Possibile nuovo esopianeta su Alpha Centauri A

I ricercatori hanno individuato il punto luminoso vicino ad Alpha Centauri A, una coppia di stelle che oscillano l’una intorno all’altra così strettamente da apparire come una sola nella costellazione meridionale del Centauro. Le stelle formano quello che viene chiamato un sistema binario a 4,37 anni luce di distanza, in pratica, dietro l’angolo di casa, in termini cosmici.

Alpha Centauri A (α Cen A / α Centauri A) è una stella nana gialla della costellazione del Centauro.

Si tratta della stella più brillante delle tre che compongono il sistema di Alpha Centauri; le sue due compagne sono α Centauri B e Proxima Centauri. La Alpha Centauri A è anche una delle stelle più vicine al Sistema solare, trovandosi ad appena 4,36 al dal Sole, e la quarta stella per luminosità nel cielo notturno terrestre.

La distanza ravvicinata al Sistema solare conferisce inoltre ad Alpha Centauri un elevato moto proprio.

L’avvistamento è così incerto che gli scienziati si riferiscono ad esso solo come a un possibile “pianeta candidato”, consapevoli che il puntino luminoso nell’oscurità dello spazio potrebbe essere il riflesso di un asteroide, una striscia di polvere o, più prosaicamente, un problema tecnico imprevisto nel loro equipaggiamento.

Un nettuniano per Alpha Centauri A?

Abbiamo rilevato qualcosa“, ha detto Pete Klupar, l’ingegnere capo delle Breakthrough Initiatives, che sono una serie di progetti spaziali finanziati da Yuri Milner, un imprenditore con sede nella Silicon Valley. “Potrebbe essere un artefatto nella macchina o potrebbe essere un pianeta, oppure potrebbe trattarsi di asteroidi o polvere.”

Il team internazionale ha osservato la stella come parte dell’esperimento “New Earths in the Alpha Centauri Region” (Near) supportato da Breakthrough Watch, uno sforzo per trovare e studiare pianeti rocciosi di dimensioni terrestri intorno ad Alpha Centauri e altre stelle vicine.

Per cercare pianeti intorno alla stella, gli astronomi hanno utilizzato il Very Large Telescope, o VLT, gestito dall’Osservatorio europeo meridionale dal Cerro Paranal, nel deserto di Atacama in Cile. Gli scienziati sono stati aiutati da un nuovo coronografo sullo strumento che analizza la luce proveniente da Alpha Centauri, rendendo più facile individuare i mondi in orbita.

Klupar paragona il dispositivo a coprire il Sole con un pollice. La procedura consente una sensibilità senza precedenti per l’immagine diretta dei pianeti oltre il sistema solare. “Stiamo cercando di vedere una torcia proprio accanto a un faro“, ha detto.

Scrivendo su Nature Communications, il team descrive come le osservazioni a infrarossi per 100 ore a maggio e giugno 2019 hanno rivelato un punto luminoso che non sono stati in grado di spiegare. Se confermato come pianeta da ulteriori osservazioni, l’avvistamento sarebbe il primo a visualizzare direttamente un esopianeta attorno a una stella vicina.

Molti ricercatori sostengono che i pianeti non possono formarsi in questo tipo di binario e questo è uno dei motivi per cui siamo cauti nel sostenere che sia in realtà un pianeta. Ma se lo fosse, avrebbe all’incirca le dimensioni di Nettuno“, ha aggiunto. Il pianeta si troverebbe nella zona abitabile della stella, dove le temperature consentono la formazione di acqua liquida e impiegherebbe circa un decennio per completare un’orbita.

Nettuno è circa quattro volte più grande della Terra e non ha una superficie solida. Invece ha un nucleo delle dimensioni della Terra avvolto da una densa zuppa di acqua, ammoniaca e metano; è quest’ultimo gas che lo rende blu come Urano.

La professoressa Beth Biller, che studia gli esopianeti presso l’Institute of Astronomy dell’Università di Edimburgo, ha commentato che i ricercatori hanno “un candidato interessante” ma hanno ragione a essere cauti“.

Confermare l’esistenza dell’esopianeta su Alpha Centauri A richiederà un rilevamento separato e indipendente“, ha detto. “Se confermato, potrebbe trattarsi del rilevamento del disco di polvere attorno alla stella o un pianeta reale. Entrambi sarebbero risultati molto interessanti“.

Klupar ha detto che il team guarderà di nuovo entro la fine dell’anno per verificare se il pianeta candidato si sia spostato dove le previsioni suggeriscono che dovrebbe essere.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Offerte Amazon di oggi: mouse gaming super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ha pensato di...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Dinastia Tang: rivoluzionario murale in tomba di 1200 anni

Nel 2018, durante dei lavori stradali nei pressi della...

Articoli correlati

Popular Categories