Una startup progetta di resuscitare il mammut lanoso entro il 2027

Colossal ha ottenuto un finanziamento di 15 milioni di dollari per riportare il mammut lanoso nell'Artico e pensa di poter ottenere i primi esemplari in quattro o sei anni

5258

Si sente parlare di startup che costruiscono chip per computer, droni per le consegne e social network ma qualcuna si pone degli obiettivi davvero straordinari. Una di queste,  chiamata Colossal, punta a qualcosa di davvero insolito: riportare sulla Terra il mammut lanoso, estinto intorno a 5.000 anni fa, entro il 2027 utilizzando la tecnica CRISPR, una rivoluzionaria tecnologia di editing genetico.

Il piano non è quello di ricreare esattamente i veri mammut lanosi, ma piuttosto trapiantare i loro tratti genetici adattati al freddo come orecchie piccole e più grasso corporeo ai loro cugini elefanti, creando un ibrido in grado di sopravvivere nella tundra dove i mammut sono scomparsi 10.000 anni fa.

I co-fondatori di Colossal sono l’amministratore delegato Ben Lamm, che ha avviato cinque società prima di questa, e George Church, un professore della Harvard Medical School con una profonda esperienza in CRISPR.

La nostra vera stella polare è un ripristino riuscito del mammut lanoso, ma anche il suo successo nel rewilding in mandrie incrociate nell’Artico“, ha detto Lamm. “Ora ci stiamo concentrando sull’avere i primi cuccioli nei prossimi quattro-sei anni“.

È un’interessante illustrazione di un imperativo che sta investendo il mondo della tecnologia: non solo fare soldi ma aiutare anche il pianeta. La missione di Tesla è elettrificare i trasporti per sbarazzarsi dei combustibili fossili che danneggiano la Terra.

Bolt Threads vuole sostituire la pelle con un equivalente a base di fibre fungine più rispettoso dell’ambiente rispetto all’agricoltura animale. Colossal spera che il suo lavoro attiri l’attenzione sui problemi della biodiversità e alla fine aiuti a risolverli.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


Finora Colossal ha raccolto 15 milioni di dollari, guidati dalla società di investimento Tulco. I 19 dipendenti della startup lavorano nel quartier generale di Dallas e negli uffici di Boston e Austin, in Texas, e sta usando i suoi fondi per assumerne altri.

Uteri artificiali e altri spin-off tecnologici

Church ha detto che si aspetta spin-off dal lavoro di biotecnologia e genetica dell’azienda.

La pipeline di tecniche di ingegneria del genoma su larga scala può essere applicata a molte altre applicazioni oltre alla de-estinzione, e quindi [sono] più promettenti per la commercializzazione“, ha affermato.

Una tecnologia pronta per la commercializzazione è l’ingegneria del genoma multiplex, una tecnica che Church ha aiutato a sviluppare che accelera l’editing genetico apportando più modifiche al DNA contemporaneamente.

Colossal spera anche di sviluppare uteri artificiali per far crescere i suoi embrioni di mammut. La sola crescita di 10 mammut lanosi con madri elefanti surrogate non è sufficiente per ottenere la numerosità che l’azienda prevede.

Alla base del lavoro di Colossal c’è CRISPR. Questa tecnologia è ora un pilastro dell’ingegneria genetica.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Turismo in stile Jurassic Park? no

Vendere o concedere in licenza una tecnologia derivata è un modo indiretto di gestire un’impresa. Un’opzione più diretta è vendere biglietti ai turisti. Dopotutto, gli umani pagano già molti soldi per vedere megafauna carismatica come leoni, elefanti e giraffe nei safari africani. Vedere una creatura che è scomparsa da 10.000 anni potrebbe aumentare l’eccitazione.

Ma questo non è il piano di Colossal. “Il nostro obiettivo è la conservazione delle specie e la protezione della biodiversità in questo momento, non metterle negli zoo“, ha detto Lamm. Ricreando i mammut lanosi, Colossal può preservare l’eredità genetica degli elefanti asiatici che ora sono in pericolo.

Un’altra specie candidata che Colossal vuole ricreare è il rinoceronte lanoso, un parente del rinoceronte di Sumatra in pericolo di estinzione.

Sebbene Colossal non abbia intenzione di costruire una destinazione turistica, ha in mente un sito per il mammut lanoso che sembra terribilmente vicino a Jurassic Park: Pleistocene Park. Questa area di circa 90 chilometri quadrati nel nord della Russia, che prende il nome dal periodo geologico terminato con l’ultima era glaciale, è il luogo in cui i ricercatori Sergey e Nikita Zimov stanno cercando di testare le loro teorie sugli effetti ecologici e climatici del rewilding.

Un’idea di Zimov è che i mammut lanosi calpesteranno la neve e abbatteranno gli alberi. Ciò, a sua volta, ripristinerà le praterie che riflettono maggiormente i raggi del sole riscaldanti ed eliminerà la neve e le foreste, in modo che il terreno si raffreddi di più. E questo significa che il terreno rimarrà ghiacciato invece di rilasciare il suo attuale deposito di anidride carbonica e metano, entrambi importanti gas serra.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli scienziati calcolano che entro il 2300 potrebbero essere rilasciati da 260 a 300 miliardi di tonnellate di carbonio dallo scongelamento del permafrost , esacerbando gli estremi meteorologici e altri problemi causati dai cambiamenti climatici.

La de-estinzione delle specie è una buona idea?

Gli esseri umani hanno drammaticamente alterato il pianeta e, di conseguenza, le Nazioni Unite stimano che 1 milione di specie siano minacciate di estinzione.

Colossal spera che il suo lavoro attiri maggiore attenzione sul crollo della biodiversità. E prevede anche di creare descrizioni genetiche dettagliate di molte specie in via di estinzione “in modo di essere pronti ad intervenire se una determinata specie si estinguesse“, ha detto Lamm.

Ma è davvero questo il miglior uso delle nostre risorse per aiutare il pianeta? Alcuni ricercatori credono di no.

La resurrezione delle specie potrebbe portare alcuni benefici ma i soldi sarebbero spesi meglio per cercare di proteggere quelle ancora esistenti, sostiene un gruppo di biologi in un articolo pubblicato su Nature Ecology & Evolution. “I potenziali sacrifici nella conservazione delle specie esistenti dovrebbero essere una considerazione cruciale nel decidere se investire nella de-estinzione o concentrare i nostri sforzi sulle specie esistenti“, hanno scritto i ricercatori.

Lamm, però, sostiene che il lavoro della sua startup integra altri sforzi di conservazione. E, sostiene, le startup possono muoversi più velocemente del lavoro finanziato dal governo.

In un mondo dominato dai titoli della crisi climatica, una startup che fa soldi con un focus sul miglioramento dell’ecosistema ha un fascino speciale. Un investitore, Zack Lynch di Jazz Venture Partners, è entusiasta del software, dell’hardware e delle biotecnologie che si aspetta che Colossal creerà.

Allo stesso tempo, “queste scoperte aiuteranno ad affrontare questioni come il degrado del suolo, la perdita di impollinatori animali e altre tendenze negative della biodiversità“, ha affermato Lynch. Considerando quanto siano grandi i nostri problemi ambientali, è comprensibile che un investitore possa essere interessato.