I pesci elettrici percepiscono il mondo in maniera particolare

I pesci elettrici percepiscono il mondo attraverso le "aure" dei vicini come un radar collegato in rete

2
239
pesci elettrici

Nei torbidi letti dei fiumi africani la vista è praticamente inutile. Per orientarsi nell’ambiente circostante, alcuni pesci elettrici hanno sviluppato un adattamento scioccante che mette alla prova la nostra percezione dell’intelligenza sensoriale e del lavoro di squadra nel regno animale.

Gli scienziati dello Zuckerman Institute della Columbia University hanno recentemente appreso che una specie di pesce debolmente elettrico (Gnathonemus petersii), noto anche come pesce dal naso di elefante, condivide informazioni sensoriali all’interno del suo gruppo quasi istantaneamente.

Un pesce nel fiume può immediatamente riconoscere ciò che si trova molto lontano di fronte a lui utilizzando il campo elettrico generato dai suoi compagni più lontani.

pesci elettrici

La visione del mondo da parte dei pesci elettrici

Quello dei pesci elettrici è un rilevamento collettivo straordinario e mai visto prima, parallelo ai sistemi collaborativi utilizzati nelle tecnologie di ingegneria umana come il sonar e il radar. Nathaniel Sawtell, ricercatore presso lo Zuckerman Institute della Columbia e professore di neuroscienze presso il Vagelos College of Physicians and Surgeons della Columbia, ha affermato:



“In ingegneria, è normale che gruppi di emettitori e ricevitori lavorino insieme per migliorare il rilevamento, ad esempio nel sonar e nel radar. Abbiamo dimostrato che qualcosa di simile potrebbe accadere in gruppi di pesci che percepiscono l’ambiente utilizzando impulsi elettrici. Questi pesci sembrano “vedere” molto meglio in piccoli gruppi”.

pesci elettrici

 

Il comportamento dei pesci elettrici

I pesci elettrici, come quelli che nuotano nelle acque torbide del bacino amazzonico e dei fiumi africani, generano e percepiscono cambiamenti nel campo elettrico che li circonda. Questa capacità, conosciuta come elettroporazione , è quasi come un superpotere.

Quando un oggetto interrompe o altera il campo creato dai pesci, il cambiamento viene rilevato dagli elettrorecettori. In questo modo, i pesci possono navigare nei loro habitat bui come la pece, ma anche comunicare, cacciare ed eludere i predatori. Pipistrelli e delfini utilizzano sistemi di rilevamento simili a quelli radar, tranne per il fatto che si affidano a segnali acustici (ecolocalizzazione) anziché all’elettricità.

 

pesci elettrici

 

I campi elettrici sono generati attraverso organi specializzati derivati ​​da tessuti muscolari o nervosi. La tecnica da parte dei pesci elettrici è simile a come funziona una batteria, spostando gli ioni dentro e fuori le cellule per creare una potenziale differenza di energia.

La scarica elettrica dell’organo (EOD) può variare notevolmente tra le specie. Alcuni producono forti campi elettrici mentre altri ne emettono di più deboli. La forza e la frequenza di questi scarichi sono spesso legate alle esigenze specifiche dei pesci, come la comunicazione o il tipo di preda che prendono di mira.

pesci elettrici

Informazioni sui pesci elettrici

I pesci elettrici sono una categoria di pesci che hanno la capacità di generare elettricità attraverso specializzati organi elettrici. Questi pesci sono in grado di produrre scariche elettriche per diverse finalità, come difesa, comunicazione, localizzazione delle prede e navigazione. Ecco alcune informazioni più dettagliate sui pesci elettrici:

  1. Organizzazione anatomica: Gli organi elettrici dei pesci elettrici sono costituiti da cellule specializzate chiamate “elettrociti”. Queste cellule sono ricche di canali ionici che consentono il passaggio di ioni attraverso le membrane, generando così differenze di potenziale elettrico.

  2. Generazione di elettricità: I pesci elettrici generano elettricità attraverso processi biochimici all’interno dei loro organi elettrici. Gli elettrociti lavorano insieme per produrre scariche elettriche che possono variare in intensità e frequenza.

  3. Specie di pesci elettrici: Ci sono diverse specie di pesci elettrici che abitano principalmente nelle acque dolci dei tropici e delle regioni subtropicali. Alcune delle specie più conosciute includono il pesce gatto elettrico (Electrophorus electricus), il torpedo (Torpediniformes), e il pesce coltello (Gymnotiformes).

  4. Utilizzo delle scariche elettriche: Le scariche elettriche possono essere utilizzate per diverse finalità:

    • Difesa: Alcuni pesci elettrici utilizzano le scariche per difendersi dai predatori o per paralizzare le prede.
    • Comunicazione: Le scariche possono essere utilizzate per la comunicazione intraspecifica, come segnali territoriali o di corteggiamento.
    • Navigazione e localizzazione delle prede: Alcuni pesci elettrici utilizzano le scariche per navigare attraverso acque scure o torbide e per individuare le prede.
  5. Ricerca scientifica: I pesci elettrici sono oggetto di interesse scientifico per comprendere meglio i meccanismi biologici alla base della generazione di elettricità. Studi su questi animali hanno portato a sviluppi significativi nella ricerca neurologica e nella progettazione di dispositivi elettronici bioispirati.

In sintesi, i pesci elettrici rappresentano un’interessante e diversificata categoria di pesci che sfruttano la capacità di generare elettricità per sopravvivere e prosperare nel loro ambiente naturale.

 

2