Possiamo Terraformare Marte? Il miglior scienziato in pensione della NASA dice “Sì”

Secondo James L. Green, capo scienziato della NASA che ha lavorato lì dal 1980 e ha supervisionato missioni in tutto il sistema solare, l'umanità può terraformare Marte e forse anche Venere

0
954
Indice

La sottile atmosfera di Marte, che è composta per il 95% da anidride carbonica, è rigida e fredda. Dalle tempeste di polvere alle radiazioni cosmiche, il pianeta è ostile alla vita come la conosciamo con temperature medie di circa 62,78° C sotto lo zero. Tuttavia, condivide molte caratteristiche con la Terra, poiché sappiamo che miliardi di anni fa era un pianeta blu con un’atmosfera più densa e oceani sulla sua superficie.

E secondo James L. Green, capo scienziato della NASA che ha lavorato lì dal 1980 e ha supervisionato missioni in tutto il sistema solare, l’umanità può terraformare Marte e forse anche Venere, come citato in una recente intervista con il New York Times. Con l’arrivo del nuovo anno ha salutato l’agenzia spaziale; tuttavia, le sue idee sull’individuazione della vita nell’universo e sulla terraformazione dei nostri vicini più prossimi continueranno sicuramente a suscitare scalpore.

In precedenza aveva affermato che la terraformazione di Marte può essere ottenuta costruendo un enorme scudo magnetico tra il pianeta e il Sole, che impedirebbe ai venti solari di spogliare e impoverire la fragile atmosfera del pianeta. Ciò consentirebbe al pianeta di intrappolare più calore e riscaldare il clima abbastanza da renderlo abitabile.

“Sì, terraformare Marte è fattibile”, ha detto Green, nell’intervista al Times. “Fermate lo stripping e la pressione aumenterà. Marte inizierà a terraformarsi. Questo è ciò che vogliamo: il pianeta partecipa a tutto ciò in ogni modo possibile”.

Green ha detto anche che ci sono diversi modi per realizzare uno scudo magnetico.
“Sto cercando di pubblicare un documento su cui ho lavorato per circa due anni. Non sarà ben accolto”, ha affermato.



“Alla comunità dei planetologi non piace l’idea di terraformare qualcosa, ma penso che possiamo cambiare anche Venere, con uno scudo fisico che rifletta la luce: creiamo uno scudo e la temperatura inizierà a scendere.”

C’è anche la scala “Confidence of Life Detection“, o CoLD, che è una delle proposte degne di nota più recenti del Dr. Green. La scala è suddivisa in sette diversi livelli, ognuno dei quali funge da punto di riferimento che deve essere soddisfatto passando allo step successivo. La scoperta di firme biologiche come sostanze chimiche biologiche, ad esempio, sarebbe di primo livello. Il secondo livello escluderebbe la possibilità che le prove siano dovute alla contaminazione dalla Terra. Quindi, il livello finale sarebbe che gli scienziati dichiarassero di aver scoperto prove di vita extraterrestre.

Al Dr. Green è stato anche chiesto se è sorpreso che la vita debba ancora essere scoperta sul Pianeta Rosso nonostante la NASA esplori Marte dal 1976. “Sì e no”, ha detto.

“Quello che stiamo facendo ora è molto più metodico, molto più intelligente nel modo in cui riconosciamo quali firme la vita può produrre nel tempo. Uno degli esperimenti Viking ha indicato che c’era vita microbica nel suolo marziano ma solo uno dei tre strumenti lo ha fatto, quindi non possiamo dire di aver trovato la vita. Ora lo sapremo davvero, definitivamente perché riporteremo indietro campioni”.

2