17.3 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeCuriositàGli alberi della luna

Gli alberi della luna

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

In un vaso di plastica grigia sul davanzale di una finestra da qualche parte nel sud dell’Inghilterra, l’amministratore della Royal Astronomical Society (RAS) Richard O’Sullivan sta tentando di coltivare un albero di sicomoro americano.

Come sa chiunque abbia mai cresciuto con successo una pianta dal seme, questo è un risultato in sé. Ma questo non è un normale alberello di sicomoro. La sua provenienza può essere fatta risalire a una missione sulla Luna nel 1971, quando l’astronauta Stuart Roosa trasportò 500 semi di alberi nella sua navicella Apollo 14. Gli alberi cresciuti da questi semi divennero noti come “alberi della luna“. Supponendo che la pianta continui a prosperare, quella di O’Sullivan sarà un raro albero lunare di terza generazione.

Quaranta semi sono stati raccolti da un albero maturo di seconda generazione che cresceva in un giardino privato nell’Inghilterra centrale“, spiega O’Sullivan, che si è offerto volontario per il progetto nell’ambito delle celebrazioni per il 200° anniversario della Royal Astronomical Society. Ma solo tre di quei semi sono germogliati e io ne ho uno, quindi la pressione è un po’ aumentata“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’idea di portare i semi degli alberi sulla Luna ha le sue origini all’inizio della carriera di Roosa negli anni ’50, quando lavorava per il servizio forestale degli Stati Uniti. Come molti dei primi astronauti, Roosa era un uomo d’azione nella vita reale. Prima di addestrarsi come pilota di jet militari, ha intrapreso quello che è probabilmente un lavoro ancora più pericoloso come saltatore di fumo.

I saltatori di fumo si lanciavano con il paracadute in un incendio boschivo, costruivano una trincea e facevano il possibile per mitigare l’incendio prima di dirigersi verso il campo forestale più vicino: era piuttosto straziante“, dice la figlia di Roosa, Rosemary. “Mio padre amava la natura, ma penso anche che andasse in giro con gli aeroplani perché sapeva, fin da bambino, che voleva fare il pilota“.

Dopo essersi dimostrato un abile pilota di caccia e, in seguito, pilota collaudatore nell’aeronautica americana, Roosa fu selezionato come astronauta nel 1966. Il suo primo volo spaziale sarebbe stato come pilota del modulo di comando per l’Apollo 14. Ciò significava che sarebbe rimasto in orbita da solo attorno alla Luna, mentre i suoi due colleghi avrebbero viaggiato verso la superficie lunare.

I semi furono recuperati insieme all'equipaggio umano quando la capsula dell'Apollo 14 tornò sulla Terra (Credit: Universal History Archive/Getty Images)

I semi furono recuperati insieme all’equipaggio umano quando la capsula dell’Apollo 14 tornò sulla Terra (Credit: Universal History Archive/Getty Images)

Roosa fu scelto per la missione dal suo comandante, Alan Shepard, che era stato il primo americano nello spazio.

Mio padre era un eccellente uomo con il bastone e il timone, come lo chiamavano. Era solo un ottimo pilota, aveva un grande istinto“, dice Roosa. “All’epoca c’era un po’ di controversia perché mio padre era l’unico astronauta selezionato per un equipaggio principale non avendo mai prestato servizio in un equipaggio di riserva, ma Alan Shepard in seguito spiego che il pilota del modulo di comando è quello che porta gli astronauti alla Luna e ritorno, e voleva assicurarsi di tornare a casa!

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Mentre Roosa iniziava l’addestramento per la sua missione, il Servizio Forestale avvicinò l’astronauta proponendogli di portare alcuni semi sulla Luna tra i suoi oggetti personali. Accettò prontamente e un genetista del servizio forestale scelse una selezione di cinque specie: abete Douglas, pino loblolly, sequoia, sicomoro e gomma dolce.

Sarebbe facile liquidare il progetto come una trovata pubblicitaria, ma era radicato nella scienza. In che modo un viaggio intorno alla Luna può influenzare la salute, la vitalità e la genetica a lungo termine dei semi? Quella fu la prima volta che dei semi vennero inviati nello spazio profondo, una progressione rispetto agli esperimenti precedenti.

Mandiamo semi nello spazio da prima della fondazione della Nasa“, afferma Emma Doughty, conduttrice del podcast Gardeners of the Galaxy. “Quando l’America lanciava razzi tedeschi V2 catturati negli anni ’40, inviavano semi nello spazio insieme ad altri tipi di organismi, come gli insetti, per testare come l’ambiente spaziale e le radiazioni influenzassero le forme di vita”.

Non sapevamo nulla di cosa sarebbe successo alla vita quando avesse lasciato l’atmosfera o cosa sarebbe successo in condizioni di microgravità“, dice. “Avevamo bisogno di sapere se la vita poteva sopravvivere lassù prima di iniziare a inviare qualcuno“.

Il 31 gennaio 1971, l’equipaggio dell’Apollo 14 – Shepard, Roosa e il pilota di lander lunare Ed Mitchell – decollarono da Cape Canaveral sul loro gigantesco razzo Saturn V verso la Luna. Dopo il quasi disastro dell’Apollo 13, la Nasa era sottoposta a un’enorme pressione politica per garantire che questa missione andasse senza intoppi. Ma a tre ore dall’inizio del volo, erano già nei guai.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Rosemary Roosa ha istituito la Moon Tree Foundation per promuovere l'eredità delle velocità spaziali (Credit: Rosemary Roosa)

Rosemary Roosa ha istituito la Moon Tree Foundation (Credit: Rosemary Roosa)

Per il lancio, il lander lunare era racchiuso nello stadio superiore del Saturn V, dietro il modulo che trasportava l’equipaggio. Era compito di Roosa separare il modulo di comando e di servizio, ruotare di 180 gradi e attraccare con il lander.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La manovra andò secondo i piani e Roosa allineò perfettamente la sonda sulla punta del modulo di comando con il portello sul lander. Ma quando i due veicoli spaziali si accostarono, il meccanismo di aggancio non si attivò. Con l’equipaggio sempre più preoccupato per la possibilità molto reale che la missione venisse interrotta, fu solo al sesto tentativo, quasi due ore dopo, che i chiavistelli si bloccarono per ottenere un “hard dock”. ( Puoi leggere il rapporto originale della NASA sul problema qui).

Il resto della missione fu quasi impeccabile. Shepard, lui stesso un pilota leggendario, effettuò l’atterraggio più preciso sulla Luna, e lui e Mitchell stabilirono nuovi record di durata e distanza sulla superficie lunare. Durante due passeggiate, gli astronauti raccolsero circa 43 kg di rocce e terreno. Shepard ha avuto anche il tempo per una veloce partita a golf.

Nel frattempo, Roosa (e i semi) trascorsero due giorni in orbita nel modulo di comando, mantenendo i sistemi dei veicoli spaziali, effettuando esperimenti e scattando fotografie e osservazioni della superficie lunare. È diventato uno dei soli sei uomini a essere mai stati completamente soli nello spazio profondo (un’esperienza di cui ha parlato il defunto astronauta dell’Apollo 15 Al Worden in questa intervista).

Il 9 febbraio 1971, l’equipaggio dell’Apollo 14 tornò sulla Terra e il programma di sbarco sulla Luna tornò in pista. La maggior parte dei semi, nel frattempo, fu restituita al servizio forestale, anche se Roosa e Mitchell ne tennero alcuni. Ma è qui che la storia inizia a diventare un po’ vaga. Nonostante questo presumibilmente fosse un esperimento scientifico condotto da due rispettate organizzazioni del governo degli Stati Uniti, nessuno all’epoca conservò registrazioni accurate di dove fossero finiti esattamente i semi o dove furono piantati gli alberi della Luna da essi cresciuti.

I semi dei discendenti dell'albero della luna sono stati piantati anche alla Casa Bianca (Credit: Rosemary Roosa)

I semi dei discendenti dell’albero della luna sono stati piantati anche alla Casa Bianca (Credit: Rosemary Roosa)

Il servizio forestale ha iniziato a disperderli, principalmente durante il bicentenario degli Stati Uniti nel 1976, e quindi sono stati dati in dono“, afferma Rosemary Roosa. “Quando mi imbatto in Moon Trees originali, molti di loro sono piantati in capitali di stato, giardini botanici e parchi, ma non c’era documentazione formale di cui sono a conoscenza“.

Alcuni sono stati inviati anche all’estero, anche se non è chiaro dove esattamente. Si sa che ce ne sono tre in Brasile, forse uno in Francia e si dice che nel Regno Unito siano stati piantati tra i 12 e i 15 alberi della luna di prima generazione. La Royal Astronomical Society ha trascorso l’ultimo anno cercando di rintracciarli, senza successo.

L’ultimo albero della luna di cui io sappia, l’abbiamo piantato mio padre ed io ad Austin, in Texas, alla fine degli anni ’70“, dice Roosa (è stato piantato nella sua casa d’infanzia). “Ero nel cortile sul retro e lui ha detto: ‘Ehi, questo è l’ultimo dei semi dell’albero della luna che ho, piantiamolo e vediamo cosa succede’. Era un sicomoro americano e ho parlato con il proprietario attuale della casa ed è ancora in crescita“.

Stuart Roosa è morto nel 1994 e Rosemary ha fondato la Moon Tree Foundation per mantenere viva la sua eredità. La Nasa, grazie agli sforzi del planetologo Dave Williams, ha cercato di tenere traccia degli alberi e ha pubblicato un elenco di oltre 60 piante di prima generazione ancora vive. La maggior parte sembra essere negli Stati Uniti, anche se sembra che quelli in Brasile siano ancora fiorenti.

Dall’Apollo 14 ci sono state dozzine di esperimenti simili, anche se scientificamente più rigorosi, che hanno coinvolto l’invio di semi e piante nello spazio. Oggi, gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) mangiano regolarmente insalata coltivata a bordo. Nel 2016, 2 kg di semi sono stati portati sulla ISS con l’astronauta britannico Tim Peake. La ricerca della RAS sui semi ha affermato che “i risultati hanno mostrato che, anche se i semi di rucola crescono più lentamente e sono più sensibili all’invecchiamento, restano vitali“.

La futura esplorazione di lunga durata della Luna e di Marte dipende dalla capacità di coltivare cibo fresco nello spazio profondo. Il fatto che così tanti alberi della luna stiano prosperando e producano prole vitale, suggerisce che i semi trasportati da Roosa nell’Apollo 14 abbiano subito pochi effetti negativi.

Le verdure possono già essere coltivate sotto la luce UV nella ISS, aprendo la strada agli orti in missioni più lunghe (Credit: Kerry Sheridan/AFP/Getty Images)

Le verdure possono già essere coltivate sotto la luce UV nella ISS, aprendo la strada agli orti in missioni più lunghe (Credit: Kerry Sheridan/AFP/Getty Images)

Quest’anno ricorre il 50° anniversario della missione finale del programma Apollo, l’Apollo 17, e meno della metà degli astronauti dell’Apollo sono ancora vivi. Ma la loro eredità sopravvive… negli alberi.

Era una cosa incredibile da fare“, dice Doughty. “Penso che questa sia l’eredità dei Moon Trees: interessare le persone allo spazio. Se riescono a vedere qualcosa che è stato nello spazio crescere nel loro parco locale, rende lo spazio reale per le persone“.

E, mentre la Nasa si prepara a tornare sulla Luna e alla fine creare una base lunare, Rosemary Roosa ha un piano ambizioso.

Il mio obiettivo è che i semi dell’albero della luna vengano rispediti sulla luna e piantati lì, quindi sarebbero sicuramente alberi della luna“.

Articoli più letti