Quali saranno le future minacce per l’umanità?

Un nuovo studio rivela che l’umanità corre il rischio di cadere in 14 vicoli ciechi evolutivi, chiamati “trappole evolutive”, che vanno dal cambiamento climatico all’intelligenza artificiale

Per la prima volta gli scienziati hanno utilizzato il concetto di trappole evolutive riferito all’umanità in generale. Gli esperti hanno scoperto infatti che gli esseri umani rischiano di rimanere intrappolati in 14 vicoli ciechi evolutivi, che vanno dai punti critici del cambiamento climatico globale all’intelligenza artificiale disallineata. Alcuni di questi 14 punti critici corrispondono, inoltre, all’accelerazione delle malattie infettive e all’inquinamento chimico.

Successi e sfide dell’umanità

L’evoluzione del genere umano è stata una storia di straordinario successo. Ma l’Antropocene – l’epoca geologica modellata da noi umani – mostra sempre più crepe. Molteplici crisi globali, come la pandemia di COVID-19, il cambiamento climatico, l’insicurezza alimentare, le crisi finanziarie e i conflitti hanno iniziato a verificarsi simultaneamente in qualcosa che gli scienziati chiamano policrisi.

Gli esseri umani, una specie creativa

Søgaard Jørgensen è ricercatore presso lo Stockholm Resilience Center dell’Università di Stoccolma e presso l’Accademia reale svedese di Programma Sciences’ Global Economic Dynamics, Biosfera e laboratorio Antropocene.

L’esperto ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da SciTechDaily: “Gli esseri umani sono una specie incredibilmente creativa. Siamo in grado di innovare e adattarci a molte circostanze e possiamo cooperare su scala sorprendentemente ampia. Ma queste capacità risultano avere conseguenze involontarie. In parole povere, si potrebbe dire che la specie umana ha avuto troppo successo e, in un certo senso, è troppo intelligente per il suo bene futuro”.

Le trappole evolutive

Un nuovo studio fondamentale è stato pubblicato recentemente come parte di una valutazione più ampia sulla rivista Philosophical Transactions della Royal Society B. La valutazione raccoglie approfondimenti da un’ampia gamma di diverse discipline scientifiche nelle scienze naturali, sociali e umanistiche, per comprendere come si è evoluto l’Antropocene e come la sostenibilità globale può continuare ad evolversi in futuro.

Cosa dice il nuovo studio

Il nuovo studio mostra come l’umanità potrebbe rimanere bloccata in “trappole evolutive” – vicoli ciechi che si verificano a seguito di innovazioni inizialmente di successo. In un primo sforzo di analisi, ne identificano 14, tra cui la semplificazione dell’agricoltura, la crescita economica che non apporta benefici agli esseri umani o all’ambiente, l’instabilità della cooperazione globale, i punti critici sul clima e l’intelligenza artificiale.

Dove si trovano questi potenziali vicoli ciechi?

“Le trappole evolutive sono un concetto ben noto nel mondo animale. Proprio come molti insetti sono attratti dalla luce, un riflesso evolutivo che nel mondo moderno può portarli alla morte, l’umanità corre il rischio di rispondere a nuovi fenomeni in modi dannosi”, spiega Peter Søgaard Jørgensen.

La semplificazione dei sistemi agricoli è un esempio di tale trappola. Affidarsi a poche colture altamente produttive, come il grano, il riso, il mais e la soia, ha significato che le calorie prodotte sono salite alle stelle nel corso dell’ultimo secolo. Ma ciò ha anche significato che il sistema alimentare è diventato molto vulnerabile ai cambiamenti ambientali, come condizioni meteorologiche estreme o nuove malattie.

Molti si stanno muovendo nella direzione sbagliata

Delle 14 trappole evolutive, 12 sono in uno stato avanzato, il che significa che l’umanità è sul punto di rimanere bloccata a un punto tale da cui diventa molto difficile uscirne. Inoltre, in 10 di questi 14 paesi le società continuano a muoversi nella direzione sbagliata. In modo allarmante, queste trappole evolutive tendono a rafforzarsi a vicenda. Se le società rimangono bloccate in un vicolo cieco, è più probabile che rimangano bloccate anche negli altri.

I due vicoli ciechi che attualmente sono meno avanzati sono l’autonomia della tecnologia – intelligenza artificiale e robotica – e la perdita di capitale sociale attraverso la digitalizzazione. La nuova valutazione esamina anche il motivo per cui le società lottano così duramente per uscire da queste trappole.

Una situazione complessa

“Le forze evolutive che hanno creato l’Antropocene non funzionano bene a livello globale. Nei sistemi globali di oggi, i problemi sociali e ambientali crescono in luoghi che sembrano distanti dalle società che potrebbero prevenirli. Inoltre, affrontarli spesso richiede una collaborazione globale su una scala con cui molte forze evolutive spesso non si allineano bene”, afferma il coautore Lan Wang-Erlandsson, ricercatore presso il Centro di resilienza di Stoccolma dell’Università di Stoccolma e Antropocene dell’Accademia reale svedese delle scienze.

Articoli più letti

Related articles