Che pericolo c’è nella ricerca attiva di vita intelligente?

1525

Una delle domande più meravigliose di tutte riguarda il nostro posto nell’Universo. Dopo 13,8 miliardi di anni di evoluzione cosmica, 4,5 miliardi di anni dalla formazione della Terra e almeno 4 miliardi di anni da quando la vita è apparsa per la prima volta sul nostro pianeta, gli esseri umani hanno iniziato a porsela.

Per la prima volta – almeno, di cui abbiamo prove – il pianeta Terra ora ospita una civiltà intelligente, senziente e tecnologicamente avanzata. Possiamo ricevere segnali da tutto il lontano Universo, identificarne l’origine e le proprietà e abbiamo persino iniziato a esplorare lo spazio oltre i confini del nostro sistema solare.

Sebbene abbiamo cercato segni di vita intelligente nell’Universo per più di mezzo secolo, non abbiamo ancora ottenuto prove che esista.

Allo stesso tempo, tuttavia, molti ricercatori sostengono che dovremmo trasmettere nell’universo potenti segnali che annuncino la nostra presenza ed indichino la nostra posizione, sperando di attirare l’attenzione e di entrare in contatto con una civiltà altrettanto avanzata in altre parti della galassia.

Altri, al contrario, ritengono che questa sia una strategia pericolosa e potenzialmente autodistruttiva.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Cosa dovremmo pensare e, cosa più importante, cosa dovremmo fare al riguardo?

  1. Troviamo una vita semplice e microbica già all’interno del nostro sistema solare. Potrebbero essere prove fossili di antiche forme di vita, batteri dormienti o addirittura attivi sui pianeti, sulle lune o, addirittura, su qualche frammento di cometa di passaggio nel nostro Sistema Solare. Sarebbero le missioni di esplorazione o un colpo di fortuna che faccia cadere di un pezzo di materiale contenente vita sulla Terra, a portare a questa scoperta.
  2. Troviamo segni indiretti di vita su un esopianeta o su una esoluna attorno a una stella. Attraverso l’imaging diretto o la spettroscopia di transito, potremmo identificare le firme che indicano la presenza di vita su un esopianeta e potremmo concludere che la spiegazione più probabile è che sia abitato.
  3. Riceviamo e decodifichiamo una tecnofirma da una civiltà extraterrestre avanzata. Sia che arrivi nella banda radio, in un’altra frequenza elettromagnetica, o tramite qualche segnale che dobbiamo ancora decodificare – ad esempio attraverso neutrini energetici, uno sforzo scientifico come il SETI potrebbe identificarla.
  4. Riceviamo una visita diretta dagli alieni. Questa è la speranza di coloro che indagano su oggetti volanti/fenomeni aerei non identificati: che da qualche parte un’astronave di origine aliena un giorno si presenti a noi avviando rapporti con la nostra civiltà.
  5. O, forse, ci sono alieni là fuori, in attesa di essere contattati, ma che non trasmettono attivamente. Stanno aspettando il loro primo messaggio da una civiltà aliena, quindi sta a noi inviarlo, in modo che possano riceverlo.

Gli scienziati stanno da tempo perseguendo i primi tre metodi e continuano a farlo. Il quarto continua a consistere in gran parte di pseudoscienza e teorie della cospirazione, anche se qualcuno sta cercando di dare valenza scientifica a questi eventi. Ma il quinto, probabilmente, porta in primo piano le nostre più grandi speranze e paure.

La speranza, ovviamente, è che almeno un’altra civiltà intelligente sia sorta – ad un certo punto – all’interno della galassia della Via Lattea. Proprio come noi, sono avanzati tecnologicamente e hanno iniziato a setacciare il loro vicinato alla ricerca di quello che c’è là fuori, curiosi di sapere cosa potevano trovare.

Forse hanno imparato la risposta a domande su cui stiamo ancora indagando, come:

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
  • qual è il segreto per una fusione nucleare sostenibile e la soluzione ai nostri problemi energetici in generale?
  • come la loro specie ha superato le lotte intestine, l’accumulo di risorse e il consumo eccessivo e i pericoli della guerra globale per mantenersi sul loro pianeta natale?
  • e quanto è effettivamente abbondante la vita nel nostro cortile cosmico: su pianeti, lune e corpi ancora più piccoli nel loro stesso sistema solare, e persino su mondi oltre la loro stella di origine?

Ma forse hanno già cercato tecnofirme, esaurientemente, e non ne hanno trovate per un lungo periodo di tempo, il che li ha fatti desistere. Forse, quindi, l’unica cosa che impedisce loro di contattarci è che non sanno che siamo qui e non stanno trasmettendo attivamente, non pubblicizzando la loro presenza. Se è così, forse tutto ciò che dobbiamo fare è annunciare “siamo qui!

Una volta che il nostro segnale li raggiungesse, che siano pochi o molti anni luce, potrebbero inviare un segnale o anche una missione con equipaggio, rispondendo affermativamente alla nostra domanda: sì, ci sono altri alieni là fuori, ed eccoli qui.

Naturalmente, per ogni speranza che abbiamo, c’è una paura uguale e contraria. La paura non è:

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
  • non c’è nessuno là fuori a ricevere un segnale,
  • che gli alieni ci sentiranno e ci ignoreranno, decidendo di non rispondere,
  • o che i nostri tentativi saranno inutili perché il segnale che invieremo scenderà al di sotto del rumore cosmico di fondo prima di raggiungere qualunque civiltà aliena sia là fuori.

Invece, la paura è che gli alieni ricevano effettivamente quel segnale e si dirigano in questa direzione con intenti maligni. La paura è che, annunciando la nostra presenza all’Universo, una civiltà aliena predatrice e saccheggiatrice – con una tecnologia probabilmente molto più avanzata della nostra – si avvierà per conquistarci.

Dato il divario tecnologico che sicuramente esiste, poiché sono probabilmente centinaia, migliaia o addirittura milioni di anni avanti a noi, sarà una guerra breve e brutale che finirà con l’estinzione o la schiavitù per l’umanità. Come la trama di molti film di invasione aliena, ma senza una vittoria irrealistica per noi coraggiosi umani, potremmo essere responsabili della nostra stessa fine.

Naturalmente, da quando sono stati trasmessi i primi segnali radiofonici e televisivi, abbastanza potenti e delle frequenze adeguate da essere in grado di viaggiare oltre l’atmosfera terrestre, la ionosfera e le fasce di Van Allen, gli umani hanno – consapevolmente o inconsapevolmente – annunciato la propria presenza per qualsiasi osservatore sufficientemente avanzato, e lo facciamo ormai da oltre 80 anni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Se dovessimo disegnare una sfera intorno alla Terra con un raggio di circa 80 anni luce, scopriremmo che ci sono circa 10.000 sistemi stellari inclusi in questa sfera, la maggior parte dei quali non sono stati scoperti fino ad oggi, che potrebbero aver ricevuto un segnale inequivocabile della presenza dell’umanità qui sulla Terra.

C’è una differenza, tuttavia, tra ciò che abbiamo fatto e continuiamo a fare, inavvertitamente, e fare uno sforzo concertato per raggiungere qualunque cosa possa essere presente nella galassia oltre il nostro cortile.

L’idea principale ricade sotto l’ombrello del METI: Messaging Extraterrestrial Intelligence, che a volte viene definito “SETI attivo“, poiché non sta semplicemente ascoltando passivamente, ma sta trasmettendo attivamente, inclusa la trasmissione mirata a sistemi stellari di particolare interesse. È proprio questo sforzo che ha attirato così tanta attenzione, oltre a critiche e preoccupazioni.

Per quanto ne sappiamo, siamo arrivati ​​molto più lontano di quanto la maggior parte di noi avrebbe potuto immaginare anche solo pochi decenni fa.

All’inizio degli anni ’90, avevamo solo prove speculative dell’esistenza di pianeti al di fuori del nostro Sistema Solare. Non sapevamo quanto fossero comuni i mondi delle dimensioni della Terra attorno a stelle simili al Sole; non sapevamo quali tipi di pianeti fossero comuni o rari nell’Universo; non sapevamo se il nostro Sistema Solare fosse tipico, raro o una rarità cosmica. Oggi, a partire dal 2021, molte di queste cose sono cambiate.

La nostra Via Lattea ha circa 400 miliardi di stelle e noi siamo solo una delle circa 2 trilioni di galassie all’interno dell’Universo osservabile. Delle stelle all’interno della nostra galassia:

  • 80-100% di loro hanno pianeti e sistemi planetari intorno a loro,
  • ~ 20% di queste stelle sono simili al Sole, del sottotipo K, G o F,
  • Il 10-20% di quei pianeti è simile alla Terra in termini di dimensioni e massa,
  • e il 20-25% di questi sistemi ha un pianeta in quella che chiamiamo la “zona abitabile” intorno a loro, il che significa che avrebbero le giuste temperature per l’acqua liquida sulle loro superfici se avessero atmosfere simili alla Terra.

Mettendo insieme tutti questi pezzi, scopriamo che ci sono probabilmente alcuni miliardi di mondi potenzialmente abitati nella nostra galassia: con le condizioni e gli ingredienti giusti affinché la vita possa sorgere su di essi.

Ci sono molte possibilità là fuori, ma ciò che non sappiamo rimane ancora sostanziale e ci rende molto incerti sull’ultima delle domande: quante civiltà intelligenti e tecnologicamente avanzate sono effettivamente là fuori?

Tutti, inclusi Michio Kaku e Douglas Vakochcome riportato dal New York Times, concordano sul fatto che è ingenuo presumere che potremmo essere l’unica forma di vita intelligente presente nella galassia. Dopotutto, non conosciamo ancora la risposta a tre domande molto, molto grandi.

  1. Dei mondi che identifichiamo come potenzialmente abitabili, quanti di loro hanno effettivamente o hanno avuto vita su di essi?
  2. Dei mondi su cui sorge la vita, quanti di loro hanno vita che si è sostenuta su scale temporali cosmologiche, come miliardi di anni, dove si evolve per diventare complessa, multicellulare e altamente differenziata?
  3. E dei mondi in cui la vita sopravvive, prospera e diventa complessa, su quanti la vita diventa effettivamente intelligente e tecnologicamente avanzata?

Abbiamo miliardi di mondi possibilmente abitati nella nostra Via Lattea, come si evince da ciò che siamo in grado di misurare finora. Ma dobbiamo essere onesti sulla nostra ignoranza.

Se la risposta a tutte e tre queste domande fosse qualcosa come l’1%, allora la vita intelligente deve essere sorta nella nostra galassia migliaia di volte in passato. Se la risposta a tutte e tre queste domande è più simile allo 0,01% o meno, allora potremmo essere i primi ad arrivare così lontano nell’intera galassia.

La verità onesta è che senza maggiori e migliori informazioni sull’Universo, non possiamo sapere, ma che se anche uno solo di questi tre passaggi è “difficile” nel senso che è estremamente improbabile, l’umanità potrebbe davvero essere sola.

Quindi immaginiamo, per amor di discussione, che ci siano altre civiltà intelligenti là fuori. Dovremmo provare a contattarli? Kaku dice di no, sostenendo quanto segue:

Penso che l’idea di raggiungere e pubblicizzare la nostra esistenza sia un’idea pessima. In effetti, penso che sarebbe il più grande errore nella storia umana cercare deliberatamente di entrare in contatto con un avversario di cui non sappiamo nulla. Il crollo della civiltà come sappiamo potrebbe accadere… è ingenuo presumere necessariamente che [gli alieni siano] pacifici, che vogliano darci il beneficio della loro tecnologia, quando potrebbero essere come Cortez”.

Supponiamo, quindi, che gli alieni siano come Cortez: in cerca di conquiste e ricchezze. Non per le ricchezze d’oro, ma per le preziose risorse che abbiamo qui a nostra disposizione.

Questo è il problema più grande con questo argomento: se una specie aliena può attraversare il cosmo, avendo raggiunto la padronanza tecnologica su un’impresa complessa come il viaggio interstellare, quali risorse potrebbero così preziose per loro da esistere in abbondanza sulla Terra e così rare altrove?

Non ce ne sono. Nulla di ciò che abbiamo qui sulla Terra è unico per il nostro pianeta che non sia facilmente sintetizzabile altrove, tranne, forse, la stessa vita intelligente.

Dovremmo presumere che una civiltà extraterrestre avanzata sarebbe interessata a noi solo perché abbiamo annunciato la nostra presenza, e quindi agirebbe rapidamente per spazzarci via senza una ragione allo stesso modo in cui un bambino potrebbe bruciare a morte le formiche con una lente d’ingrandimento.

Vakoch, d’altra parte, sostiene il punto opposto; che essere un “lurker” cosmico è l’unico modo sicuro per rimanere isolati nel nostro mondo insulare, piuttosto che unirsi a qualsiasi conversazione inter-civiltà potrebbe effettivamente verificarsi. Per riassumerlo con le sue stesse parole:

Alcune persone direbbero, beh, aspetta se sanno già che siamo qui, qual è lo scopo di raggiungerci? Stiamo cercando di testare quella che viene chiamata l’ipotesi dello zoo… [immagina di essere allo zoo e] stiamo controllando gli animali. Sappiamo che sono già lì. Stiamo camminando vicino a un gruppo di zebre. E uno di loro si volta verso di noi, ci guarda dritto negli occhi e comincia a battere con lo zoccolo una serie di numeri primi. Adesso non lo so. Forse… voi andrete a dare un’occhiata agli gnu. Rimarrei in giro per cercare di comunicare con questo”.

Se una civiltà aliena avesse trovato il nostro pianeta e avesse concluso, “beh, è ​​decisamente abitato“, le ultime centinaia di anni sarebbero state straordinarie. I nostri rapidi cambiamenti atmosferici, l’aggiunta di CO2, la presenza di sostanze chimiche create dall’uomo nella nostra atmosfera, il fatto che il nostro lato notturno ora emetta un’illuminazione visibile (artificiale) e la presenza di segnali radio indicano tutti la presenza di un specie intelligente in rapida evoluzione tecnologica.

Certo, ci stupirebbe se una zebra si rivelasse intelligente in questo senso, ma è perché abbiamo studiato non solo le zebre, ma molti altri animali, a lungo, e abbiamo vari parametri per valutare la loro intelligenza. A meno che una delle due opzioni non sia vera:

  • gli alieni sono soli e aspettano qualcuno con cui parlare,
  • o gli alieni stanno aspettando che raggiungiamo un certo “obiettivo” – come la civiltà vulcaniana di Star Trek ha aspettato fino a quando non è stata creata una firma di curvatura prima di stabilire il primo contatto – prima di rivelarsi a noi,

non abbiamo motivo di credere che una trasmissione deliberata realizzerà qualcosa che i nostri segnali finora involontari non hanno già fatto.

Naturalmente, questo è un esercizio di pensiero interamente speculativo, guidato in gran parte dalla nostra immaginazione e dalla nostra conoscenza esclusivamente degli eventi passati che si sono verificati qui sulla Terra.

Tuttavia, indipendentemente dal fatto che esistano alieni intelligenti, indipendentemente dai loro intenti malevoli o benevoli, un fatto rimane innegabile: per tutti i problemi che abbiamo sul pianeta Terra – alcuni auto-creati, altri da pressioni esterne – non ci sono prove che qualcun altro sia venendo a salvarci.

Nessuno viene a risolvere i nostri problemi energetici, i nostri problemi di gestione delle risorse, il nostro trattamento insostenibile dell’ambiente o problemi come la guerra, la fame, la carenza di nutrienti o l’insicurezza dell’acqua. Nessuno ci aiuterà a valutare la vita degli altri, o anche la nostra stessa vita.

Se speriamo di essere salvati dai problemi che abbiamo di fronte oggi, dobbiamo guardare dentro, a noi stessi e verso l’esterno: non alle stelle, ma gli uni agli altri. In tutto il mondo, la più grande risorsa che abbiamo è la conoscenza cumulativa che abbiamo raccolto e la capacità di lavorare insieme.

Gli ingredienti ci sono, ma sta a noi metterli insieme e usarli per il bene di tutti. Se vogliamo cambiare la traiettoria della nostra specie, cercare la conoscenza e cercare le risposte vere alle nostre domande più profonde è certamente una parte essenziale della soluzione.

Ma non dobbiamo fare affidamento né sulle speranze né sui timori quando si tratta dell’ignoto. Dobbiamo invece fare affidamento sulla risorsa più grande di tutte: il riconoscimento della nostra comune umanità.