14.8 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaAlla ricerca di pianeti abitabili intorno ad Alpha Centauri

Alla ricerca di pianeti abitabili intorno ad Alpha Centauri

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Potrebbe esistere la vita intorno ai nostri vicini stellari più prossimi? Guidato dall’Università di Sydney e supportato da Breakthrough Initiatives, Jet Propulsion Laboratory della NASA e Sabre Astronautics, questo progetto mira a scoprirlo.

Nelle scorse settimane è stata annunciata una missione per scoprire nuovi pianeti potenzialmente in grado di sostenere la vita intorno al nostro vicino Alpha Centauri.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il progetto di ricerca proposto cercherà pianeti nella zona “Riccioli d’oro” intorno al sistema stellare distante poco più di quattro anni luce, dove le temperature potrebbero consentire l’acqua liquida in superficie sui pianeti rocciosi.

I lavori sul progetto sono iniziati nell’aprile di quest’anno e gli enti coinvolti l’hanno chiamato progetto TOLIMAN, dall’antico nome arabo di Alpha Centauri.

I nostri vicini stellari più prossimi, i sistemi Alpha Centauri e Proxima Centauri, si stanno rivelando straordinariamente interessanti“, ha affermato il dott. Pete Worden, direttore esecutivo delle iniziative rivoluzionarie. “La missione TOLIMAN sarà un enorme passo avanti verso la scoperta dell’esistenza di pianeti in grado di supportare la vita“.

Il leader del progetto, il professor Peter Tuthill del Sydney Institute for Astronomy presso l’Università di Sydney, è entusiasta di questa nuova finestra sull’universo.

Gli astronomi hanno accesso a tecnologie straordinarie che ci consentiranno di trovare migliaia di pianeti intorno a stelle in vaste aree della galassia“, ha affermato. “Eppure non sappiamo quasi nulla del nostro cortile celeste, delle stelle più vicine”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È un problema moderno; siamo come cittadini esperti di rete le cui connessioni sui social media sono globali, ma che non conoscono nessuno che viva nella propria via“.

Questo punto cieco nella nostra conoscenza locale ha conseguenze importanti, ha detto.

I mondi della porta accanto: alla ricerca di pianeti abitabili intorno ad Alpha Centauri
Proposta di progettazione del telescopio per la missione TOLIMAN. Credito: Università di Sydney

Conoscere i nostri vicini planetari è estremamente importante“, ha detto il professor Tuthill. “Questi pianeti della porta accanto sono quelli in cui abbiamo le migliori prospettive per trovare e analizzare le atmosfere, la chimica di superficie e forse anche le impronte digitali di una biosfera, i segnali provvisori della vita“.

Il nostro vicino più immediato, Alpha Centauri, è una stella tripla con due stelle molto simili al nostro Sole. Una o entrambe possono ospitare pianeti temperati, mentre si ritiene che la terza stella, la nana rossa Proxima Centauri, abbia sicuramente un pianeta in un’orbita riccioli d’oro, scoperto nel 2016.

Il progetto ha ricevuto il sostegno di Breakthrough Initiatives, una serie di programmi scientifici e tecnologici impegnati nella ricerca di vita extraterrestre. Le iniziative sono state fondate dall’investitore scientifico e tecnologico e filantropo israeliano Yuri Milner.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Pete Klupar, ingegnere capo di Breakthrough Watch, ha dichiarato: “Questi pianeti vicini sono i luoghi in cui l’umanità farà i primi passi nello spazio interstellare utilizzando sonde robotiche futuristiche ad alta velocità”.

Se consideriamo le poche decine di stelle più vicine, ci aspettiamo che una manciata di pianeti rocciosi come la Terra orbiti alla giusta distanza per consentire acqua liquida in superficie“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sabre Astronautics ha ricevuto $ 788.000 dalla sovvenzione International Space Investment: Expand Capability del governo australiano, che sosterrà la missione TOLIMAN.

La compagnia, che opera in Australia e negli Stati Uniti, fornirà supporto alle operazioni di missione di volo spaziale, comprese le comunicazioni e il comando satellitari, la gestione del traffico spaziale e una serie di altri servizi di volo per scaricare i dati dal satellite.

Saber è una parte fondamentale della missione“, ha detto il professor Tuthill.

Il Dr. Jason Held, CEO di Sabre Astronautics, ha dichiarato: “TOLIMAN è una missione di cui l’Australia dovrebbe essere molto orgogliosa: è un telescopio spaziale entusiasmante e all’avanguardia fornito da un’eccezionale collaborazione internazionale. Sarà una gioia far volare questo uccello“.

Misura di precisione

Il dottor Eduardo Bendek, un membro del team del Jet Propulsion Laboratory della NASA, ha dichiarato: “Anche per le stelle luminose più vicine nel cielo notturno, trovare pianeti è un’enorme sfida tecnologica”.

La nostra missione TOLIMAN lancerà un telescopio spaziale progettato su misura che effettuerà misurazioni estremamente precise della posizione della stella nel cielo. Un eventuale pianeta in orbita attorno alla stella avrà un effetto gravitazionale su di lei, mostrando una piccola, ma misurabile, oscillazione“.

La maggior parte delle migliaia di pianeti conosciuti al di fuori del sistema solare, chiamati esopianeti, sono stati scoperti utilizzando telescopi spaziali come Kepler e TESS della NASA. Trovare esopianeti vicino a casa richiederà strumenti più precisi, ed è qui che entra in gioco la missione TOLIMAN.

Il sig. Klupar ha dichiarato: “Il segnale che stiamo cercando richiede un vero salto di qualità nella misurazione di precisione“.

Il professor Tuthill ha dichiarato: “Nessuno sta sottovalutando la sfida, ma il nostro design innovativo incorpora nuovi trucchi. Il nostro piano è per una missione agile e a basso costo che dia risultati entro la metà del decennio“.

TOLIMAN sta per Telescope for Orbit Locus Interferometric Monitoring of our Astronomical Neighbourhood, indicando il nuovo approccio all’esplorazione e alla scoperta di esopianeti vicini.

Al centro della missione c’è il dispiegamento di un nuovo tipo di telescopio che utilizza una lente pupillare diffrattiva. Questo specchio diffonde la luce stellare catturata dalle stelle vicine in un complesso motivo floreale che, paradossalmente, rende più facile rilevare le perturbazioni dei movimenti stellari che sono i segni rivelatori dei pianeti in orbita.

Articoli più letti