Pesce testa di serpente: respira sott’acqua e striscia sulla terra ferma

Si tratta di un serpente o di un pesce? In realtà è un pesce testa di serpente del nord. Questa insolita creatura, tecnicamente un pesce appunto, è una specie invasiva capace di respirare in acqua e strisciare in terra ferma.

pesce testa di serpente

L’insolito pesce testa di serpente

Catturato il 25 maggio 2024, sotto lo sfioratore del lago Wappapello nella contea di Wayne, segna la quarta volta che un pesce testa di serpente settentrionale è stata registrata nello stato, secondo il Dipartimento di Conservazione del Missouri (MDC).

Il pesce testa di serpente settentrionale ( Channa argus ) ha un corpo lungo e una testa simile a un serpente ricoperta di scaglie a forma di pitone. Può crescere fino a 1 metro di lunghezza ed è un temibile predatore che si nutre di crostacei, rane, piccoli rettili e talvolta sfortunati piccoli uccelli e mammiferi.

pesce testa di serpente

A differenza della maggior parte dei pesci, che vivono una vita puramente acquatica, il pesce testa di serpente settentrionale può respirare aria, il che è utile in acque scarsamente ossigenate. Può anche sopravvivere sulla terra per diversi giorni purché rimanga umido ed è persino in grado di strisciare come un serpente per tornare in acqua.

Il pesce testa di serpente può sopravvivere per giorni su terra ferma

La specie non è originaria degli Stati Uniti, in realtà proviene dall’Asia,
ed è una minaccia per le specie autoctone, che predano e con cui competono per le risorse.

Come già accennato, l’avvistamento più recente del pesce testa di serpente è stato nello stato del Missouri, il primo è stato trovato in un fosso nel 2019 e altri due sono stati catturati nel 2023, ed è stata una vera sorpresa per il pescatore che lo ha trovato sulla riva.

Il pescatore ha riconosciuto che avevano qualcosa di diverso e ha studiato le caratteristiche del pesce e si è reso conto che si trattava davvero di un pesce testa di serpente“, ha affermato Dave Knuth, biologo della pesca dell’MDC: “Il pescatore lo ha lasciato sul marciapiede per diverse ore pensando che sarebbe morto, ma non successo“.

Il pesce è stato poi insaccato e trasportato all’ufficio locale del Corpo degli Ingegneri dell’Esercito americano, dove l’agente dell’MDC Jacob Plunkett lo ha recuperato dopo quasi quattro ore trascorse in un sacco: “Quando ho raccolto il pesce, era ancora vivo”, ha raccontato Plunkett.

pesce testa di serpente

Per chiunque ritrovasse lo strano esemplare di pesce, l’MDC ha richiesto che non venga rilasciato. Una volta identificato come pesce testa di serpente del nord, consigliano di sopprimerlo “recidendo la testa, sventrandola o mettendola in un sacchetto di plastica sigillato”.

Conclusioni

Il pesce testa di serpente settentrionale ha corpi lunghi e snelli e una testa appiattita con occhi situati sulla parte anteriore della testa. La testa ha una bocca grande con la mascella inferiore sporgente. I pesci hanno anche denti molto affilati, situati nella mascella inferiore.

Questi esemplari hanno pinne dorsale e anale allungate e si estendono per quasi la metà della porzione ventrale posteriore del corpo, o il lato inferiore del corpo del pesce situato più vicino alla pinna caudale. Inoltre, il pesce ha piccole pinne pelviche che si trovano direttamente dietro le pinne pettorali che si trovano su entrambi i lati della testa delle teste di serpente.

pesce testa di serpente

La testa di serpente settentrionale ha circa 8 file di scaglie sopra e 12 file di scaglie sotto la linea laterale. Le teste di serpente settentrionali cambiano colore man mano che maturano. Dato che sono giovani, la combinazione di colori più comune va dal marrone dorato al grigio chiaro. Una volta mature, le teste di serpente settentrionali sono tipicamente di un marrone più scuro con macchie marrone-rosse scure che coprono l’intero corpo.

Le teste di serpente settentrionali completamente mature variano da 44 cm a 72 cm. Tuttavia, in alcune località è stato riscontrato che le teste di serpente settentrionali crescono fino a 150 cm e pesano quasi 8 kg. Le femmine tendono ad essere più piccole dei maschi e hanno una pinna dorsale più corta insieme a muso e mascella superiore più minuti.

I funzionari ritengono che i pesci invasivi potrebbero essere entrati per la prima volta nei fiumi degli Stati Uniti dopo un incidente in un allevamento ittico commerciale in Arkansas nel 2008, e da allora hanno nuotato e strisciato)verso nord attraverso le acque dello spartiacque del fiume St. Francis.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Progetto VIPER: inaspettato nessun lancio nel 2025

Il progetto VIPER (Volatiles Investigating Polar Exploration Rover) della...

Google non eliminerà i cookie di terze parti

Google non intende più interrompere il supporto per i...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Offerte Amazon di oggi: tablet super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Beta finale di Android 15: diagnostica efficace per tutti

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Articoli correlati

Popular Categories