4.5 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeZoologiaL'azione psicoattiva non è l'unica ragione per cui i gatti adorano l'erba...

L’azione psicoattiva non è l’unica ragione per cui i gatti adorano l’erba gatta

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Per molti membri della famiglia felina, l’erba gatta perenne (Nepeta cataria) è un irresistibile trattamento psicoattivo che induce brevi attacchi di piacere.

Non contenti di rotolarsi semplicemente tra le sue foglie, molti gattini strappano e accartocciano le foglie, spingendo i ricercatori a indagare sullo scopo di questa distruzione sfrenata. Quello che sembra essere un atto di puro edonismo potrebbe avere anche uno scopo più medicinale. Secondo un nuovo studio, il danno aggiuntivo alle foglie rilascia nell’aria quantità significative di composti repellenti per gli insetti, bagnando il gatto con un pesticida naturale.

Mentre N. cataria è l’intossicante per gatti più comunemente riconosciuto, anche un certo numero di piante, tra cui la valeriana (Valeriana officinalis) e una specie di kiwi chiamata vite d’argento (Actinidia polygama), contengono composti che inducono comportamenti strani nei gatti domestici e selvatici.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Due di queste sostanze chimiche sono il nepetalactolo e il nepetalactone, molecole a forma di otto classificate come iridoidi, che sono prodotte da piante come l’erba gatta e la vite d’argento per scongiurare gli attacchi degli insetti. Il nepetalactone solletica anche una serie di recettori all’interno delle cavità nasali feline, innescando una cascata di risposte che rendono impossibile ignorare un rapido rotolamento delle foglie.

Ricerche precedenti si sono unite ai punti, dimostrando che le azioni vigorose del gatto ammaccano le foglie di erba gatta e vite argentata abbastanza da rilasciare quantità sufficienti di nepetalactone e nepetalactolo per fungere da repellente contro la zanzara, Aedes albopictus.

Ora gli stessi ricercatori hanno voluto capire se i comportamenti di mordere e masticare le foglie forniscano ulteriori benefici o siano solo un segno dell’esuberanza del gatto mentre è in preda al piacere.

Sedici gatti sani hanno partecipato allo studio in condizioni di laboratorio, studio che ha comportato l’osservazione del loro comportamento mentre campioni di erba gatta intatta, accartocciata e strappata e foglie di vite argentate e cocktail di iridoidi in piastre di Petri venivano posti davanti alle loro gabbie.

Il team ha anche condotto una serie di altri test sull’efficienza di vari estratti vegetali e miscele di iridoidi come repellente per zanzare e sulle concentrazioni di composti volatili che circondano le foglie danneggiate dai gatti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nel complesso, è stato chiaro che il danno extra causato dallo strappo alle foglie aiuta davvero a far iniziare la festa molto più velocemente. “Abbiamo scoperto che il danno fisico alle foglie di vite d’argento da parte dei gatti promuove un’emissione immediata di iridoidi totali fino a10 volte superiore a quello delle foglie intatte“, afferma l’autore principale Masao Miyazaki, un ricercatore sul comportamento animale dell’Università di Iwate in Giappone.

Non solo la concentrazione totale è più alta in entrambi i tipi di piante quando le foglie vengono danneggiate, ma il mix di iridoidi è anche più complesso nelle foglie di vite argentate strappate, creando un repellente più potente a concentrazioni più basse.

I gatti che sono stati esposti a queste miscele sono stati colpiti per una durata più lunga, suggerendo che la loro biologia è stata “messa a punto” per massimizzare le dosi repellenti per gli insetti della vite d’argento.

Il nepetalactolo rappresenta oltre il 90 percento degli iridoidi totali nelle foglie intatte, ma questo scende a circa il 45 percento nelle foglie danneggiate poiché gli altri iridoidi aumentano notevolmente“, afferma Miyazaki. “La miscela iridoide alterata corrispondente alle foglie danneggiate ha promosso una risposta molto più prolungata nei gatti“.

L’uso di insetticidi naturali ricavati dalle piante e persino da altri artropodi non è sconosciuto nel regno animale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Noi umani, per esempio, utilizziamo estratti di crisantemo da generazioni per tenere a bada gli insetti; i lemuri, invece, si sono adattati a strofinare i millepiedi sui loro corpi come forma di trattamento antiparassitario, mentre alcuni uccelli e altri animali si ungono con foglie di agrumi per scopi simili.

Tuttavia, nessun altro animale sembra trarre lo stesso piacere dei gatti dai loro sfregamenti protettivi sul corpo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questa ricerca è stata pubblicata su iScience.

Articoli più letti