Realtà virtuale: tutto ciò che c’è da sapere

La realtà virtuale (VR) è pubblicizzata da molti come la tecnologia che rivoluzionerà il modo in cui viviamo, lavoriamo e ci divertiamo

262
Realtà virtuale: tutto ciò che c'è da sapere
Realtà virtuale: tutto ciò che c'è da sapere

La realtà virtuale (VR) è pubblicizzata da molti come la tecnologia che rivoluzionerà il modo in cui viviamo, lavoriamo e ci divertiamo.

Per anni, le aziende hanno investito miliardi di dollari per sviluppare le tecnologie e i gadget necessari per accedere a questo mondo completamente nuovo. Ora che siamo all’apice di questa esplosione tecnologica, diamo un’occhiata a cosa significa la realtà virtuale e come avrà un impatto sul nostro futuro. 

Cos’è la realtà virtuale?

Il termine realtà virtuale si riferisce a un ambiente tridimensionale generato dal computer che si presenta ai nostri sensi come se fosse realmente presente e con cui si possa interagire. Proprio come i nostri organi sensoriali e il cervello ci aiutano a percepire il mondo che ci circonda, possono anche essere presentati con un mondo virtuale che può essere percepito come reale.

I moderni progressi tecnologici ci consentono non solo di sperimentare un mondo del genere, ma anche di interagire con oggetti o altre persone al suo interno, rendendo l’esperienza più coinvolgente e realistica, termini che sono spesso associati alla realtà virtuale.

La realtà virtuale, o VR, si ottiene oggi utilizzando un mix di tecnologie come cuffie e aptici appositamente progettati che aiutano a stimolare i sensi per creare l’illusione del mondo virtuale. Una caratteristica importante della realtà virtuale è che le prospettive cambiano in base al movimento di una persona nello spazio digitale, e questo può essere un fattore decisivo per decidere se l’esperienza è realistica e anche divertente.

Storia della realtà virtuale

Potrebbe sembrare che tecnologie come la realtà virtuale abbiano una storia relativamente breve che dura non più di un decennio circa. Tuttavia, è la realtà virtuale dominata dalle cuffie che sta diventando maggiorenne ora. Come tecnologia, i precursori della realtà virtuale sono in lavorazione sin dagli anni ’50.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nel 1962, l’innovatore Morton Heilig utilizzò i film in 3D per creare la percezione di un mondo diverso e vi aggiunse la realtà multisensoriale utilizzando una macchina che poteva generare vibrazioni, o vento, o emanare odori particolari. La configurazione è stata chiamata Sensorama Simulator ed è stata fonte d’ispirazione per parte della tecnologia VR che da allora è stata sviluppata in varie forme.

Subito dopo sono seguiti i display montati sulla testa, con due schermi e un dispositivo di tracciamento magnetico, il primo rilevatore di movimento ad essere utilizzato. L’uso della tecnologia VR per scopi di addestramento è iniziato con lo sviluppo di un simulatore di volo per la US Air Force nel 1968.

Società di giochi come Nintendo hanno reso i giochi 3D portatili con il suo Virtual Boy, mentre Google ha portato la realtà virtuale direttamente sul desktop lanciando Street View per le città.

Tipi di realtà virtuale

Potrebbe sembrare un po’ strano che anche Street View di Google, che non richiede alcun dispositivo dedicato, possa essere classificato come VR. Questo perché la realtà virtuale è un termine piuttosto ampio e comprende diversi tipi di esperienze.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Non immersivo

Si tratta di esperienze 3D a cui si accede attraverso lo schermo di un computer. Il suono può anche essere utilizzato per migliorare l’esperienza e l’utente può controllare l’ambiente utilizzando un mouse o una tastiera. In questa categoria, un videogioco o anche un sito Web che consente di visitare una destinazione potrebbe essere considerato un esempio di realtà virtuale.

Semi-immersivo

Si tratta di applicazioni che offrono un’esperienza VR parziale a cui è possibile accedere utilizzando lo schermo di un computer o un visore. Il movimento fisico potrebbe non essere una priorità in tali esperienze, poiché alla visualizzazione 3D viene data maggiore importanza. Un simulatore di volo è un buon esempio di tale esperienza.

Completamente immersivo

Questa è l’esperienza VR più avanzata. Tenta di spegnere completamente l’utente dal mondo reale. Coinvolge i sensi della vista e del suono, e anche il tatto e l’olfatto sono stati sperimentati di recente. Anche con l’uso di dispositivi dedicati, la tecnologia VR completamente immersiva è ancora nuova e dovrebbe fare grandi progressi in varie aree.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Qual è la differenza con la Realtà Aumentata?

Per chi non lo sapesse, la realtà aumentata è la tecnologia che consente la sovrapposizione di un oggetto virtuale o personaggi sull’ambiente del mondo reale dell’utente. Il popolare gioco Pokemon Go è l’esempio perfetto di realtà aumentata che utilizza l’ambiente esistente e quindi crea uno strato di un’altra realtà su di esso.

Poiché anche la realtà aumentata (AR) deriva da una simulazione virtuale, alcuni considerano l’AR anche un aspetto della realtà virtuale. Tuttavia, poiché l’AR non crea un ambiente completamente immersivo, molti la considerano un’esperienza completamente diversa. Tuttavia, come abbiamo notato sopra, anche gli ambienti semi e non immersivi fanno parte della realtà virtuale.

Tuttavia è in corso il lavoro che permetterà di riunire entrambi questi mondi virtuali in quella che viene definita realtà mista. Si ritiene che le prossime cuffie di Apple risiedano in questo spazio, anche se si sa molto poco al riguardo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Applicazioni della realtà virtuale

La realtà virtuale è stata ampiamente associata ai giochi, ma dato il suo potenziale, la tecnologia ha applicazioni diffuse, che vanno dall’intrattenimento all’istruzione, dalla vendita al dettaglio al settore immobiliare e molto altro. Ecco alcuni esempi di come la realtà virtuale può aiutare.

La realtà virtuale potrebbe portare a un settore completamente nuovo del turismo virtuale in cui i visitatori possono sperimentare le destinazioni in modalità completamente immersive senza dover attraversare i mari. L’esperienza della pandemia e il suo impatto sull’industria dei viaggi e del turismo possono sostenere l’utilità del turismo virtuale.

Un’esperienza VR potrebbe anche migliorare notevolmente l’apprendimento, sia in classe che in un ambiente industriale. Ad esempio, gli studenti potrebbero indossare un visore VR per acquisire un’esperienza diretta di dissezione in cui non vengono uccisi animali, sperimentare la vita nell’antica Roma o imparare la manutenzione del motore senza la spesa di un vero motore.

Gli ambienti VR potrebbero anche aiutarci a raggiungere aree inaccessibili o che non esistono più, come la superficie della Luna o altri momenti della storia umana, e operare in esse per ottenere una migliore comprensione della situazione. La realtà virtuale potrebbe anche consentire a persone in luoghi remoti di collaborare a un progetto insieme come se fossero tutti nella stessa stanza.

Nel settore sanitario, la realtà virtuale potrebbe aiutare i pazienti a interagire con i loro medici in uno spazio virtuale privato. La tecnologia ha anche dimostrato di aiutare i pazienti affetti da anoressia o disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

Il settore della vendita al dettaglio ha appena iniziato a esplorare le possibilità della realtà virtuale, che potrebbe consentire agli utenti di provare virtualmente vestiti o accessori prima di acquistarli, o persino decorare le loro case o provare nuove acconciature prima di apportare modifiche fisiche. Allo stesso modo, il settore immobiliare ha iniziato a utilizzare la realtà virtuale per mostrare le proprietà ai clienti e aiutarli a immaginare piani di ristrutturazione o nuove costruzioni, anche nei minimi dettagli.

Limitazioni della realtà virtuale

Come con qualsiasi tecnologia in via di sviluppo, la realtà virtuale non è priva di difetti. Anche dopo milioni di dollari spesi per la tecnologia, ci sono problemi come il ritaglio, in cui gli oggetti solidi sembrano come se si potesse attraversarli, eliminando così l’esperienza immersiva.

Se non sincronizzata correttamente, cosa che può verificarsi con velocità di connessione inferiori, la realtà virtuale può indurre chinetosi negli utenti poiché esiste una discrepanza tra il movimento dell’utente e quello dell’ambiente virtuale in cui l’utente sta operando.

La creazione della perfetta esperienza VR richiede che il produttore di cuffie riceva più input dall’utente, richiedendo un numero di sensori nel dispositivo. Inoltre, il rendering dell’ambiente virtuale richiede molta potenza di elaborazione. Alcuni di questi sono racchiusi nel visore VR, rendendolo pesante.

Poiché i produttori stanno ancora sviluppando nuovi strumenti per offrire queste nuove esperienze, il costo dei componenti è piuttosto elevato, rendendo i dispositivi costosi da acquistare. Per coloro che riescono ad acquistare questi dispositivi, ci sono rischi di dipendenza da queste esperienze, nonché il potenziale danno agli occhi, come il peggioramento della miopia, l’affaticamento degli occhi e la visione offuscata, poiché i display VR si trovano a pochi centimetri dagli occhi.

Il futuro

Il campo della realtà virtuale ha fatto un salto quando Facebook guidato da Mark Zuckerberg si è orientato verso la costruzione del metaverso, un mondo digitale costruito utilizzando la realtà virtuale. Anche se finora non è andata bene, le aziende di tutti i settori si sono tuffate nella realtà virtuale nel tentativo di stare al passo con la concorrenza.

L’esperienza entusiasmante che saranno in grado di offrire, tuttavia, dipende dai progressi che verranno compiuti nella tecnologia di base nel prossimo futuro. Grandi aziende tecnologiche come Sony, Microsoft e altri stanno lavorando per sviluppare cuffie che non necessitano di fili e cavi e dotarle di processori più potenti e display più nitidi.

Tecnologie di supporto come la disponibilità di Internet 5G aiuteranno anche la realtà virtuale ad andare avanti con una bassa latenza che sarà difficile da rilevare e verranno richiamati anche i sensi del tatto e dell’olfatto. Insieme alla realtà aumentata, la realtà virtuale cambierà davvero il modo in cui interagiamo con i mondi digitali.

Fonte: Vrs.org