbondanze e tipi di molecole in diverse rocce.

Non è la prima volta che vengono rilevate molecole organiche sul nostro vicino planetario – il rover Curiosity le ha trovate anche nel Gale Crater – ma la scoperta suggerisce che i mattoni per la vita potrebbero essere diffusi su Marte e forniti da diversi meccanismi di formazione .

Abbiamo rilevato segnali coerenti con molecole organiche aromatiche in più rocce nel fondo del cratere Jezero“, ha detto a ScienceAlert l’astrobiologa Sunanda Sharma del Caltech, che ha guidato la ricerca.

Vediamo almeno quattro diversi tipi di segnali di fluorescenza e tre tipi di segnali Raman che sono probabilmente organici. Sembra che il numero di rilevamenti di fluorescenza e la diversità dei segnali di fluorescenza sia maggiore nell’unità Máaz rispetto all’unità Séítah. Questo è sorprendente e interessante, poiché tali differenze possono significare che le unità hanno rilevato storie di alterazione diverse“.

maaz

Uno degli obiettivi primari di Perseverance è cercare segni di abitabilità su Marte. La chimica del carbonio non è una pistola fumante per questo, ovviamente; ci sono molti processi non biologici che possono produrre molecole basate sul carbonio. Ma il carbonio è essenziale per la vita così come la conosciamo, quindi per valutare l’abitabilità, le molecole contenenti carbonio sono una delle cose fondamentali da cercare.



Anche la capacità delle rocce di preservare queste molecole è importante. Queste caratteristiche in un sito suggerirebbero che la vita potrebbe essere emersa o essere stata supportata in quel punto ad un certo punto della storia di Marte.

Utilizzando lo strumento SHERLOC di Perseverance, Sharma e i suoi colleghi hanno applicato la spettroscopia Raman e di fluorescenza alle rocce delle formazioni Máaz e Séítah, cercando le firme della chimica del carbonio. Non solo hanno trovato i segnali che stavano cercando, ma hanno trovato differenze fondamentali nella chimica tra le rocce.

Sono incuriosito dai confronti tra le unità“, afferma Sharma.

Máaz e Séítah non sembrano uguali in termini di numero, tipo e associazioni minerali dei possibili segnali organici. Ora sono curioso di sapere cosa potrebbero aver subito per produrre tali differenze; ​​come si inserisce questo nella storia del Cratere Jezero?

seitah
Una veduta di Perseverance della regione sabbiosa di Séítah, una parola Navajo che significa “tra la sabbia”. ( NASA/JPL-Caltech )

Sebbene le molecole esatte debbano ancora essere identificate, entrambe le formazioni mostrano segni di alterazione acquosa. Ciò significa che l’acqua, che è un altro ingrediente cruciale per ipotizzaree eventuali condizioni abitabili del passato, potrebbe aver svolto un ruolo nella formazione dei composti.

Da allora il rover è andato oltre, continuando la sua esplorazione, e sono in arrivo molti altri dati. Il passaggio successivo consisterà nel confrontare diversi tipi di formazioni rocciose in nuove località. Questo potrebbe aiutare i ricercatori a mettere insieme una storia geologica più dettagliata di Marte, o perlomeno del cratere Jezero, e delle sue molecole organiche.

Il team spera che l’apparente presenza diffusa di materiali organici significhi che saranno presenti nei campioni che Perseverance sta preparando per il ritorno sulla Terra. Se è così, un giorno avremo l’opportunità di studiarli direttamente.

Questo“, dice Sharma, “è un pezzo chiave del grande puzzle che stiamo costruendo sulla presenza, distribuzione e tipi di sostanze organiche su Marte“.

La ricerca del team è stata pubblicata su Nature.

2