Quanto è intelligente un polpo?

La capacità cerebrale unica dei polpi, noti per la loro intelligenza e le fughe in stile Houdini, è stata rivelata dai ricercatori dell’Università del Queensland.

Il dottor Wen-Sung Chung del Queensland Brain Institute di UQ fa parte di un team che ha studiato quattro specie di polpi utilizzando tecniche di risonanza magnetica per produrre immagini 3D dettagliate per confrontare le loro strutture cerebrali uniche.

La capacità cerebrale unica del polpo

Dallo studio è emerso che il cervello del polpo variava, a seconda di dove viveva una specie, quando era attiva e se interagiva con altri animali.

“Il polpo è un maestro del camuffamento, in grado di risolvere compiti complessi e si dice che la sua capacità cognitiva si avvicini a quella di alcuni piccoli mammiferi”, ha affermato il dottor Chung.

“Abbiamo studiato quattro specie, tra cui un polpo di acque profonde, una specie notturna solitaria e due diversi abitanti della barriera corallina attivi durante la luce del giorno”.

Il dottor Chung ha affermato che il polpo trovato nelle acque profonde aveva un cervello liscio come i marsupiali e i roditori, adatto al suo ritmo di vita lento e alle interazioni limitate con altri animali.

I polpi della barriera corallina avevano un cervello significativamente più grande con alcune proprietà simili ai primati, adattato per compiti visivi complessi e interazione sociale in un ambiente affollato e ben illuminato.

“Questi polpi hanno alcuni comportamenti notevolmente complessi non conosciuti in altri polpi”, ha detto il dott. Chung.

“Ad esempio, è stata registrata la caccia collaborativa con i pesci di barriera, dove di solito il polpo conduce e le trote coralline si uniscono cercando attivamente la preda o strappando opportunisticamente piccoli organismi stanati dal polpo”.

“La capacità di ricevere e rispondere ai gesti tra specie diverse come parte della caccia collaborativa dimostra che le specie di polpo hanno capacità cognitive complesse”.

Le differenze nelle strutture cerebrali tra le specie si riferiscono alla dimensione della superficie del cervello, con una superficie più ampia che indica un sistema nervoso più complesso e una maggiore capacità cognitiva.

Il professor Justin Marshall è a capo del team che per primo ha scoperto le differenze nella struttura del cervello, aprendo la porta a una migliore comprensione della complessità e dell’evoluzione di questi animali apparentemente “intelligenti”.

Ha affermato che la ricerca in corso del team mirava a fornire approfondimenti su come la struttura del cervello del polpo sia collegata al comportamento, alla vista e alla cognizione avanzata.

La ricerca è stata pubblicata su Current Biology.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

In Tendenza

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

5 trucchi per crescere su Instagram nel 2024

I social sono il presente e il futuro della...

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Misteriosa struttura sotterranea Maya scoperta in Messico

Gli archeologi di Campeche, in Messico, hanno trovato una...

Asma: il 20% degli atleti olimpici ne soffrono

C'è un disturbo comune tra gli atleti di alto...

Articoli correlati

Popular Categories