Quanto costa una roccia lunare? 

Secondo i nuovi contratti stipulati tra la NASA e quattro startup, varia da 80 centesimi fino a 12000 euro, ma dietro c'è molto di più

3105

La NASA si è impegnata a settembre ad acquistare rocce lunari da società in grado di portare rover robotici sulla superficie del satellite e raccogliere campioni del terreno polveroso. L’agenzia spaziale ha chiesto offerte da aziende di tutto il mondo. Ecco chi sono i vincitori: “Masten“, con sede in California, “Lunar Outpost” del Colorado e due società separate che si chiamano entrambe “iSpace“, una del Giappone e l’altra del Lussemburgo.

Programma completo nel 2024

Il programma, che la NASA spera sarà completato entro il 2024, lo stesso anno in cui l’agenzia conta di riportare gli astronauti sulla luna, è tra i più singolari nella storia degli Stati Uniti. L’obiettivo non è raccogliere nuove informazioni sulla composizione del suolo lunare o studiare come possono essere utilizzate le varie risorse lunari. L’obiettivo, piuttosto, è incoraggiare il settore privato a investire nello sviluppo dei rover.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

E forse l’obiettivo principale del progetto è chiarire al resto del mondo che la Luna non è solo un luogo di esplorazione e ricerca, è un luogo di lavoro. La NASA potrebbe essere l’unica organizzazione attualmente sul mercato per l’acquisto di rocce lunari da società private, ma l’agenzia spaziale ha permesso alle società di nominare il loro prezzo.

I prezzi delle rocce lunari variano da meno di un euro fino a più di 12 mila euro

Lunar Outpost si è impegnato a vendere il suo campione per soli 80 centesimi, di gran lunga l’offerta più bassa. Entrambe le società iSpace prevedono di vendere i loro campioni per 4 mila euro. Infine Masten venderà la sua collezione per circa 12 mila euro.

Non è ancora chiaro se una qualsiasi delle società riuscirà nell’intento. La NASA afferma che pagherà in anticipo solo il 10% del prezzo di acquisto totale. Phil McAlister, direttore dello sviluppo del volo spaziale commerciale della NASA ha spiegato che l’agenzia spaziale prevede infatti di spedire un assegno pari al 10 per cento dei costi. Le società riceveranno un altro 10% dopo che i loro rover saranno lanciati nello spazio e l’80% finale verrà pagato dopo che le società avranno dimostrato alla NASA che i loro rover saranno effettivamente in grado di raccogliere campioni di suolo lunare compresi tra 50 e 500 grammi.

La compagnie avranno bisogno di un lander lunare

Il viaggio verso la Luna non è facile. Le compagnie dovranno acquistare un giro su un razzo che possa trasportare i loro rover fino alla luna, e avranno bisogno di un lander che possa traghettare i rover fino alla superficie lunare. Ma se i rover riescono ad arrivarci, alle società non sarà richiesto di riportare sulla Terra i campioni di suolo che raccolgono. McAlister ha detto che non è nemmeno chiaro se la NASA abbia intenzione di portarli a casa perché non è questo il punto del programma.

Riteniamo che sia molto importante stabilire il precedente secondo cui entità del settore privato possono estrarre queste risorse e la NASA può acquistarle“, ha detto il dirigente della NASA. L’incentivo economico per le quattro società iscritte al nuovo programma di risorse lunari della NASA non è esattamente chiaro, ma tutte le società sono già ben avviate nello sviluppo di varie tecnologie di esplorazione lunare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il contratto CPLS per consegnare rifornimenti alla Luna nel 2022

Masten, ad esempio, ha un contratto da 63 milioni di euro con la NASA attraverso un programma diverso, soprannominato CLPS , per consegnare rifornimenti alla Luna nel 2022 utilizzando il suo lander lunare XL-1.

L’impatto duraturo della notizia odierna che la NASA sta acquistando polvere lunare da Masten riguarda l’abbattimento dell’incertezza e dei rischi che rendono l’attività economica oltre la Terra troppo rischiosa per agire“, Ha detto l’agenzia spaziale che ha affermato come l’acquisto di Regolite lunare di oggi è una cosa piccola se misurato in soldi, ma monumentale misurato in termini di impatto sullo sblocco del valore dello spazio per l’umanità.

IL contratto MAPP per rilevare la superficie lunare

Lunar Outpost ha anche un contratto separato con il Dipartimento della Difesa per il suo rover lunare, chiamato MAPP, progettato per effettuare rilievi sulla superficie lunare utilizzando strumenti scientifici.

La società ha anche descritto il suo interesse per il programma di recupero delle risorse  e la sua offerta di 80 centesimi come un trampolino di lancio verso opportunità di business più extraterrestri.

La NASA e Lunar Outpost lavoreranno insieme per avviare il processo di sviluppo del quadro giuridico e logistico per i futuri contratti di acquisizione di risorse spaziali“,  ha affermato l’azienda.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questa sarà la chiave per stimolare gli investimenti nell’esplorazione spaziale, secondo la NASA. E, in definitiva, imparare a utilizzare le risorse lunari per supportare una presenza umana permanente sulla luna, che è l’obiettivo dichiarato del programma Artemis della NASA .

Il significato di vendere rocce lunari

Negli ultimi anni gli Stati Uniti hanno chiarito che mirano a creare un’economia extraterrestre che si basi tanto sulla costruzione di una presenza del settore privato nello spazio esterno quanto sul raggiungimento degli obiettivi scientifici e di ricerca. Ma i piani per estrarre risorse sulla luna sono controversi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Alcuni scienziati temono che un’attività commerciale eccessiva possa contaminare o distruggere aree della luna che potrebbero fornire indizi chiave su come si sono formate la luna e la Terra.

Il monito dell’astronomo Stuart Clark

L’astronomo Stuart Clark ha lamentato, nella rivista britannica “Science Focus” all’inizio di quest’anno, che l’estrazione di risorse lunari potrebbe portare a una “corsa all’oro” alimentata da una “mentalità del vincitore prende tutto” e gli scienziati perderanno “preziosi indizi geologici “.

Inoltre secondo lo scienziato sono pochissimi i paesi disposti a cedere i loro profitti per il bene comune, perché la maggior parte sostiene che la commercializzazione dell’esplorazione spaziale può essere vantaggiosa per tutti.

Secondo l’ingegnere Clive Neal c’è un vantaggio per tutti

È importante che ci bilanciamo, andando avanti insieme in un modo che consentirà questa economia lunare così come la scienza“, ha detto Clive Neal, professore di ingegneria presso l’Università di Notre Dame. Il suo parere riguardo il prelievo di rocce lunari è che si deve guardare alle risorse lunari come risorse per la scienza, per l’esplorazione e per la partecipazione commerciale, in questo modo, a suo dire, tutti vincono perché i set di dati di cui abbiamo bisogno sono praticamente gli stessi.

Va notato che il programma di estrazione delle risorse lunari della NASA comporterà lo scavo di quantità molto piccole della superficie lunare.

Quali risorse lunari possono essere utilizzate?

Oltre a studiare il suolo lunare per scopi scientifici, i ricercatori sperano che le risorse trovate sulla luna possano aiutare a sostenere i futuri astronauti che vivono e lavorano in un avamposto lunare. Il ghiaccio d’acqua della Luna, ad esempio, può essere convertito in acqua potabile, ossigeno ed idrogeno.

Il ghiaccio d’acqua può anche essere trasformato in carburante per razzi, che potrebbe essere utilizzato per alimentare le missioni più in profondità nel sistema solare. Alcuni ricercatori sperano anche che l’elio-3, una versione dell’elio rara sulla terra ma abbondante sulla luna, possa essere utilizzata per produrre enormi quantità di energia tramite la fusione nucleare .

Tuttavia, molti esperti sono scettici sull’idea che queste opportunità possano attirare e sostenere l’interesse del settore privato.

Alice Gorman, una dei principali esperti mondiali di archeologia spaziale, sostiene che negli Stati Uniti c’è un sacco di ottimismo ingiustificato, date le sfide tecniche dell’estrazione e dell’utilizzo delle risorse sulla luna.

Fonte: https://edition.cnn.com/2020/12/04/tech/nasa-moon-resource-mining-artemis-scn/index.html