Il primo piccolo reattore nucleare modulare al mondo sta inviando energia alla rete

La Cina ha collegato il suo primo piccolo reattore nucleare modulare alla sua rete elettrica, diventando così il primo paese al mondo a trarre energia da una macchina del genere, come asserisce un rapporto di Bloomberg.

Il reattore Unit 1 da 200 megawatt della China Huaneng Group Co. a Shidao Bay è connesso alla rete nella provincia di Shandong. L’azienda sta anche sviluppando un secondo reattore, che dovrebbe entrare in piena attività il prossimo anno dopo i test.

Il piccolo reattore nucleare modulare (SMR) da 200 megawatt è circa un quinto delle dimensioni del primo progetto di reattore proprietario della Cina, chiamato Hualong One. Le sue dimensioni ridotte consentono una maggiore scalabilità, nonché operazioni e costi di distribuzione ridotti.

Il nuovo reattore nucleare è il primo reattore modulare raffreddato a gas ad alta temperatura a letto di ciottoli al mondo. Invece di riscaldare acqua, riscalda elio per produrre energia. La macchina è progettata per spegnersi rapidamente in caso di errore.

La Cina investirà 440 miliardi di dollari nel nucleare nei prossimi 15 anni

Secondo Bloomberg, la Cina è il più grande investitore mondiale nel nucleare, con stime che suggeriscono che pagherà fino a 440 miliardi di dollari per la costruzione di nuove centrali nucleari nei prossimi 15 anni, cosa che le permetterà di superare gli Stati Uniti come primo produttore mondiale di elettricità col nucleare.

Il paese sta anche investendo pesantemente nella fusione nucleare, una tecnologia che promette di porre fine alla nostra dipendenza dai combustibili fossili imitando la reazione del Sole e delle stelle sulla Terra. Recentemente, il reattore del “sole artificiale” cinese , chiamato EAST, secondo quanto riferito ha battuto un record funzionando per 101 secondi a una temperatura di 120 milioni di ° C.

Secondo i rapporti dell’anno scorso, anche altri paesi, tra cui la Romania, stanno sviluppando SMR al fine di facilitare la transizione dai combustibili fossili. anche la Rolls-Royce sta sviluppando SMR per aiutare il Regno Unito a raggiungere i suoi obiettivi climatici.

In un’intervista dello scorso novembre, il professor Michael Fitzpatrick della Coventry University ha spiegato che gli SMR possono essere utilizzati insieme a nuove soluzioni di energia rinnovabile per aiutare a stabilizzare la rete in futuro. “Gli SMR ti consentono di fare un mix in cui l’endpoint è lo stesso. La stessa capacità di soddisfare le esigenze energetiche, ma a diversi livelli di impegno. È un costo iniziale inferiore, con un tempo di costruzione più breve“, ha affermato. Per ora, la Cina è l’unico paese a raccogliere i vantaggi sostanziali degli SMR.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Le prove dell’allunaggio

A dispetto della propaganda russa, improvvisamente interessata, dopo 50 anni, a sostenere che l'allunaggio sia stato una montatura, e delle competenti parole di campioni dello sport, notoriamente preparati in ingegneria, fisica e astrofisica, siamo stati sulla Luna e abbiamo a disposizione le prove dell'allunaggio, basta avere voglia di esaminarle

Articoli correlati

Popular Categories