Quanto sono sicure le centrali nucleari ucraine?

L’attacco alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa, ha suscitato preoccupazione internazionale per la sicurezza degli impianti del Paese. L’Ucraina è fortemente dipendente dall’energia nucleare: ha quattro centrali elettriche principali, con 15 reattori, che generano circa la metà della sua elettricità. Venerdì, il presidente, Volodymyr Zelenskiy, ha affermato che il fuoco dell’artiglieria nell’impianto avrebbe potuto causare una distruzione pari a “sei Chernobyl”.

Per ora, dicono gli esperti, il pericolo immediato dell’attacco sembra essere basso, con la Russia che ha tanto da perdere quanto chiunque altro. “Se ci sarà un grave incidente nucleare è perché qualcosa verrà fatto deliberatamente per farlo accadere“, ha detto Tom Scott, professore di materiali all’Università di Bristol. “Sicuramente nessuno sarà così stupido. Non giova a nessuno. Il vento soffia verso la Russia in questo momento”.

Il filmato della telecamera di sorveglianza mostra un atterraggio di un bagliore presso la centrale nucleare di Zaporizhzhia durante i bombardamenti a Enerhodar, Zaporizhia Oblast, Ucraina 4 marzo 2022 QUESTA IMMAGINE È STATA FORNITA DA TERZI. CREDITO OBBLIGATORIO. NESSUNA RIVENDITA. NESSUN ARCHIVIO. REFILE - INFORMAZIONI AGGIUNTIVE SULLA DIDASCALIA
Zelenskiy afferma che “l’Europa deve svegliarsi” dopo che l’assalto ha innescato l’incendio di una centrale nucleare

Rafael Mariano Grossi, capo del watchdog nucleare dell’AIEA delle Nazioni Unite, ha confermato venerdì che i livelli di radiazioni nel sito sono rimasti normali, che tutti i sistemi di sicurezza dell’impianto sono rimasti inalterati e che i reattori stessi non sono stati violati. Il proiettile ha colpito un edificio amministrativo a una certa distanza all’interno del sito.

Dei sei reattori del sito, cinque sono in modalità di sicurezza, con un’unità funzionante al 60% della capacità. I rapporti dal sito suggeriscono che il personale ha continuato a controllare le operazioni.

Il leader ucraino Zelenskiy, probabilmente anche per ragioni di propaganda, si è affrettato a evidenziare il potenziale di un incidente su scala di Chernobyl ma, in realtà, la tecnologia a Zaporizhzhia è piuttosto diversa. Il reattore di Chernobyl utilizzava la grafite per tenere sotto controllo la reazione nucleare e il disastro è stato causato da un incendio della grafite. L’impianto di Zaporizhzhia – e quelli degli altri stabilimenti principali dell’Ucraina, Khmelnitski, Rovno e ​​Ucraina meridionale – ha reattori ad acqua pressurizzata, un tipo più moderno che non prevede la grafite. Quindi un incendio come quello di Chernobyl non si verificherà.

I reattori ad acqua pressurizzata hanno al centro un recipiente d’acciaio, come una gigantesca pentola a pressione con pareti spesse 20 cm. Questo contiene il combustibile nucleare e i prodotti radioattivi della reazione nucleare ed è progettato per resistere ai danni di eventi come terremoti e incidenti aerei, sebbene non specificamente proiettili di artiglieria. La parte interna è circondata da un edificio di contenimento in cemento armato pesantemente in acciaio – Chernobyl non lo aveva.

La Russia prende il controllo della centrale nucleare ucraina dopo i bombardamenti – rapporto video
La Russia prende il controllo della centrale nucleare ucraina dopo i bombardamenti

Tuttavia, c’è una profonda preoccupazione che qualsiasi attacco volto a prendere il controllo di un impianto possa comunque portare a un incidente nucleare. Gli esperti sono particolarmente allarmati dal fatto che un principio riconosciuto a livello internazionale – garantire l’integrità fisica degli impianti nucleari civili – sia stato disatteso.

È molto chiaro che questo è contrario alle convenzioni di Ginevra“, ha affermato Scott. “Farlo è una flagrante violazione delle leggi e degli accordi internazionali”.

Grossi, che afferma che la situazione “continua ad essere estremamente tesa e impegnativa“, ha dichiarato venerdì di essersi offerto di recarsi nel sito di Chernobyl per facilitare un negoziato tra Ucraina e Russia, con l’obiettivo di concordare un quadro per garantire la sicurezza centrali nucleari durante il conflitto.

Uno scenario peggiore, ha detto Scott, sarebbe il danneggiamento della capacità di raffreddamento di Zaporizhzhia o di una delle altre strutture ucraine.

Anche dopo lo spegnimento, i reattori hanno bisogno di un raffreddamento continuo per diverse settimane per rimuovere il calore residuo dal nocciolo. I sistemi di raffreddamento si basano su generatori diesel, quindi qualsiasi danno a questi – o una carenza di carburante – potrebbe causare un incidente simile a quello di Fukushima, dove l’alimentazione dell’impianto è venuta a mancare dopo uno tsunami. Ciò potrebbe comportare il surriscaldamento dei reattori e la trasformazione dell’acqua residua in vapore, che potrebbe sciogliere il combustibile all’interno del reattore e causare il rilascio di radiazioni nell’atmosfera.

C’è anche una preoccupazione per le strutture di stoccaggio del combustibile esaurito, alcune di queste infatti risultano essere state bombardate. Dopo che il combustibile è stato prelevato dal nocciolo del reattore, viene messo negli stagni di una piscina di esaurimento per un anno o più per raffreddarsi fisicamente prima di essere trasferito in un sito di stoccaggio a lungo termine e più sicuro.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Reattore nucleare a prova di fusione: incredibile da 105 MW

La Cina ha recentemente raggiunto un traguardo significativo nel...

Progetto ITER: svolta nell’energia da fusione

Il progetto di energia da fusione ITER ha segnato...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Blazar S5 1803+78: scoperta affascinante variabilità ottica

I blazar sono tra gli oggetti più enigmatici e...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Articoli correlati

Popular Categories