La polvere di asteroide portata sulla Terra mostra qualcosa di inaspettato

I ricercatori hanno iniziato a esaminare i resti incontaminati di asteroide raccolti dalla missione OSIRIS-REx della Nasa

Nei due mesi e mezzo trascorsi dall’atterraggio sulla Terra della prima missione di restituzione di campioni dell’asteroide Bennu da parte della Nasa, i tecnici hanno accuratamente raccolto oltre 70 grammi di frammenti di asteroide in ciottoli e polvere dal contenitore della navicella.

Si tratta di una quantità di oltre dieci volte maggiore di quella stabilita come necessaria per definire la missione un successo. Alcuni dei ciottoli paiono contenere elementi chimici che lasciano gli scienziati senza parole. Queste scoperte sono tuttavia ancora molto lontane da dove i ricercatori planetari speravano di arrivare in seguito all’atterraggio del 24 settembre.

Polvere di asteroide: come è stato scoperchiato il contenitore

Nel mese di ottobre, i ricercatori del Johnson Space Center di Houston, in Texas, hanno scoperto che 2 delle 35 viti che fissano il coperchio del contenitore di ritorno del campione non potevano essere rimosse, bloccando l’accesso al resto delle rocce spaziali.

I curatori hanno usato delle pinzette per estrarre quello che potevano, e la NASA sta ora realizzando nuovi cacciaviti in modo che possano entrare nel dispositivo con cui ha volato per miliardi di chilometri attraverso il sistema solare fino all’asteroide Bennu e ritorno. Dante Lauretta è uno scienziato planetario dell’Università dell’Arizona a Tucson, che dirige il team di analisi scientifica legata alla missione OSIRIS-REx. L’esperto ha spiegato, tramite alcune dichiarazioni riportate da Nature: “È un po’ come il gatto di Schrodinger. Non sappiamo cosa c’è lì dentro”.

Tutto ciò non basta

Tuttavia, c’è ancora molta ricerca da fare con i 70,3 grammi che i tecnici sono riusciti a estrarre finora. Le prime analisi suggeriscono che i frammenti di Bennu sono ricchi di composti chimici volatili conservati nello spazio congelato fin dalla nascita del Sistema Solare, più di 4,5 miliardi di anni fa. “Questo da solo rende l’intera missione utile”, ha detto Lauretta. “Ora disponiamo di abbondante materiale incontaminato” risalente agli albori del Sistema Solare.

Il viaggio degli asteroidi fino alla Terra

Quando pezzi di asteroidi cadono sulla Terra come meteoriti, attraversano l’atmosfera del pianeta, che li riscalda e potenzialmente ne altera la composizione chimica. La navicella spaziale OSIRIS-REx ha mantenuto il suo abbondante carico protetto da tali alterazioni.

Il bottino include una roccia lunga 3,5 centimetri, la più grande raccolta su Bennu. È così grande che ha bloccato il meccanismo di raccolta della navicella spaziale quando OSIRIS-REx ha toccato brevemente la superficie dell’asteroide nel 2020 per aspirare una raccolta di ciottoli e polvere.

Come quasi tutto il materiale di Bennu, la roccia è di colore scuro, quasi al punto da essere nera, anche se ha una lucentezza bluastra, ha riferito Lauretta durante l’incontro. È simile ai massi altamente riflettenti che OSIRIS-REx ha fotografato sulla superficie di Bennu mentre orbita attorno all’asteroide.

Cosa contengono i frammenti di Bennu

Altri pezzi più piccoli nel campione di Bennu hanno rivestimenti riflettenti di colore chiaro, che li fanno sembrare più luminosi dei ciottoli più scuri. Ma, al microscopio elettronico a scansione, si è scoperto che erano ricoperti da uno strato altamente fragile che si rompeva facilmente, rivelando un interno scuro. L’analisi chimica ha mostrato che questa pelle superficiale di colore chiaro conteneva magnesio, sodio e fosfato. Questa combinazione è raramente, se non mai, osservata nei meteoriti, ha detto Lauretta. “È un grattacapo in questo momento”.

Altri frammenti di Bennu contengono minerali argillosi idratati noti come fillosilicati, nonché carbonati, magnetite e minerali solforati. Tutto questo era previsto ma è bello da vedere, ha detto Lauretta. Il campione di Bennu contiene anche composti organici – quelli contenenti legami carbonio-carbonio o carbonio-idrogeno – inclusa una grande quantità di molecole ad anello note come idrocarburi policiclici aromatici. Materiali organici come questi sono stati trovati nei meteoriti sulla Terra e potrebbero essere stati coinvolti nella nascita della vita su questo pianeta.

Articoli più letti

Related articles