8.9 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaPianeta potenzialmente abitabile attorno a una nana bianca

Pianeta potenzialmente abitabile attorno a una nana bianca

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Un gruppo di astronomi ha identificato un anello di detriti planetari in orbita vicino a una stella morente, a circa 117 anni luce dalla Terra, suggerendo quello che potrebbe essere un pianeta in una zona abitabile dove potrebbe esistere la vita. Se confermato, sarebbe la prima volta che un mondo che supporta la vita viene scoperto in orbita attorno a un tale inizio, noto come “nana bianca“.

Mentre la maggior parte delle stelle grandi diventano supernova alla fine della loro evoluzione, quelle medie e piccole con una massa inferiore a otto volte quella del Sole di solito diventano nane bianche. Hanno una massa di carbonio e ossigeno simile nonostante le loro piccole dimensioni. Circa il 97% delle stelle nella Via Lattea diventeranno nane bianche, secondo uno studio precedente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un team di ricercatori ha misurato la luce di una nana bianca nella Via Lattea chiamata WD1054–226 utilizzando i dati di telescopi terrestri e spaziali. Hanno notato che qualcosa sembrava passare regolarmente davanti alla stella, causando cali di luce. Lo schema si ripeteva ogni 25 ore, con il calo maggiore ogni 23 minuti.

Ciò indica che la stella è circondata da un anello di 65 oggetti orbitanti delle dimensioni di una cometa o di una luna, distanziati uniformemente nelle loro orbite dall’attrazione gravitazionale di un pianeta vicino delle dimensioni di Marte o Mercurio. Gli oggetti si trovano a 2,6 milioni di chilometri dalla stella, con una temperatura di 50ºC, al centro dell’intervallo per l’acqua liquida.

“Un’eccitante possibilità è che questi corpi siano mantenuti in uno schema orbitale così uniformemente distanziato a causa dell’influenza gravitazionale di un pianeta vicino. Senza questa influenza, l’attrito e le collisioni causerebbero la dispersione delle strutture, perdendo la precisa regolarità che si osserva”, ha affermato l’autore principale Jay Farihi in una nota.

Inseguire le nane bianche

Trovare pianeti in orbita attorno a nane bianche è una sfida enorme per gli astronomi poiché queste stelle sono molto più deboli delle stelle della sequenza principale, come il Sole. Finora, gli astronomi hanno trovato solo l’anno scorso prove provvisorie di un gigante gassoso, come Giove, in orbita attorno a una nana bianca. Si stima che sia una o due volte più massiccio di Giove.

Per questo nuovo studio, i ricercatori si sono concentrati su WD1054–226, una nana bianca a 117 anni luce dalla Terra. Hanno registrato i cambiamenti nella sua luce per 18 notti, utilizzando una telecamera ad alta velocità all’osservatorio La Silla in Cile. Hanno anche esaminato i dati del Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA per interpretare meglio i cambiamenti nella luce.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La zona abitabile in cui potrebbe trovarsi il potenziale pianeta viene solitamente chiamata zona Riccioli d’oro, tratta dalla fiaba dei bambini. Da quando il concetto è stato introdotto negli anni ’50, è stato dimostrato che molte stelle hanno un’area Riccioli d’oro. La temperatura dall’inizio deve essere giusta in modo che l’acqua liquida possa esistere in superficie.

Rispetto alle grandi stelle come il Sole, la zona abitabile delle nane bianche è più piccola e più vicina alla stella, poiché le nane bianche emettono meno calore. I ricercatori hanno stimato che le strutture osservate nell’orbita fossero avvolte dalla stella quando era una gigante rossa, quindi è più probabile che si siano formate o siano arrivate di recente che essere sopravvissute alla nascita dell’inizio.

“La possibilità di trovare un pianeta nella zona abitabile è eccitante e anche inaspettata; non stavamo cercando questo. Tuttavia, è importante tenere presente che sono necessarie ulteriori prove per confermare la presenza di un pianeta. Non possiamo osservare direttamente il pianeta, quindi la conferma potrebbe arrivare confrontando i modelli al computer con ulteriori osservazioni della stella e dei detriti in orbita”, ha detto Farihi.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista della Royal Astronomical Society.

Articoli più letti