Pianeta Nove: si restringe l’area di ricerca – video

Uno studio recentemente presentato all'Astronomical Journal propone nuove ipotesi sull'esistenza del Planet nine, o Pianeta Nove (chiamato anche Pianeta X), che è un ipotetico pianeta la cui esistenza spiegherebbe le anomalie orbitali di alcuni oggetti che si muovono all'interno della Fascia di Kuiper, ben oltre l'orbita del pianeta nano, Plutone

2
3522
Pianeta Nove: si restringe l'area di ricerca

Uno studio recentemente presentato all’Astronomical Journal propone nuove ipotesi sull’esistenza del Planet nine, o Pianeta Nove (chiamato anche Pianeta X), che è un ipotetico pianeta la cui esistenza spiegherebbe le anomalie orbitali di alcuni oggetti che si muovono all’interno della Fascia di Kuiper, ben oltre l’orbita del pianeta nano, Plutone.

L’obiettivo dello studio era restringere le possibili posizioni del Pianeta Nove e aiutare i ricercatori a comprendere meglio la composizione del nostro sistema solare, insieme alla sua formazione e ai processi evolutivi.

La ricerca del Pianeta Nove

Il dottor Mike Brown, professore di astronomia Richard e Barbara Rosenberg al Caltech e autore principale dello studio, ha detto a Universe Today: “Stiamo continuando a cercare di coprire sistematicamente tutte le regioni del cielo in cui prevediamo che il Pianeta Nove potrebbe apparire. L’utilizzo dei dati di Pan-STARRS ci ha permesso di coprire la regione più vasta fino ad oggi“.

Pan-STARRS, che sta per Panoramic Survey Telescope e Rapid Response System, è un sistema di osservazione astronomica collaborativa situato presso l’Osservatorio di Haleakala e gestito dall’Istituto di Astronomia dell’Università delle Hawaii con la costruzione del telescopio finanziata dall’aeronautica americana.



Per lo studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati del Data Release 2 (DR2) con l’obiettivo di restringere la possibile posizione del Pianeta Nove sulla base dei risultati di studi precedenti. Alla fine, il team ha ristretto le possibili posizioni del Pianeta Nove eliminando circa il 78% delle possibili posizioni calcolate da studi precedenti.

Inoltre, i ricercatori hanno anche fornito nuove stime approssimative per il semiasse maggiore (misurato in unità astronomiche (UA)) e per la dimensione della massa terrestre del Pianeta Nove, rispettivamente pari a 500 e 6,6.

Quali sono, quindi, i risultati più significativi di questo studio e quali studi di follow-up sono attualmente condotti o pianificati?

Anche se mi piacerebbe dire che il risultato più significativo è stato trovare il Pianeta Nove, questo non è successo“, racconta il Dr. Brown a Universe Today. “In realtà siamo, però, riusciti a restringere in modo significativo l’area di ricerca. Ora abbiamo esaminato circa l’80% delle regioni in cui pensiamo possa trovarsi il Pianeta Nove“.

In termini di studi di follow-up, il Dr. Brown dice a Universe Today: “Penso che l’LSST sia l’indagine più probabile per trovare il Pianeta Nove. Quando sarà online tra un anno o due, coprirà rapidamente gran parte dello spazio di ricerca e , se il Pianeta Nove è lì, lo troveremo“.

LSST sta per Legacy Survey of Space and Time ed è un’indagine astronomica attualmente prevista come programma decennale per studiare il cielo meridionale e che si svolgerà presso l’Osservatorio Vera C. Rubin, in Cile, attualmente in costruzione.

Gli obiettivi dell’LSST includono lo studio dell’identificazione degli asteroidi vicini alla Terra (NEA) e dei piccoli corpi planetari all’interno del nostro sistema solare, ma includono anche studi sullo spazio profondo. Tra questi, lo studio delle proprietà della materia oscura e dell’energia oscura e l’evoluzione della Via Lattea. Ma qual è l’importanza di trovare il Pianeta Nove, ammesso esista?

Il dottor Brown ha spiegato: “Questo sarebbe il quinto pianeta più grande del nostro sistema solare e l’unico con una massa compresa tra quella della Terra e quella di Urano. Tali pianeti sono comuni attorno ad altre stelle e scoprirlo ci darebbe la possibilità di studiarne uno nel nostro sistema solare“.

Gli scienziati iniziarono a ipotizzare l’esistenza di un pianeta extra poco dopo la scoperta di Nettuno nel 1846, come dimostrano un libro di memorie del 1880 scritto da D. Kirkwood e successivamente un articolo del 1946 scritto dall’astronomo americano Clyde Tombaugh, responsabile della scoperta di Plutone nel 1930.

Studi più recenti risalgono al 2016 e 2017 e presentano presunte prove della possibile esistenza del Pianeta Nove, al primo dei quali ha partecipato come coautore il Dr. Brown.

Questo studio più recente segna l’indagine più completa per restringere la posizione del Pianeta Nove, che il Dr. Brown crede da tempo esista: “Ci sono troppi segnali indipendenti che indicano l’esistenza di un pianeta sconosciuto in quell’area. Il sistema solare è molto difficile da capire senza la massa di questo pianeta“.

…Il Pianeta Nove” continua Brown, “spiegherebbe molte cose sulle orbite degli oggetti nel sistema solare esterno che sarebbero altrimenti inspiegabili e ciascuno di essi necessiterebbe di una sorta di spiegazione separata”.

L’insieme delle direzioni delle orbite è quello meglio conosciuto, ma ci sono anche le grandi distanze del perielio di molti oggetti, l’esistenza di oggetti altamente inclinati e persino retrogradi, e l’elevata abbondanza di orbite molto eccentriche che si incrociano all’interno dell’orbita di Nettuno. Nessuna di queste cose dovrebbe accadere nel sistema solare, ma sono tutte facilmente spiegabili come effetto del Pianeta Nove.”

Ormai la ricerca del Pianeta Nove comincia a somigliare alla cerca del Sacro Graal… Esiste davvero un Pianeta Nove e lo troveremo nei prossimi anni e decenni? Solo il tempo lo dirà.
2